Protocolli governativi

Bando Italia - Cina 2016-2018

Il Ministero Affari Esteri (MAE) ha pubblicato il "Bando per la raccolta di progetti congiunti di ricerca scientifica e tecnologica nell’ambito del Protocollo di Cooperazione Scientifica e Tecnologica tra Italia e Cina per il periodo 2016 – 2018".

La partecipazione a questo bando permetterà, in caso di selezione, di accedere ai Protocolli governativi e poter così partecipare ai successivi bandi annuali per le richieste di finanziamento.

Scadenza: 15 dicembre 2015 (ore 17:00)

Il bando (scaricabile dal box sottostante) finanzia tematiche specifiche intorno alle quali sviluppare la proposta di progetto da presentare per il finanziamento sulla sola Linea “Progetti di Grande Rilevanza” ai sensi della L. 401/90:

  • Biotechnology and Medicine (proteomics and genomics, cancer research, neurodegenerative and cardiovascular pathologies, regenerative medicine)
  • Environment (soil remediation, water purification and pollution detection)
  • Nanosciences and Advanced Materials
  • Physics (high energy physics);
  • Aerospace (deep-space exploration, remote sensing)
  • Sustainable urbanization (smart city, internet of things, ICT)

Progetti presentati in altre aree di ricerca non saranno presi in considerazione.

Si sottolinea che ogni ricercatore può inviare un solo progetto.

In tutti i casi sarà data preferenza a progetti che coinvolgano imprese, o che beneficino di contributi finanziari di altri soggetti.

Per parte italiana, i progetti devono essere presentati unicamente tramite l’apposita procedura on-line.

Si ricorda che il contributo del Ministero degli Affari Esteri non coprirà l’intero costo del progetto, sarà pertanto necessario prevedere una quota di cofinanziamento, e dunque controntarsi, in proposito, con le l’amministrazione di dipartimento e con l'Ufficio Auditing e Consulenza Contabile Progetti (audit.ricerca@unimi.it ) per la necessaria verifica del budget.

Si ricorda, come per tutti bandi a cui si partecipa a nome dell'Università degli Studi di Milano, l’importanza di interagire con il personale amministrativo: si richiede dunque di informare della propria partecipazione al bando lo Sportello Finanziamenti per la Ricerca sportello.ricerca@unimi.it) e, sottomessa la domanda, di fare pervenire copia della stessa allo Sportello per la registrazione nella banca dati d’Ateneo.

Il testo completo del presente invito è reperibile sul sito del MAE.

Download

Bando Italia - Cina 2016-2018

FAQ

inizio pagina

Bando Italia - USA 2016-2017

Il Ministero Affari Esteri (MAE) ha pubblicato il bando "Italy – USA Science and Technology Cooperation Call for Joint Research Proposals".

Scadenza: 14 agosto 2015

Durata dei progetti: due anni

Il bando (scaricabile dal box sottostante) finanzia solo progetti di grande rilevanza ai sensi della L. 401/90.

Ammissibilità

Per la controparte italiana i coordinatori scientifici dovranno essere in possesso della cittadinanza italiana o dell’Unione Europea, ma essere residenti in Italia. Ogni coordinatore potrà sottomettere una sola domanda.
Per la controparte US i coordinatori scientifici dovranno dimostrare chiaramente di avere fondi già disponibili per portare avanti la parte di progetto che gli compete.
Per la presentazione dei progetti di grande rilevanza è necessario, per parte italiana, la sottoscrizione di una lettera di Endorsement da parte del rappresentante legale dell’ente del coordinatore scientifico proponente da inviare via posta elettronica a indirizzo di posta progetti.gr@esteri.it.

Prima fase: invio della proposta progettuale

I progetti devono essere inviati tramite la piattaforma on-line presente al seguente link: http://web.esteri.it/pgr/sviluppo

I progetti devono essere redatti in inglese.

