Voi siete qui

Come si presenta un progetto spin-offRegole e procedure per l'attivazione di spin-off dell'Università degli Studi di Milano

Procedura di valutazione ed approvazione delle proposte

L'approvazione degli Spin-off universitari e, conseguentemente, l'autorizzazione alla costituzione dei medesimi, sono demandate alla valutazione discrezionale del Consiglio di Amministrazione e del Senato Accademico.
L'iter di presentazione, valutazione ed approvazione/diniego dei progetti si articola come di seguito:

  • nascita dell'idea imprenditoriale ed elaborazione del Business Plan: tale fase è demandata al gruppo che intende proporre il progetto, con l'ausilio di UNIMITT e di altre risorse dell'Ateneo, che prevede inoltre la compilazione di un apposito format di presentazione del progetto;
  • valutazione del progetto da parte della Commissione Spin off d'Ateneo: tale fase può contemplare l'audizione diretta del gruppo proponente;
  • approvazione del progetto imprenditoriale dal parte del Consiglio di Dipartimento di afferenza dei proponenti;
  • delibera del Consiglio d'Amministrazione e del Senato Accademico.

inizio pagina


Supporto dell'Ateneo

Gli Spin-off potranno essere "ospitati" dall'Ateneo per un periodo e secondo modalità stabilite dagli organi universitari: in ogni caso, il periodo massimo di incubazione consentito dal regolamento è di tre anni.
Saranno regolati da apposite convenzioni:

  • l'utilizzo di spazi, attrezzature e personale dell'Università;
  • l'utilizzo del nome e del logo spin-off dell'Università;
  • gli impegni di trasferimento tecnologico dell'Università.

inizio pagina


Partecipazione dell'Università

L'eventuale partecipazione dell'Ateneo nello Spin-off, che può derivare anche esclusivamente da conferimenti di beni in natura, non può superare il 10% del capitale sociale.

inizio pagina


I soggetti proponenti

La costituzione di uno Spin Off può essere proposta esclusivamente dall'Università, ovvero da uno o più dei suoi Professori e/o Ricercatori.

inizio pagina


Tipologie di Spin-off

Possono essere due le tipologie degli Spin-off:

  1. Spin-off dell'Università degli Studi di Milano: al quale l'Ateneo partecipa direttamente al capitale sociale, nella misura massima del 10% di questo;
  2. Spin-off con il sostegno dell'Università degli Studi di Milano: sostenuto dall’Ateneo in forme diverse dalla partecipazione azionaria.

inizio pagina


Forma societaria dello Spin-off

L'Università degli Studi di Milano ammette la costituzione di Spin-off universitari esclusivamente nella forma di società di capitali e quindi:

  • Società a responsabilità limitata (S.r.l.);
  • Società per azioni (S.p.a.).

inizio pagina


Strategia universitaria

Attraverso lo strumento dello Spin-off universitario, l'Ateneo intende favorire l'avvio di iniziative imprenditoriali ad elevato contenuto di innovazione per lo sfruttamento dei risultati della ricerca scientifica, anche allo scopo di ampliare le potenzialità del sistema della ricerca universitaria e di sviluppare nuove occasioni di formazione.

Atteso che la finalità è quella di favorire l'avvio di imprese innovative scaturenti dalla ricerca universitaria, istituendo un canale di raccordo tra il mondo scientifico e quello produttivo, il sostegno che l'Ateneo potrà dare a questo genere di iniziative sarà, per sua natura, temporaneo.


inizio pagina


Fonti normative

Decreto Legislativo 27 luglio 1999 n. 297:

"Riordino della disciplina e snellimento delle procedure per il sostegno della ricerca scientifica e tecnologica, per la diffusione delle tecnologie, per la mobilità dei ricercatori".

Decreto Ministeriale 08 agosto 2000 n. 593:

"Modalità procedurali per la concessione delle agevolazioni previste dal decreto legislativo 27 luglio 1999 n. 297".
La normativa citata contempla la possibilità, in forza e nei limiti di un'apposita disciplina demandata all'autonomia degli Atenei, di costituire società finalizzate all'utilizzazione industriale dei risultati della ricerca con la partecipazione azionaria o il concorso o comunque il relativo impegno di:

  • Professori e/o Ricercatori universitari;
  • Università;
  • Imprese, società, enti di ricerca ecc.

Legge 30 dicembre 2010, n. 240:

"Norme in materia di organizzazione delle università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l'efficienza del sistema universitario"

Il comma 6 dell'art. 9 stabilisce che la posizione di professore e ricercatore è incompatibile con l'esercizio del commercio e dell'industria fatta salva la possibilità di costituire società con caratteristiche di spin off o di start up universitari, ai sensi degli articoli 2 e 3 del decreto legislativo 27 luglio 1999, n. 297, anche assumendo in tale ambito responsabilità formali, nei limiti temporali e secondo la disciplina in materia dell'Ateneo di appartenenza.

Decreto Ministeriale 10 agosto 2011 , n. 168:

"Regolamento concernente la definizione dei criteri di partecipazione di professori e ricercatori universitari a società aventi caratteristiche di spin off o start up universitari in attuazione di quanto previsto all'articolo 6, comma 9, della legge 30 dicembre 2010, n. 240."

La normativa citata stabilisce caratteristiche e procedure di costituzione delle società spin off universitarie e disciplina le incompatibilità e i conflitti di interesse per i docenti e ricercatori universitari di ruolo.

inizio pagina


Normativa d'Ateneo

In data 08.04.2009 l'Università degli Studi di Milano ha emanato il nuovo Regolamento per la creazione di Spin-off, che definisce le caratteristiche, i limiti ed i presupposti autorizzativi per la creazione di uno Spin Off universitario.

inizio pagina


A chi chiedere informazioni

UNIMITT – Centro d’Ateneo per l’Innovazione e il Trasferimento Tecnologico
Via Festa del Perdono, 7 - 20122 Milano (MI), unimitt@unimi.it

Referente operativo:
Dott.ssa Chiara Del Balio, Tel.02.503.12866 chiara.delbalio@unimi.it

inizio pagina


Area download

DOCUMENTI SCARICABILI

Regolamento Spin off dell'Università degli Studi di Milano

inizio pagina