Pubblicato il: 19/10/2017

Feng Tang - Foto tratta dal sito dell'Istituto Confucio dell'Università Statale di Milano

In Italia per un laboratorio di traduzione letteraria dal cinese, all'Istituto Confucio dell'Università Statale di Milano, lo scrittore incontra il pubblico il 24 ottobre al Polo di Sesto e il 25 ottobre al Laboratorio Formentini per l'Editoria.

Scrittore e traduttore, Feng Tang è anche dottore in Medicina clinica con laurea in Economia: un personaggio poliedrico e controverso noto al pubblico cinese per l'irriverenza dei suoi scritti.

La sua popolarità si deve alla trilogia - Felicità (scritto a soli 18 anni), Tutto cresce e Ho diciotto anni, datemi una ragazza – e al romanzo Unità, opera semi-pornografica ambientata in epoca Tang, pubblicata a Hong Kong e Taiwan, e mai apparsa nella Cina Popolare.

Ancora poco conosciuto in Italia, Feng Tang - oltre al laboratorio di traduzione letteraria dal cinese all'Istituto Confucio della Statale, diretto da Silvia Pozzi - incontra gli studenti del Polo di Mediazione Interculturale e Comunicazione, il 24 ottobre, alle ore 14.30 nell'Aula T9 di piazza Montanelli 1.

Nell'incontro del 25 ottobre - ore 18, presso il Laboratorio Formentini per l'Editoria - Feng Tang dialoga con il pubblico in veste di traduttore di alcune opere del poeta indiano Tagore. All'incontro partecipano Alessandra Lavagnino, docente di Lingua e Cultura cinese, e Donatella Dolcini, docente di lingua hindi e cultura indiana.

Per informazioni
Istituto Confucio dell'Università degli Studi di Milano
Tel. 02 503 21675
info.confucio@unimi.it