Potranno essere presentati progetti nelle seguenti aree di ricerca:

  • Advanced Materials and Nanotechnologies; 
  • Agriculture technologies for crops, fruit trees and vineyards and Food Sciences;
  • Earth Sciences, including Natural Hazards, Environment, Space Observations and Oceanography;
  • ICT, including Robotics;
  • Life Sciences, limited to: Brain Studies and Rare Diseases; 
  • Physics and Astrophysics;
  • Technologies Applied to Cultural and Natural Heritage

I progetti saranno valutati sulla base dei seguenti criteri:

  • Scientific relevance of the project
  • Methodology and documentation
  • Qualification of the applicants
  • Added value of the bilateral cooperation
  • Added value in addressing industrial/societal challenges
  • Exploitation and dissemination of results
  • Budget adequacy

Sarà attribuito valore aggiunto per i progetti che coinvolgeranno più di un ente di ricerca pubblico/privato, progetti che coinvolgeranno partner industriali (coinvolgimento dimostrabile tramite una lettera di espressione d’interesse), progetti che beneficino di contributi finanziari di altri soggetti e/o prevedano un eventuale coinvolgimento dei proponenti in programmi di ricerca multilaterali ed europei, in particolare HORIZON 2020.

I progetti presentati in questa fase saranno sottoposti a valutazione prima a livello nazionale poi a livello congiunto bilaterale.

Seconda fase

Solo i progetti selezionati nella fase 1 e quindi inseriti nel Protocollo Esecutivo, potranno partecipare al successivo apposito bando annuale per la richiesta di cofinanziamento vera e propria. Le istruzioni generali per accedere a tali finanziamenti saranno presenti, una volta pubblicato il bando menzionato, sul sito web del Ministero degli Affari Esteri.

Procedure interne

Si ricorda, come per tutti bandi a cui si partecipa a nome dell'Università degli Studi di Milano, l’importanza di interagire con il personale amministrativo: si richiede dunque di informare della propria partecipazione al bando lo Sportello Finanziamenti per la Ricerca (sportello.ricerca@unimi.it, int. 12069) o Officina Horizon 2020 (officina.h2020@unimi.it; int. 12771) che si occuperà della lettera di endorsement necessaria per la presentazione della domanda. Si richiede altresì di prendere contatti con l’Ufficio Auditing per la definizione del Budget (audit.ricerca@unimi.it ) e del cofinaziamento. Coloro che sottometteranno la domanda sono pregati di fare pervenire copia della stessa allo Sportello per la registrazione nella banca dati d’Ateneo.

Gli interessati sono pregati di prendere contatti con lo Sportello per la Ricerca (sportello.ricerca@unimi.it, int. 12069) o Officina Horizon 2020 (officina.h2020@unimi.it; int. 12771) per ottenere l’obbligatoria lettera di endorsement dell’ente del proponente entro la prima settimana del mese di Agosto.

Il bando

Il testo completo del bando è reperibile sul sito del MAE.

Download

Bando Italia - USA 2016-2017

inizio pagina

Bando Italia – Corea del Sud 2016-2018

Il Ministero Affari Esteri (MAE) ha pubblicato il "Bando per la raccolta di progetti congiunti di ricerca scientifica e tecnologica nell’ambito del Protocollo di Cooperazione Scientifica e Tecnologica tra Italia e Corea per il periodo 2016 – 2018".

Scadenza: 6 luglio 2015

Durata dei progetti: tre anni

Il bando (scaricabile dal box sottostante) finanzia solo progetti di grande rilevanza ai sensi della L. 401/90.
 
Ammissibilità
Per i progetti provenienti dall’Italia i coordinatori scientifici dovranno essere in possesso della cittadinanza italiana o dell’Unione Europea ma essere residenti in Italia. Ogni coordinatore potrà sottomettere una sola domanda.

Per la presentazione dei progetti di grande rilevanza è necessario, per parte italiana, la sottoscrizione di una lettera di Endorsement da parte del rappresentante legale dell’ente del coordinatore scientifico proponente da inviare via posta elettronica a progetti.gr@esteri.it.

I progetti che devono coprire tre anni di attività devono essere redatti in inglese.

Potranno essere presentati progetti nelle seguenti aree di ricerca:

  1. Agriculture and Food Science and Technology
  2. Energy and Environment (including rational use of water resources and desalination)
  3. Health, Biotechnology and Medicine
  4. Nanosciences and Advanced Materials
  5. Technologies applied to Cultural Heritage
  6. Remote Sensing, Space Sciences and Geophysics
  7. Basic sciences

I progetti saranno valutati sulla base dei seguenti criteri:

  • Scientific relevance of the project
  • Methodology and documentation 
  • Qualification of the applicants 
  • Added value of the bilateral cooperation
  • Added value in addressing societal challenges
  • Exploitation and dissemination of results
  • Budget adequacy (for project of Particular relevance only)

Sarà attribuito valore aggiunto per i progetti che coinvolgeranno partner industriali, beneficino di contributi finanziari di altri soggetti e/o  prevedano un eventuale coinvolgimento dei proponenti in programmi di ricerca multilaterali ed europei, in particolare HORIZON 2020.

