FAQ iscritti ai corsi di dottorato

Dottorati anno accademico 2017/2018


Rinnovo iscrizione

Cosa devo fare per rinnovare l’iscrizione?

Il rinnovo si effettua ESCLUSIVAMENTE on line accedendo da UNIMIA - Servizi SIFA - Servizi di immatricolazione e iscrizione - Rinnovo iscrizione.
Il servizio è disponibile con le scadenze indicate alla pagina Rinnovo iscrizione

Devo pagare l'iscrizione? A quanto ammonta?

Il contributo di iscrizione  per l’a.a. 2016/2017 ammonta ad Euro 980 ed è comprensivo di tasse e imposte previste per legge, oltre che del premio assicurativo.

Entro le scadenze previste i dottorandi che non beneficiano di borsa di studio o assegno di ricerca presso Unimi o Università consorziate dovranno provvedere al pagamento del contributo di iscrizione con Carta di credito o MAV, accedendo all'apposito Servizio Gestione Pagamenti da UNIMIA - Servizi SIFA - Servizi di segreteria.  

Non ho ricevuto il MAV, cosa devo fare per pagare l’iscrizione?

Il bollettino MAV è disponibile accedendo all'apposito Servizio Gestione Pagamenti da UNIMIA - Servizi SIFA - Servizi di segreteria

 

Qual è la scadenza ultima per il pagamento? E' prevista una mora in caso di ritardo?

Il versamento del contributo di iscrizione dovrà essere effettuato entro le scadenze indicate alla pagina Rinnovo iscrizione.

E' previsto il pagamento di una mora di €30 per chi effettua il pagamento in ritardo.

Il rinnovo effettuato dopo il 31 dicembre di ogni anno comporta l'attribuzione di una sanzione amministrativa.



Carriera

In quali casi posso sospendere il dottorato?

La frequenza del corso è sospesa nel periodo di astensione obbligatoria prevista dalla normativa vigente in caso di maternità, paternità, adozione e affidamento e può essere sospesa nei periodi di astensione facoltativa.

E' altresì sospesa in caso di malattia o infortunio di durata superiore a trenta giorni, adeguatamente documentata.

Può essere sospesa, a richiesta e su autorizzazione del Collegio docenti, in caso di particolari e documentati gravi motivi personali o familiari

In tutti questi casi l’erogazione dell’eventuale borsa di studio viene interrotta e recuperata alla ripresa dell’attività.

Possono infine ottenere la sospensione degli obblighi di frequenza  per svolgere il periodo di prova, i dottorandi assunti a tempo indeterminato presso la Pubblica Amministrazione, rinunciando per il medesimo periodo alla borsa di studio in godimento.

 

Al termine della sospensione il dottorando riprenderà a frequentare il corso dandone comunicazione al coordinatore e alla Segreteria Dottorati: il percorso didattico e di ricerca, ridefinito dal collegio, sarà differito per una durata pari al periodo di sospensione.

I dottorandi senza borsa che sospendono per un intero anno accademico sono tenuti all'atto della ripresa studi al pagamento del contributo di interruzione, ammontante a € 200.

I moduli da compilare per la richiesta di sospensione e la ripresa studi sono disponibili nella sezione Modulistica.

 

Vorrei rinunciare al Corso: cosa devo fare?

Il dottorando che intende rinunciare al corso deve compilare l’apposito modulo disponibile nella sezione Modulistica e inviarlo o consegnarlo alla Segreteria Dottorati, con un mese di anticipo.  

I beneficiari di borsa mantengono il diritto alla corresponsione dell'ultima mensilità commisurata al periodo di attività svolta. Qualora abbiano percepito rate di borsa riferite a un periodo successivo alla decorrenza della rinuncia sono tenuti a restituire quanto ricevuto.

Vorrei rinunciare alla Borsa di studio. Devo restituire i ratei già incassati?

Non possono essere ammessi al godimento della borsa e devono rinunciarvi:

  • gli ammessi che abbiano già conseguito un titolo di dottore di ricerca, con o senza borsa di studio
  • i beneficiari di altre borse di studio assegnate nello stesso anno (tranne quelle previste per soggiorni all'estero)
  • gli specializzandi ammessi alle condizioni di cui all'art. 24 del Regolamento Dottorati , in quanto usufruiscono di trattamento economico
  • gli iscritti ai cicli precedenti il 31° che superino il limite di reddito di 15.000 euro (in questo caso viene effettuata la revoca dell’intera borsa relativa all’anno accademico in corso e deve essere corrisposto il contributo di iscrizione).

