Voi siete qui

Specializzandi di Medicina e Chirurgia

Definizioni - comportamenti - contatti

DEFINIZIONI

Infortunio:
qualunque evento che, in rapporto diretto con lo svolgimento dell’attività didattico-formativa o di ricerca, compreso il tragitto casa-sede dell’attività e viceversa, determini inabilità temporanea, inabilità permanente al lavoro (assoluta o parziale), morte.

Infortunio "in itinere":
qualunque evento dannoso che abbia luogo durante il tragitto casa/sede dell’attività dell’attività didattico-formativa o di ricerca e viceversa.

Datore di lavoro abilitato alla denuncia degli infortuni:
è il legale rappresentante dell’Università degli Studi di Milano (Rettore).

Attività ammesse presso le Aziende Ospedaliere:
tirocinio tecnico-formativo, attvità di ricerca, partecipazione a lezioni e convegni, ad esclusione dell'attività assistenziale in luogo del personale sanitario di ruolo.

COME COMPORTARSI IN CASO DI INFORTUNIO:

- informare il direttore della scuola o suo delegato;

- evitare l'auto-diagnosi;

- recarsi, entro 48 ore dall'ìnfortunio, al più vicino pronto soccorso dichiarando di aver subito un "infortunio sul lavoro";

- segnalare tempestivamente l'infortunio all'Ufficio del Servizio Prevenzione e Sicurezza sul Lavoro dell'Ateneo utilizzando l'apposita modulistica resa disponibile in questa pagina.

CONTATTI UTILI

 

COME DENUNCIARE UN INFORTUNIO?


In caso di infortunio sul lavoro, l'infortunato deve informare immediatamente il direttore della scuola o suo delegato segnalando le circostanze in cui l’infortunio si è verificato.

L'infortunato deve recarsi, per ricevere le prime cure, entro 48 ore dall'infortunio, al più vicino pronto soccorso chiedendo il rilascio di idonea certificazione.

Si ricorda che tutte le prestazioni sanitarie erogate dalle aziende ospedaliere per gli infortuni sul lavoro sono esenti da ticket.

La denuncia dell'infortunio, secondo quanto disposto nella Circolare USM prot. 44889 del 4.12.2007, deve essere tempestivamente inoltrata all'Ufficio del Servizio Prevenzione e Sicurezza sul Lavoro dell'Ateneo, dall'infortunato o da un suo congiunto, utilizzando la modulistica di seguito indicata. La denuncia deve essere trasmessa per posta, per fax o e-mail ai recapiti su indicati.

INFORTUNI SENZA PROGNOSI

Gli infortuni che non comportano prognosi (es.: punture, tagli, accidentale contatto con materiale biologico) devono essere segnalati inoltrando ai recapiti su indicati il modulo SPAO-DI (modulo in formato word) e la certificazione rilasciata dal pronto soccorso, incluso il referto del primo controllo ematochimico. Detto invio chiude la pratica.

Solo nel caso in cui dai successivi controlli ematochimici eventualmente prescritti all'infortunato dal pronto soccorso (es.: prelievi trimestrali o semestrali) risulti una qualche patologia, l'infortunato

INFORTUNI CON PROGNOSI

Se all’infortunato vengono assegnati dei giorni di prognosi, l’infortunio deve essere segnalato inoltrando ai recapiti su indicati il modulo SPAO-DI (modulo in formato word) unitamente alla certificazione rilasciata dal pronto soccorso. Detto invio non chiude la pratica in quanto l’infortunato dovrà trasmettere anche la successiva documentazione medica (es.: certificati di ulteriore prognosi, referti) fino all’emissione di un certificato medico di chiusura che lo dichiari “clinicamente guarito” oppure “clinicamente guarito con postumi”.

Nei giorni di prognosi assegnati in conseguenza dell'infortunio non è possibile svolgere alcuna attività a meno che un apposito certificato medico non dichiari che detta attività è interamente o parzialmente compatibile con lo stato di salute dell'infortunato.

INFORTUNI “in itinere”

Qualora l’infortunio sia occorso nel tragitto sede dell’attività didattico-formativa/casa e viceversa, oppure in occasione di altro spostamento preventivamente autorizzato (incluse le missioni all'estero), oltre al modulo SPAO-DI (modulo in formato word) l’infortunato deve trasmettere ai recapiti su indicati il modulo SPAO-IT (modulo in formato word).

 

N.B.: si sottolinea che l'obbligo di denuncia, a tutela dell'infortunato, sussiste anche per gli infortuni di lieve entità.