Seconda fase
Per parte italiana i progetti che selezionati saranno parte di una short-list e potranno applicare per una apposita call per la richiesta di cofinanziamento, pubblicato dalla Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese - Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica nel sito web del Ministero degli Affari Esteri (il bando è solitamente pubblicato nell’ultimo trimestre di ogni anno).  
Le istruzioni generali per accedere a tali finanziamenti saranno presenti, una volta pubblicato il bando menzionato, sul sito web del Ministero degli Affari Esteri .

Procedure interne
Si ricorda, come per tutti bandi a cui si partecipa a nome dell'Università degli Studi di Milano, l’importanza di interagire con il personale amministrativo: si richiede dunque di informare della propria partecipazione al bando lo Sportello Finanziamenti per la Ricerca (  sportello.ricerca@unimi.it) che si occuperà della lettera di endorsement necessaria per la presentazione della domanda. Si richiede altresì di prendere contatti con l’Ufficio Auditing per la definizione del Budget (audit.ricerca@unimi.it) e del confinaziamento. Coloro che sottometteranno la domanda sono pregati di fare pervenire copia della stessa allo Sportello per la registrazione nella banca dati d’Ateneo.

Il bando
Il testo completo del presente invito è reperibile sul sito del MAE.

Documenti scaricabili

Bando Italia - Corea del Sud 2016-2018

inizio pagina

Bando Italia - Egitto 2016-2018

Il Ministero Affari Esteri (MAE) ha pubblicato il "Bando per la raccolta di progetti congiunti di ricerca scientifica e tecnologica nell’ambito del Protocollo di Cooperazione Scientifica e Tecnologica tra Italia e Egitto per il periodo 2016 – 2018".
La partecipazione a questo bando permetterà, in caso di selezione, di accedere ai Protocolli governativi e poter così partecipare ai successivi bandi per le richieste di  finanziamento.

Scadenza: 15 luglio 2015

Il bando (scaricabile dal box sottostante) finanzia due tipologie di azioni:

  • progetti per lo scambio dei ricercatori
  • progetti di grande rilevanza ai sensi della L. 401/90

Si sottolinea che ogni ricercatore può inviare un solo progetto e, inoltre, che non è possibile presentare contemporaneamente una richiesta per "Progetti per lo scambio di ricercatori" e per "Progetti di grande rilevanza".

Coordinatori
ITALIA: i coordinatori scientifici dovranno essere in possesso della cittadinanza italiana o di un Paese dell’Unione Europea ed essere residenti Italia.
EGITTO: i coordinatori scientifici egiziani devono essere in possesso della cittadinanza egiziana.

Potranno essere presentati progetti nelle seguenti aree di ricerca.

SETTORI DI RICERCA

Potranno essere presentati progetti nelle seguenti aree di ricerca:

  1. Agriculture and Food Science and Technology
  2. Energy and Environment (including rational use of water resources and desalination)
  3. Health, Biotechnology and Medicine
  4. Nanosciences and Advanced Materials
  5. Technologies applied to Cultural Heritage
  6. Remote Sensing, Space Sciences and GeophysicsBasic sciences

Progetti relativi ad altre tematiche di ricerca non saranno presi in considerazione.

I progetti saranno valutati sulla base dei seguenti criteri:

  • Scientific relevance
  • Methodology and documentation
  • Qualification of the applicants
  • Added value of the bilateral cooperation
  • Added value in addressing societal challenges
  • Exploitation and dissemination of results
  • Budget adequacy (for projects of Particular Relevance only)

In tutti i casi sarà data preferenza a progetti che coinvolgano imprese, beneficino di contributi finanziari di altri soggetti e/o  prevedano un eventuale coinvolgimento dei proponenti in programmi di ricerca multilaterali ed europei, in particolare HORIZON 2020.

Progetti per lo scambio dei ricercatori

Annualmente, e nei limiti delle risorse disponibili, sarà finanziato per ciascun progetto  un soggiorno di breve durata (fino a 10 giorni) o di lunga durata (30 giorni).

La parte italiana:

  • sosterrà le spese di viaggio in Egitto dei ricercatori italiani (o con nazionalità di altro Paese membro UE ma residenti in Italia);
  • e darà un contributo di 93 Euro al giorno (per visite di breve durata) o di 1.300 Euro (per visite di lunga durata) per le spese di soggiorno in Italia dei ricercatori egiziani.

