Tasse a.a. 2015/2016

IN EVIDENZA

Il pagamento delle tasse universitarie si effettua con carta di credito o MAV accedendo al servizio online, ad esclusione della tassa di immatricolazione per la quale è prevista una procedura differente.

Se si sceglie di pagare un MAV con modalità home banking occorre versarlo entro gli orari stabiliti dalla propria banca per le transazioni on line.
Un pagamento effettuato il giorno della scadenza, ma oltre tale orario, comporta l'attribuzione di una mora in quanto accreditato all’Ateneo il giorno successivo alla scadenza.

Nella sezione Servizi online sono disponibili:

  • in PAGAMENTI DOVUTI: le tasse da versare ed eventuali arretrati con relative more
  • in ALTRI PAGAMENTI: il contributo riconoscimento esami, il duplicato tessera magnetica, la mora per istanza tardiva, le spese spedizione documenti all'estero, le spese spedizione documenti in Italia, la tassa abilitazione professioni sanitarie
  • in RATEIZZAZIONE: il MAV della 1° quota della seconda rata. I bollettini successivi saranno disponibili solo dopo la ricezione telematica del pagamento precedente.
     

 

Prima rata

Scadenza di pagamento:

  • per rinnovo iscrizioni: entro il 30 settembre 2015, accedendo da UNIMIA e selezionando la forma di pagamento prescelta tra carta di credito e MAV
  • per immatricolazioni: entro la data indicata sul Mav (se si è scelta questa forma di pagamento).

L'importo di prima rata è uguale per tutti i corsi ed è così stabilito:

 

 Tassa di iscrizione  € 200
 Acconto contributi universitari  € 278
 Rimborso spese  €  75
 Tassa regionale per il diritto allo studio  € 140
 TOTALE prima rata  € 693

Utilizzando il MAV, l'iscrizione risulta effettiva dopo circa 5 giorni dal pagamento.

inizio pagina


Seconda rata

Scadenza di pagamento: 30 giugno 2016  (chi avesse stampato il mav prima del 30 maggio 2016 troverà come scadenza quella antecedente. La rata pagata entro la proroga non prevererà alcuna mora per tardivo versamento)

All'atto dell'iscrizione, agli studenti sono attribuiti gli importi massimi di seconda rata, che sono diversi in base all'AREA di studio (si rimanda al Regolamento Tasse 2015/2016).

 

 AREA  IMPORTO MINIMO  IMPORTO MASSIMO
 A  € 0  € 2286
 B  € 77  € 2992
 C  € 104  € 3245

 

 

 

 

 

 

 

Gli studenti che intendono usufruire della riduzione della seconda  rata rispetto all’importo massimo possono richiedere  l’attestazione ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) entro il 16 maggio 2016.
Per ottenere l’attestazione ISEE per le prestazioni relative al diritto allo studio si deve compilare la Dichiarazione sostitutiva unica (DSU) integrale, scaricabile dal sito dell’INPS.  La DSU deve essere compilata e presentata presso uno dei seguenti soggetti:

  • ai Centri di Assistenza Fiscale (CAF)
  • ai Comuni
  • all’INPS, anche per via telematica 

L'Ente al quale è stata presentata la DSU comunica allo studente quando l'attestazione ISEE è elaborata dall'INPS. Gli studenti già in possesso di una attestazione ISEE per il diritto allo studio universitario, con validità fino al 15 gennaio 2016 - rilasciato ai sensi del DPCM 5.12.2013 - non devono richiedere una nuova attestazione ISEE.

L'attestazione ISEE per il diritto allo studio universitario è acquisita direttamente dal sito dell'INPS da parte dell'Ateneo, pertanto lo studente NON DEVE presentare alcun documento cartaceo.

Gli studenti internazionali non devono presentare l'attestazione ISEE per il 2015/16: per i nuovi iscritti il calcolo della seconda rata sarà effettuato dall'università tenendo conto dei redditi e della situazione familiare del 2014; per chi rinnova l'iscrizione si terrà conto dell'attestazione ISEE presentata lo scorso anno.

