Diritto ecclesiastico

A.Y. 2015/2016
6
Max ECTS
45
Overall hours
SSD
IUS/11
Language
Italian
Learning objectives
La laicità dello Stato e la tutela delle libertà di coscienza e di religione costituiscono, rispettivamente, il principio ispiratore e l'obiettivo primario delle fonti che costituiscono l'oggetto di studio del Diritto ecclesiastico. La materia compone in modo sistematico e con specifici criteri interpretativi l'articolato settore dell'ordinamento giuridico che nel nostro sistema democratico e pluralistico tutela gli interessi degli individui e delle organizzazioni sociali che attengono alle credenze ed alle convinzioni religiose (e non solo). Saranno dunque presi in esame sia la legislazione unilaterale dello Stato e delle Regioni, sia le specifiche discipline concordate con le confessioni religiose; sarà poi dedicata attenzione alle fonti di diritto internazionale (in particolare, alla Convenzione europea dei Diritti dell'Uomo) e dell'Unione europea.
In generale, nella concreta applicazione del diritto i giudici - nell'ordinamento interno, internazionale e dell'Unione europea - sono sempre più spesso chiamati a risolvere i contrasti con le autonome discipline confessionali, a comporre i conflitti di lealtà dei cittadini-fedeli, a garantire la pari dignità e l'uguaglianza degli appartenenti alle minoranze religiose e dei non credenti. In questo quadro, la Corte costituzionale ha contribuito in modo significativo all'adeguamento delle fonti ed alla ricostruzione teorico-sistematica dei principi della disciplina.
Nello specifico, i temi (tra gli altri) delle obiezioni di coscienza, dei simboli religiosi (in particolare, dell'abbigliamento), degli abusi del clero, acquistano un rilievo sempre crescente e ripropongono all'attenzione la problematica del rapporto tra religione e diritto.
Expected learning outcomes
Undefined
Course syllabus and organization

Single session

Responsible
Lesson period
First semester
IUS/11 - ECCLESIASTICAL AND CANON LAW - University credits: 6
Lessons: 45 hours
Professor: Toscano Marcello
Professor(s)