La parte egiziana:

  • sosterrà le spese di viaggio in Italia dei ricercatori egiziani
  • e darà un contributo di 800 EGP al giorno (circa 93 Euro, per visite di breve durata) o di 10.000 EGP (circa 1.160 Euro, per visite di lunga durata) per le spese di soggiorno in Egitto dei ricercatori italiani (o con nazionalità di altro Paese membro UE ma residenti in Italia).

Presentazione dei progetti

Il responsabile italiano e quello egiziano dovranno inviare la stessa proposta di progetto in lingua inglese al Ministero competente del proprio Paese. Per parte italiana, i progetti devono essere presentati unicamente tramite l’apposita procedura on-line.

I progetti selezionati saranno inseriti nel Protocollo Esecutivo e pubblicati on-line nell'apposita sezione del sito del MAE.

Progetti di grande rilevanza ai sensi della L. 401/90

Sia per parte italiana che per parte egiziana le domande dovranno essere sottomesse attraverso le piattaforme elettroniche messe a disposizione dai rispettivi paesi (per l’Italia http://web.esteri.it/pgr/sviluppo).
Ogni coordinatore potrà sottomettere una sola domanda.
Per la presentazione dei progetti di grande rilevanza è necessario, per parte italiana, la sottoscrizione di una lettera di Endorsement da parte del rappresentante legale dell’ente del coordinatore scientifico proponente da inviare via e-mail a progetti.gr@esteri.it

I progetti che devono coprire tre anni di attività devono essere redatti in inglese.

Le procedure per la partecipazione ai progetti di “Grande Rilevanza” comprendono due fasi:

PRIMA FASE - Presentazione preliminare (scadenza: 15 luglio 2015)

SECONDA FASE - I progetti che saranno stati valutati positivamente potranno partecipare all’apposito bando annuale per la richiesta di cofinanziamento, pubblicato annualmente dalla Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese - Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica nel sito web del Ministero degli Affari Esteri.

Le istruzioni generali per accedere a tali finanziamenti saranno presenti, una volta pubblicato il bando menzionato, sul sito web del Ministero degli Affari Esteri.

Procedure interne

Si ricorda, come per tutti bandi a cui si partecipa a nome dell'Università degli Studi di Milano, l’importanza di interagire con il personale amministrativo: si richiede dunque di informare della propria partecipazione al bando lo Sportello Finanziamenti per la Ricerca (  sportello.ricerca@unimi.it) che si occuperà della lettera di endorsement necessaria per la presentazione della domanda.

Si richiede inoltre di prendere contatti con l’Ufficio Auditing per la definizione del budget (audit.ricerca@unimi.it) e del cofinanziamento. Coloro che sottometteranno la domanda sono pregati di fare pervenire copia della stessa allo Sportello per la registrazione nella banca dati d’Ateneo.

Il bando
Il testo completo del presente invito è reperibile sul sito del MAE.

Documenti scaricabili

Bando Italia - Egitto 2016-2018

inizio pagina

Bando Italia - Serbia 2016-2018

Il Ministero Affari Esteri (MAE) ha pubblicato il "Bando per la raccolta di progetti congiunti di ricerca scientifica e tecnologica nell’ambito del Protocollo di Cooperazione Scientifica e Tecnologica tra Italia e Serbia per il periodo 2016 – 2018".
La partecipazione a questo bando permetterà, in caso di selezione, di accedere ai Protocolli governativi e poter così partecipare ai successivi bandi per le richieste di  finanziamento.

Scadenza: 12 giugno 2015

Il bando (scaricabile dal box sottostante) finanzia due tipologie di azioni:

  • progetti per lo scambio dei ricercatori
  • progetti di grande rilevanza ai sensi della L. 401/90

Si sottolinea che ogni ricercatore può inviare un solo progetto e, inoltre, che non è possibile presentare contemporaneamente una richiesta per "Progetti per lo scambio di ricercatori" e per "Progetti di grande rilevanza".

I coordinatori scientifici dovranno essere in possesso della cittadinanza italiana/serba o di un Paese dell’Unione Europea ed essere residenti in uno dei due Paesi (Italia o Serbia).