 

  • Come si calcola la seconda rata sulla base dell'ISEE

E’ stabilito un ISEE minimo di € 14.000,00 al di sotto del quale è dovuto l’importo minimo dei contributi.

Formule per calcolare la II rata
- se l’ ISEE è inferiore a 40.000 euro: [3% (iseeu – 14.000)] x coefficiente area + minimo seconda rata per area
- se l’ ISEE è pari o superiore a 40.000 euro: {[3% (40.000 – 14.000)] + [4,8% (Isee studente  – 40.000)]}  x coefficiente area + minimo seconda rata per area

I coefficienti di area sono i seguenti: 

 

 AREA  COEFFICIENTE
 A  1.02
 B  1.3
 C  1,4

E' possibile calcolare l'importo della seconda rata utilizzando il simulatore tasse 

 

  • Pagamento

L'importo della seconda rata , è pagabile con carta di credito o Mav partire dalla prima settimana di aprile 2016.  Ricordiamo che il mancato versamento impedisce l'utilizzo di UNIMIA e i Servizi online Sifa: coloro che necessitano di questi servizi, devono considerare che sono necessari almeno 5 giorni perchè i dati passino dl sistema informatico della banca a quello dell'Università.
ATTENZIONE: la seconda rata non sarà emessa per gli studenti richiedenti l’esonero o la borsa di studio, a meno che non debbano versare eventuali more per tardivo rinnovo dell’iscrizione e/o tardiva presentazione dell’attestazione Isee.

Gli studenti che versano la seconda rata oltre il termine sono tenuti a versare la sanzione amministrativa per tardivo pagamento. Il mancato pagamento della seconda rata comporta il blocco immediato della carriera.  

 

inizio pagina


Rateizzazione della seconda rata

L’Università degli Studi di Milano offre ai propri studenti la possibilità di pagare la seconda rata, se pari o superiore a 700 Euro, dividendola in 3 importi mensili senza interessi. Consulta le modalità e le scadenze per chiedere la rateizzazione.

Gli studenti beneficiari di esonero parziale d'ufficio che hanno una seconda rata pari o superiore ad Euro 700,00 potranno chiedere la rateizzazione a partire dal 23 maggio 2016.

Anche per chi ha già stampato il bollettino mav, dal 23 maggio, potrà accedere alla procedura di rateizzazione.

inizio pagina


Importi per prestazioni d'ufficio

Prestazioni d'ufficio valide per tutti i tipi di corso - a.a. 2015/2016

 

Mora per tardivo pagamento prima rata (fino al 31 dicembre) € 30.00
Mora per iscrizione in corso dopo il 31 dicembre € 105.00
Mora per iscrizione fuori corso dopo il 31 dicembre € 30.00
Mora per tardivo pagamento contributo aggiuntivo corso on line di Crema € 100.00
Mora per tardivo pagamento seconda rata fino a 15 giorni di ritardo € 30.00
Mora per tardivo pagamento seconda rata oltre 15 giorni di ritardo € 60.00
Contributo per rilascio diploma originale di Laurea, Scuola di specializzazione, Dottorato di ricerca € 100.00
Contributo per prove di ammissione a: Corsi ad accesso programmato a livello nazionale, Scuola di specializzazione, Dottorato di ricerca, Tirocinio formativo attivo, Master € 50.00
Contributo per ammissione corsi ad accesso programmato a livello d'Ateneo € 30.00
Contributo per ammissione alla laurea magistrale (biennio) ad accesso libero € 30.00
Contributo per corsi di laurea con test di autovalutazione obbligatorio non selettivo € 30.00
Contributo duplicato libretto di tirocinio € 100.00
Contributo duplicato badge € 10.00
Contributo per trasferimento di studenti in arrivo e in partenza compresi i passaggi interni € 75.00 + € 16,00 bollo
Contributo per istanze di riconoscimento di un titolo di studio straniero (oltre alle tasse e contributi d'iscrizione) € 75.00
Contributo per immatricolazione ad una seconda laurea (oltre alle tasse e contributi di iscrizione) € 75.00
Contributo per istanze di riconoscimento crediti relativi ad una carriera pregressa (in casi diversi da trasferimento e seconda laurea) € 75.00
Contributo di ammissione all'esame di laurea abilitante all'esercizio delle professioni sanitarie € 200.00
Contributo di ricognizione per ripresa studi dopo l'interruzione: per ogni anno accademico di interruzione € 200.00
Contributo di ripresa studi dopo un periodo di sospensione per i motivi previsti dalle diverse tipologie di corso di studio € 200.00
Mora per tardiva presentazione di istanze, qualora accettate € 30.00
Tassa d'iscrizione all'esame di Stato € 400.00
 Rimborso spese per spedizione documenti con assicurata

