Voi siete qui

Assistenza sanitaria gratuita per studenti residenti fuori dalla Lombardia  

IN EVIDENZA

Gli studenti che hanno ottenuto l'attestato di titolarità per l'anno accademico 2017-2018 possono effettuare le visite fino al 30 settembre 2018.

ASSISTENZA SANITARIA STUDENTI NON RESIDENTI IN LOMBARDIA

Elenco dei medici aderenti

Assistenza sanitaria gratuita

L’Ateneo, nell’ambito del progetto ‘’Agenzia per i servizi agli studenti universitari’’ promosso dal Comune di Milano, ha stipulato un accordo con l'ATS - Agenzia di Tutela della Salute - della città metropolitana di Milano, volto ad offrire agli studenti residenti fuori dalla regione Lombardia il servizio di assistenza sanitaria di base a titolo gratuito senza dover rinunciare al medico di base del proprio luogo di residenza.

Per usufruire del servizio è necessario possedere i seguenti requisiti:

  1. essere iscritti per l’anno accademico 2018/2019 ad un corso di studio dell’Università con sede nell’area di Milano;
  2. essere residenti in Italia, ma fuori dalla regione Lombardia.

Gli studenti in possesso di tali requisiti ed interessati a fruire del servizio devono presentare la richiesta via web (servizi online SIFA – servizi di segreteria - tasse ed esoneri - domanda di assistenza sanitaria)  dal 1° ottobre 2018 al 30 aprile 2019.
Agli studenti richiedenti il servizio il terminale rilascia, previa verifica dei requisiti, un “Attestato di titolarità” e il modulo di "Richiesta di prestazione sanitaria".

Gli studenti in possesso dell’attestato potranno richiedere le visite ai medici indicati nell’elenco trasmesso dalla ATS e dovranno ad ogni visita:

  • esibire “l’Attestato di titolarità”, un documento di identità e la tessera sanitaria;
  • consegnare il modulo di “Richiesta di prestazione sanitaria” compilato e sottoscritto (il modulo di "richiesta di prestazione sanitaria" deve essere scaricato accedendo al servizio).

Le visite potranno essere effettuate fino al 30 settembre 2019.

Lo studente, anche se in possesso dell’attestato di titolarità, non potrà più usufruire del servizio in caso di eventuale perdita dei requisiti nel corso del periodo di validità dell'attestato, pena la refusione all’Ateneo delle somme versate alla ATS per le visite mediche effettuate.