Potranno essere presentati progetti nelle seguenti aree di ricerca:

  1. Basic Sciences
  2. Health and Well-being
  3. Agriculture and Food Technology 
  4. Secure, Clean and Efficient Energy - Environmental Development and Protection 
  5. Information and Communication Technologies, including technologies applied to Cultural Heritage
  6. Advanced Manufacturing and Processing, Nanotechnology and Biotechnology

I progetti saranno valutati sulla base dei seguenti criteri:

  • Scientific relevance of the project
  • Methodology and documentation
  • Qualification of the applicants
  • Added value of the bilateral cooperation
  • Social and developmental added value
  • Use and dissemination of results

In tutti i casi sarà data preferenza a progetti che coinvolgano imprese, beneficino di contributi finanziari di altri soggetti e/o  prevedano un eventuale coinvolgimento dei proponenti in programmi di ricerca multilaterali ed europei, in particolare HORIZON 2020.

Progetti per lo scambio dei ricercatori

Saranno coperti solo i costi degli scambi di ricercatori. La parte italiana sosterrà le spese di viaggio in Serbia dei ricercatori italiani (o di altro Paese membro dell’Unione Europea, residenti in Italia) e fornirà un contributo di 93 euro al giorno per le spese di soggiorno in Italia dei ricercatori Serbi (o di altra nazionalità UE purché residenti in Serbia).

La parte Serba sosterrà le spese di viaggio in Italia di ricercatori serbi e fornirà un contributo di 90 euro al giorno per le spesi di soggiorno in Serbia dei ricercatori italiani.

Il responsabile italiano e quello serbo dovranno inviare la stessa proposta di progetto in lingua inglese al Ministero competente del proprio Paese.

Per parte italiana, i progetti devono essere presentati unicamente tramite l’apposita procedura on-line.

Progetti di grande rilevanza ai sensi della L. 401/90

Da parte italiana, per il periodo di validità del Programma Esecutivo, sarà possibile anche procedere, entro i limiti della disponibilità dei fondi, al cofinanziamento di progetti bilaterali di Grande Rilevanza. Questi progetti devono essere presentati solo dal coordinatore italiano, mentre la sottomissione del coordinatore Serbo non è richiesta.

Il contributo del Ministero degli Affari Esteri non coprirà l’intero costo del progetto, sarà pertanto necessario che i partner prevedano una quota di cofinanziamento. Di conseguenza è necessario compilare un piano finanziario di spesa e confrontarsi con le Segreterie amministrative delle strutture di ricerca e con l'Ufficio Auditing e Consulenza Contabile Progetti ( audit.ricerca@unimi.it o in ufficio su appuntamento) per la necessaria verifica del budget.

Le procedure per la partecipazione ai progetti di “Grande Rilevanza” comprendono due fasi:

PRIMA FASE: presentazione preliminare

Scadenza: 12 Giugno 2015

I progetti dovranno essere presentati in inglese unicamente dal coordinatore italiano, tramite l’apposita procedura on-line.

SECONDA FASE (bando previsto per Gennaio 2016)

I progetti che saranno stati valutati positivamente sia a livello nazionale, sia dalla commissione congiunta, potranno partecipare all’apposito bando annuale per la richiesta di cofinanziamento, pubblicato annualmente dalla Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese - Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica nel sito web del Ministero degli Affari Esteri (il bando è solitamente pubblicato nell’ultimo trimestre di ogni anno).  

Le istruzioni generali per accedere a tali finanziamenti saranno presenti, una volta pubblicato il bando menzionato, sul sito web del Ministero degli Affari Esteri.

Procedure interne

Si ricorda, come per tutti bandi a cui si partecipa a nome dell'Università degli Studi di Milano, l’importanza di interagire con il personale amministrativo: si richiede dunque di informare della propria partecipazione al bando lo Sportello Finanziamenti per la Ricerca ( sportello.ricerca@unimi.it) e, sottomessa la domanda, di fare pervenire copia della stessa allo Sportello per la registrazione nella banca dati d’Ateneo.

Il bando

Il testo completo del presente invito è reperibile sul sito del MAE.

Documenti scaricabili

inizio pagina

Bando Italia - Polonia 2016-2018

Il Ministero Affari Esteri (MAE) ha pubblicato il Bando per la raccolta di progetti congiunti per lo scambio di ricercatori nell’ambito del Protocollo di Cooperazione Scientifica e Tecnologica tra Italia e Polonia per il periodo 2016 – 2018.

