Voi siete qui

Accordo quadro tra Atenei lombardi e Regione Lombardia

IN EVIDENZA

Si consiglia vivamente la lettura della sezione FAQ (a cura delle Divisione Servizi per la Ricerca) all'interno di questa pagina.

Premessa

In data 1 luglio 2009 gli Atenei lombardi hanno stipulato con Regione Lombardia un "Accordo quadro per la realizzazione di iniziative finalizzate ad incrementare l'attrattività del territorio lombardo, la valorizzazione del capitale umano e la cooperazione scientifica".

L'Accordo prevede che il sistema universitario presenti dei progetti di importo compreso tra 500.000-1.000.000 € focalizzati su alcuni ambiti tecnologici prioritari connessi ai  distretti tecnologici riconosciuti dal MIUR (biotecnologie, nuovi materiali, ICT e agroalimentare): Salute, Agroalimentare, Energia-Ambiente e Manifatturiero Avanzato (ivi compresi i Beni Culturali).

inizio pagina


Criteri di ammissibilità

Ogni Università può presentare autonomamente fino ad un massimo di 5 progetti.

Tale limite non si applica nel caso di progetti presentati congiuntamente da più Università lombarde.

inizio pagina


Regole finanziarie

Il bando prevede un finanziamento regionale massimo fino al 50% dei costi totali, per un budget complessivo disponibile pari a 9 milioni di euro.

Il co-finanziamento può essere definito esponendo il costo del tempo/persona del personale strutturato fino a un massimo del 30%; è quindi necessario prevedere "risorse finanziarie disponibili" pari ad almeno il 20% del costo di ciascun progetto.

inizio pagina


Raccolta di pre-proposte presso l'Università degli Studi di Milano

Con e-mail del 26 agosto 2009, l'Università degli Studi di Milano ha lanciato una raccolta di preproposte per organizzare la partecipaizone al bando. In base alle pre-proposte pervenute sono stati identificati i 5 progetti di cui UNIMI è unico proponente.

Resta pertanto aperta la partecipazione a progetti in partenariato con gli altri Atenei lombardi.

inizio pagina


Modalità di partecipazione al bando e scadenze interne

L’Università degli Studi di Milano sta verificando la possibilità di contribuire al cofinanziamento dei progetti che risulteranno vincitori. Tuttavia, data la struttura del bando, in questo momento non e' possibile ne' ipotizzare quanti progetti saranno finanziati ne' determinare la quota di co-finanziamento complessiva richiesta.

Al fine di organizzare la partecipazione di UNIMI al bando, è necessario pertanto che tutti i proponenti seguano le seguenti indicazioni:

  • Ciascun responsabile di progetto concorderà preventivamente il budget con l'Ufficio Auditing e Consulenza Contabile Progetti della Divisione Servizi per la Ricerca (l'Ufficio è disponibile per ogni chiarimento - Maurizio Santoro int. 12089, Claudia Vecchiarelli int. 12918, Gerardo D'Errico int. 12051, e-mail audit.ricerca@unimi.it o in ufficio su appuntamento). L'Ufficio ha predisposto un file Excel per controllare l'equilibrio finanziario della proposta. Tale file Excel, debitamente compilato, dovrà essere inviato all'Ufficio (via e-mail: audit.ricerca@unimi.it) entro e non oltre il 12 ottobre (ore 12:00). Tale termine è indicato quale scadenza finale, anche se per poter permettere una attenta valutazione del budget si consiglia di contattare l'Ufficio con anticipo.
  • I progetti il cui budget non sia stato concordato con l'Ufficio Auditing e Consulenza Contabile Progetti entro la data indicata, non potranno essere presi in considerazione per un eventuale cofinanziamento da parte dell'Ateneo.
  • Nel caso di un gran numero di progetti finanziati e quindi della necessità di una cifra considerevole per la copertura del cofinanziamento, qualora l'importo disponibile sul bilancio universitario non fosse sufficiente, sarà necessario che i gruppi di ricerca o le strutture di afferenza provvedano a coprire il cofinanziamento rimanente.
  • Per tutti i progetti presentati in partenariato, ogni ateneo si farà carico della propria quota parte per la copertura del cofinanziamento.
  • Eccezionalmente su questo bando l'ateneo non applicherà la trattenuta del 10% a favore del bilancio di Ateneo.
  • La data di scadenza del bando è il 21 ottobre 2009. Si invitano tutti gli interessati a contattare entro e non oltre il 16 ottobre lo Sportello Finanziamenti per la Ricerca sportello.ricerca@unimi.it per concordare la tempistica per la sottoscrizione della documentazione da parte del Rettore. Lo stesso ufficio è a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Sul sito della Regione Lombardia è disponibile il comunicato regionale[apre una nuova finestra] che informa della pubblicazione e approvazione dell'avviso.