 

Mi hanno proposto un’assunzione: è compatibile con il Dottorato di ricerca?

Al dottorando è richiesto un impegno esclusivo e a tempo pieno.

Il Collegio dei docenti può, con apposita delibera, autorizzare prestazioni lavorative discontinue e meramente occasionali che non compromettano il proficuo svolgimento delle attività formative e di ricerca e in ogni caso compatibili con l'impegno orario richiesto di 1500 ore all'anno.

Per gli iscritti ai cicli precedenti il 31° vale quanto stabilito all'art. 15 del Regolamento dei Dottorati previgente: l'attività di dottorato non è di norma compatibile con impegni di lavoro a tempo pieno, ma in casi eccezionali e adeguatamente motivati il Senato Accademico può autorizzare l'attività lavorativa, a condizione che il Collegio Docenti ne dichiari la compatibilità.

 

Vorrei effettuare un periodo di studi all’Estero: cosa devo fare?

Deve compilare l’apposito modulo per richiedere la maggiorazione della borsa di studio.
Alla richiesta deve essere allegata l’autorizzazione del Coordinatore del dottorato. Dall’estero dovranno essere inviate le attestazioni periodiche di frequenza, disponibili alla pagina Borse di dottorato.   

Per avere diritto alla maggiorazione il soggiorno all’estero non può essere di durata inferiore a un mese (10 giorni per gli iscritti ai cicli precedenti il 31°) e non può eccedere complessivamente i diciotto mesi, fatti salvi i casi di dottorati attivati in convenzione con università e istituzioni straniere.

La maggiorazione non può essere fruita nel Paese di provenienza del dottorando o nel Paese ove il dottorando abbia la residenza.



Esami finali

Cosa devo fare per ottenere il rilascio del Titolo originale?

Il Diploma di Dottorato viene spedito a domicilio, di norma nei mesi di giugno e luglio.
In attesa del diploma è possibile autocertificare il conseguimento del titolo o, nei casi stabiliti dalla legge, richiedere un certificato in italiano o in inglese.

Per ottenere tale certificazione è obbligatoria la consegna delle tesi in formato digitale tramite l'Archivio istituzionale della ricerca.

La consegna della tesi in formato cartaceo è richiesta solo ai dottorandi che hanno sostenuto l'esame prima del 31 ottobre 2010. Indicazioni dettagliate alla seguente pagina.

  

Non ho superato l’esame finale. Posso rifarlo?

No, il regolamento dei corsi di Dottorato non prevede più la possibilità di ripetere l’esame finale in caso di esito negativo.

Quali sono i termini per la presentazione della domanda di ammissione all’esame finale?

La domanda di Ammissione deve essere presentata ESCLUSIVAMENTE tramite l'apposito servizio SIFA ON LINE, di norma entro 15 giorni dalla conclusione del corso.

Al servizio si accede via internet tramite autenticazione con username e password  di posta elettronica.

Per ulteriori dettagli su scadenze e procedure si veda la sezione dedicata agli esami finali.

Come posso ottenere una proroga o un differimento dell’esame finale?

A partire dal 30° ciclo non è più concessa la proroga per la presentazione della tesi.

Quando si terrà il colloquio per l’esame finale?

Normalmente entro due o tre mesi dalla scadenza dei termini per la presentazione delle domande di ammissione. Il diario dell'esame (sede, data, ora), è pubblicato sul sito.

Chi sono i membri della commissione?

La Commissione viene nominata con Decreto Rettorale dall’Ufficio competente appartenente alla Divisione Formazione universitaria e Formazione Permanente e resa pubblica su questo stesso sito.



Varie

Sono coperto da Assicurazione se mi reco all'Estero?

Tutti gli studenti dell'Università sono coperti da Assicurazione sia contro il rischio di infortuni sia contro il rischio di responsabilità civile verso terzi in Italia e all'estero in tutti i luoghi in cui abbiano a trovarsi per ragioni di studio e ricerca, nonché durante gli spostamenti o i viaggi di istruzione purché debitamente autorizzati.

Quando viene disattivato il mio indirizzo e-mail?

L'indirizzo e-mail resta attivo per un anno dalla data di conseguimento del titolo. Tutte le informazioni sono disponibili alla pagina Rilascio e rinnovo credenziali.