 € 10.00 per l'Italia

 € 15.00 per l'Estero

inizio pagina


Studenti stranieri con redditi all'estero

Per gli studenti stranieri il cui nucleo familiare risiede, percepisce redditi e possiede patrimoni all’estero il calcolo della seconda rata per il 2015/2016 sarà effettuato d'ufficio: per gli studenti che rinnovano l'iscrizione, l'Università terrà conto dell'attestazione ISEE presentata lo scorso anno, i nuovi studenti  invece devono consegnare allo Sportello International Students, a completamento dell'immatricolazione, i documenti qui elencati.

Documenti da consegnare (per i nuovi studenti)

1. Certificato attestante lo stato di famiglia (insieme di persone che hanno la stessa residenza)
• Se presente un solo genitore specificare: separato/divorziato, vedovo, non convivente (in questo caso è necessario avere i dati del genitore non convivente).

2. Documentazione attestante i redditi percepiti da tutte le persone che compongono lo stato di famiglia, nell’intero anno solare 2013.
• Specificare se i redditi sono prodotti per lavoro dipendente, autonomo, pensione.
• In caso non sia stato prodotto alcun reddito la documentazione deve contenere una dichiarazione dove si specifica la mancanza di reddito per ciascuna persona presente nello stato di famiglia

3. Documentazione attestante il patrimonio mobiliare posseduto da tutte le persone presenti nello stato di famiglia al 31/12/2014
• Depositi, azioni o titoli di investimento, assicurazioni sulla vita, patrimonio netto della società di cui si è titolari o dell’impresa
• In caso non si possieda patrimonio mobiliare la documentazione deve contenere una dichiarazione della mancanza di patrimonio mobiliare per ciascuna persona presente nello stato di famiglia

4. Documentazione attestante il patrimonio immobiliare posseduto alla data del 31/12/2014 di tutte le persone presenti nel nucleo familiare:
• Documento attestante i metri quadrati dei singoli immobili
• Specificare se l’immobile è casa di residenza o altro

La documentazione sopra elencata deve:

 essere rilasciata dalle competenti autorità del Paese in cui i redditi sono stati prodotti

 essere tradotta in italiano e legalizzata secondo le normative vigenti


Per gli studenti albanesi
In considerazione dell’ordinamento amministrativo albanese, è obbligatorio, per ogni componente maggiorenne il nucleo familiare, produrre due documenti relativi all’esistenza o meno di redditi nel 2013:
il primo, rilasciato dal locale Istituto della previdenza sociale (“Instituti i sigurimeve shoqerore”), che si occupa dei redditi da lavoro dipendente o da pensione;
il secondo, rilasciato dal Ministero delle finanze, per quanto attiene ai redditi da lavoro autonomo.

Per gli studenti cinesi 
 Fino ad un reddito di 42.000 juan il certificato è rilasciato dal datore do lavoro
Oltre tale soglia il certificato deve essere rilasciato dal SAT.

inizio pagina