Scadenza: 10 giugno 2015

Il bando (scaricabile dal box sottostante) si riferisce a progetti per lo scambio dei ricercatori e finanzia solo progetti di ricerca congiunti che coprono esclusivamente le spese per la mobilità dei ricercatori.

Possono partecipare al bando coordinatori scientifici italiani in possesso della cittadinanza italiana o quella di un Paese UE ma con residenza in Italia. In Polonia i progetti possono essere presentati da coordinatori scientifici di nazionalità polacca o di un Paese UE ma con residenza in Polonia.

Si sottolinea che ogni ricercatore può inviare un solo progetto.

Potranno essere presentati progetti nelle seguenti aree di ricerca:

  • Basic Sciences
  • Space
  • Agriculture, Food, and Sustainable Environment
  • Nano-Sciences and Advanced Materials
  • Information and Communication Technologies, including technologies applied to Cultural Heritage
  • Medicine and Health

Progetti relativi ad altri settori di ricerca e progetti presentati da una sola delle due parti non saranno considerati.

Ogni proposta di progetto dovrà essere inviata dal coordinatore polacco e da quello italiano al rispettivo Ministero del proprio Paese responsabile per l’attuazione del Protocollo Esecutivo di Cooperazione Scientifica e Tecnologica.

I progetti, di durata massima triennale, dovranno essere redatti in inglese.

Per parte italiana, i progetti devono essere presentati unicamente tramite l’apposita procedura on-line.

Saranno coperti solo i costi degli scambi di ricercatori. 

Per ciascun progetto saranno annualmente finanziati un soggiorno di breve durata (fino a 10 giorni) o uno di lunga durata (fino a 30 giorni).

La PARTE ITALIANA sosterrà le spese di viaggio in Polonia dei ricercatori italiani (o di altro Paese membro UE ma residenti in Italia) e darà un contributo alle spese di soggiorno in Italia dei ricercatori polacchi (di 1300 Euro per soggiorni di lungo periodo, e di 93 Euro al giorno per quelli di breve periodo).
La PARTE POLACCA sosterrà le spese di viaggio in Italia dei ricercatori polacchi (o di altro Paese membro UE ma residenti in Polonia) e darà un contributo alle spese di soggiorno in Polonia dei ricercatori italiani (di 3500 PLN - pari a circa 875 Euro - per soggiorni di lungo periodo e di 330 PLN - pari a circa 82 Euro al giorno - per quelli di breve periodo).

I progetti verranno valutati inizialmente a livello nazionale. Successivamente, verranno selezionati congiuntamente dai due governi ed inseriti nel Programma Esecutivo che sarà pubblicato sul sito del MAE.

Nell’ambito delle procedure di valutazione, per la parte italiana, sarà considerato valore aggiunto l’eventuale partecipazione al progetto di imprese e/o la presenza di contributi finanziari di altri soggetti, nonché un eventuale coinvolgimento dei proponenti in programmi di ricerca multilaterali ed europei, in particolare HORIZON 2020.

Procedure interne

Si ricorda, come per tutti bandi a cui si partecipa a nome dell'Università degli Studi di Milano, l’importanza di interagire con il personale amministrativo: si richiede dunque di informare della propria partecipazione al bando lo Sportello Finanziamenti per la Ricerca (sportello.ricerca@unimi.it) e, sottomessa la domanda, di fare pervenire copia della stessa allo Sportello per la registrazione nella banca dati d’Ateneo.


 

Documenti scaricabili

Bando Italia - Polonia 2016-2018

inizio pagina

Contattateci

Sportello Finanziamenti per la Ricerca
Divisione Servizi per la ricerca

e-mail ufficio: sportello.ricerca@unimi.it

Fax: +39.02.503.12035
Sede: Via Festa del Perdono, 7 - 20122 MILANO

Chiara Rengo  +39.02.503.12759
Massimo Bianchi +39.02.503.12069
Vittoria Mastromauro +39.02.503.12753
Laura Sangalli +39.02.503.12759

 

Ufficio Auditing e Consulenza Contabile Progetti
Divisione Servizi per la ricerca
e-mail ufficio: audit.ricerca@unimi.it  

Fax: +39.02.503.12035
Sede: Via Festa del Perdono, 7 - 20122 Milano 

Gerardo D'Errico  +39.02.503.12051 
Maurizio Santoro  +39.02.503.12089 
Raffaella Caporaso  +39.02.503.12054 
Aurora Altomare +39.02.503.12275
Bruno Zampaglione +39.02.503.12774

inizio pagina