Codice di Comportamento dei dipendenti dell’Università degli Studi di Milano

Il Codice prescrive le condotte da adottare in servizio, nei rapporti privati e con il pubblico. Improntato alla correttezza e trasparenza, il Codice intende anche contrastare le pratiche scorrette con il divieto di ricevere regali, la disciplina del conflitto di interesse e della prevenzione della corruzione.

Sommario

  • Art. 1 Disposizioni di carattere generale e ambito di applicazione
  • Art. 2 Principi generali
  • Art. 3 Regali, compensi e altre utilità
  • Art. 4 Partecipazioni ad associazioni e organizzazioni
  • Art. 5 Comunicazione degli interessi finanziari
  • Art. 6 Conflitto di interessi e obbligo di astensione
  • Art. 7 Prevenzione della corruzione
  • Art. 8 Trasparenza e tracciabilità
  • Art. 9 Comportamento nei rapporti privati
  • Art. 10 Comportamento in servizio
  • Art. 11 Rapporti con il pubblico
  • Art. 12 Disposizioni particolari per i dirigenti
  • Art. 13 Contratti ed altri atti negoziali
  • Art. 14 Vigilanza, monitoraggio e attività formative
  • Art. 15 Responsabilità conseguente alla violazione dei doveri del codice
  • Art. 16 Norme finali

Tutto il personale, inclusi consulenti e collaboratori, è tenuto a rispettare quanto previsto dal Codice di Comportamento dei dipendenti dell'Università degli Studi di Milano.

Atto di emanazione/approvazione
Decreto Rettorale
Data emanazione
08-05-2015
Strutture di riferimento