Voi siete qui

Biogeografia: nuovo studio sulla distribuzione degli animali sulla Terra08-03-2017

Nature Ecology and Evolution pubblica lo studio italo-francese, guidato dall’Università Statale di Milano, che attribuisce alla combinazione di climi, barriere montuose e movimenti geologici la distribuzione degli animali nelle diverse zone del pianeta.

EcozoneFin dai tempi di Darwin, gli zoologi cercano di capire perché le specie le specie vivono in un posto e non in un altro e hanno creato una apposita disciplina, la biogeografia, per cercare di rispondere a queste domande. Gruppi simili di animali tendono a vivere insieme nelle stessa aree del mondo, chiamate aree biogeografiche. Per esempio, in Africa gli animali che vivono nel Sahara sono ben distinti da quelli della savana, che a loro volta sono molto diversi da quelli delle foreste del Congo.

Un gruppo di ricercatori italo-francesi, guidato da Francesco Ficetola dell’Università Statale di Milano, ha pubblicato su Nature Ecology and Evolution uno studio che spiega il perché di queste differenze: la distribuzione degli animali sulla Terra è determinata dalla combinazione di diversità tra i climi, barriere montuose e movimenti geologici delle masse continentali.

Lo studio ha confrontato la distribuzione delle aree biogeografiche, in cui vivono determinate specie animali, con modelli di variazione climatica, catene montuose e movimenti dei continenti durante gli ultimi 60 milioni di anni, per capire quali di questi fattori hanno creato i limiti della distribuzione degli animali.

Per la prima volta, una ricerca restituisce una visione globale sul perché la vita ha forme così diverse quando viaggiamo tra le aree del mondo.


Leggi il comunicato stampa integrale
 

Per Informazioni
Università degli Studi di Milano
Ufficio Stampa
Anna Cavagna - Glenda Mereghetti
tel. 02 503 12983 – 2025
ufficiostampa@unimi.it