inizio pagina


Bando e documenti utili

Documenti scaricabili

Bando Accordo Quadro tra Atenei e Regione Lombardia

scadenza 21 ottobre 2009

Fac-simile modulistica

File per la compilazione del budget

a cura della Divisione Servizi per la Ricerca

Istruzioni per la redazione del budget

a cura della Divisione Servizi per la Ricerca
inizio pagina

FAQ

D: per partecipare a questo bando specifico è richiesto l'accreditamento al sistema Questio oppure è facoltativo?
R: nell'avviso e nella modulistica non vienerichiesto l'accreditamento al sistema "Questio".

D: nel caso di progetti presentati da una singola università è necessario apporre la firma del Rappresentante legale su tutte le pagine?
R: no, non è necessario apporla su tutte le pagine.

D: nel caso di progetti presentati da una singola università è necessario apporre la firma del Rappresentante legale sull'ultima pagina?
R: sì, la firma va apposta sull'ultima pagina e sul modulo relativo alla manifestazione del consenso (ex art. 23 D. Lgs. 196/03).

D: nel caso di progetti presentati congiuntamente da più università, è necessario apporre le firme di tutti i Rappresentanti legali su tutte le pagine?
R: no, non è necessario apporla su tutte le pagine.

D: nel caso di progetti presentati congiuntamente da più università, è necessario apporre le firme di tutti i Rappresentanti legali sull'ultima pagina?
R: sì, la firma di tutti i rappresentanti legali va apposta sull'ultima pagina; ogni ente deve anche firmare il proprio modulo relativo alla manifestazione del consenso (ex art. 23 D. Lgs. 196/03); si ricorda che per tutti i soggetti beneficiari richiedenti vanno allegati: copia fotostatica di documento d'identità e copia dell'eventuale procura conferita per la sottoscrizione della domanda di partecipazione.

D: in alternativa a quanto specificato nella domanda precedente, nel caso di progetti presentati congiuntamente da più università, è possibile stampare tante copie dell'ultima pagina della proposta quante sono le università beneficiarie e chiedere a ciascuno di questi enti di firmare la stessa pagina su un foglio diverso?
R: sì, è possibile stampare diverse copie dell'ultima pagina e apporre la firma in originale su ciascuna copia della pagina; si ricorda che ogni ente deve anche firmare il proprio modulo relativo alla manifestazione del consenso (ex art. 23 D. Lgs. 196/03); si ricorda che per tutti i soggetti beneficiari richiedenti vanno allegati: copia fotostatica di documento d'identità e copia dell'eventuale procura conferita per la sottoscrizione della domanda di partecipazione.

D: in quale punto del modulo è possibile delineare la collaborazione con gli enti stranieri? Questi ultimi devono produrre qualche tipo di documentazione?
R: l'avviso non prevede esplicitamente la collaborazione con gli enti stranieri; tale collaborazione potrà eventualmente essere descritta nell'ambito della descrizione del progetto di ricerca.

D: che cosa si intende per soggetto cofinanziatore e quale tipologia di enti comprende?
R: l'avviso non prevede una tipologia specifica di ente cofinanziatore; si tratta di enti che partecipano al progetto esclusivamente mettendo risorse finanziarie.

D: il soggetto cofinanziatore può cofinanziare in parte con risorse finanziarie e in parte con il tempo uomo?
R: no, il soggetto cofinanziatore interviene nel progetto unicamente con risorse finanziarie.

inizio pagina