SCIENZE E TECNOLOGIE ALIMENTARI (Classe LM-70)-Immatricolati dall'anno accademico 2008/09

Area Scienze Agrarie e Alimentari
Laurea magistrale
A.A. 2018/2019
LM-70 - Scienze e tecnologie alimentari
Laurea magistrale
120
Crediti
Accesso
Libero con valutazione dei requisiti di accesso
2
Anni
Milano
Italiano
Il corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Alimentari si propone di fornire conoscenze avanzate e di formare capacità professionali adeguate allo svolgimento di attività complesse di coordinamento e di indirizzo riferibili al settore agro - alimentare, nonché la capacità di garantire, anche con l'impiego di metodologie innovative, la sicurezza, la qualità e la salubrità degli alimenti. Obiettivo fondamentale del laureato magistrale in Scienze e Tecnologie Alimentari è la gestione di funzioni professionali finalizzate al miglioramento costante dei prodotti alimentari in senso economico e qualitativo, nella garanzia della sostenibilità delle attività industriali, recependo e proponendo le innovazioni relative alle diverse attività professionali del settore.
Il laureato magistrale in Scienze e Tecnologie Alimentari svolge attività di programmazione, gestione, controllo, coordinamento e formazione relativamente alla produzione, conservazione, distribuzione di alimenti e bevande. L'ampio spettro di conoscenze, maturate a livello avanzato, connota un professionista che può ricoprire tutte le funzioni utili nell'industria alimentare e nelle attività produttive correlate. La sua attività professionale si svolge prevalentemente nelle Industrie Alimentari e in tutte le aziende collegate alla produzione, trasformazione, conservazione e distribuzione dei prodotti alimentari, nelle aziende della Grande Distribuzione Organizzata, negli Enti pubblici e privati che conducono attività di pianificazione, analisi, controllo, certificazione, nonché in quelli che svolgono indagini scientifiche per la tutela e la valorizzazione delle produzioni alimentari, negli enti di formazione, negli Uffici Studi e nella libera professione.
Gli sbocchi professionali più pertinenti sono, oltre al Tecnologo Alimentare (codice ISTAT 2.3.1.1.4.), quelli indicati come professioni specialistiche nelle scienze della vita (codici ISTAT: 2.3.1.1.2 Biochimici; 2.3.1.1.4 Biotecnologi; 3.2.2.3.1 - Tecnici di laboratorio biochimico; 3.2.2.3.2 - Tecnici dei prodotti alimentari) e come professioni tecniche nella gestione dei processi produttivi di beni e servizi (codice ISTAT 3.1.5.4.2 - Tecnici della produzione alimentare).
A titolo d'esempio, rientrano nelle competenze del laureato:
a) la gestione di linee di conservazione, trasformazione e commercializzazione degli alimenti;
b) lo studio, la progettazione, la direzione ed il collaudo dei processi di lavorazione degli alimenti e di prodotti biologici correlati, ivi compresi i processi di depurazione degli effluenti e di recupero dei sottoprodotti;
c) le operazioni di approvvigionamento delle materie prime e degli impianti alimentari e di distribuzione dei prodotti finiti, degli additivi alimentari, etc.;
d) la gestione della qualità nella filiera produttiva dei prodotti alimentari, additivi, coadiuvanti tecnologici, semilavorati, imballaggi e quanto altro attiene alla produzione e trasformazione di prodotti. Tali attività possono essere svolte sia in aziende private che in strutture pubbliche;
e) le funzioni peritali ed arbitrali in ordine alle attribuzioni elencate nelle lettere precedenti;
f) le ricerche di mercato e le relative attività in relazione alla produzione alimentare;
g) la ricerca e lo sviluppo di processi e prodotti nel campo alimentare;
h) le attività, le operazioni e le attribuzioni comuni con altre categorie professionali nei limiti delle rispettive competenze;
i) l'insegnamento nelle scuole di ogni ordine e grado delle materie tecnico-scientifiche concernenti il campo alimentare e quelli affini e ad esso afferenti.
http://statistiche.almalaurea.it/universita/statistiche/trasparenza?cod…
Il corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Alimentari non ha limitazioni di accesso che non siano quelle stabilite dalla legge. Per essere ammessi al corso di studio occorre essere in possesso di un titolo di laurea conseguito nelle classi L-26, L-25, L-2, L-13, L-27, L-29, L-38 e delle classi di laurea dei previgenti ordinamenti 20, 1, 12, 21, 24 e 40, ovvero di altro titolo di studio conseguito all'estero, riconosciuto idoneo, o del diploma universitario di durata triennale. I requisiti curriculari richiesti per l'ammissione sono quelli propri dei laureati delle classi L-26 e 20, con laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari o Tecnologie Alimentari. I laureati in classi di laurea differenti dalla classe L26 (ex classe 20) possono accedere alla laurea magistrale avendo acquisito almeno:
25 CFU nel settore AGR/15
10 CFU nel settore AGR/16
8 CFU nel settore AGR/01
8 CFU nel settore BIO/10
5 CFU nel settore BIO/09 o MED/49
5 CFU nei settori dal MAT/01 al MAT/09
5 CFU nei settori dal FIS/01 al FIS/07
In ogni caso l'ammissione al corso di studio richiede la verifica dell'adeguatezza della preparazione personale, che deve comprendere il possesso delle conoscenze e competenze di seguito elencate, verifica da condursi anche mediante la valutazione dei contenuti degli insegnamenti sostenuti durante il corso di primo livello, presso altro Ateneo:
- la conoscenza delle principali reazioni chimiche che avvengono durante la produzione, trasformazione e conservazione dei prodotti alimentari;
- la conoscenza dei principali processi di trasformazione dell'industria alimentare e del binomio processo produttivo - qualità del prodotto;
- il possesso di strumenti logici e conoscitivi per comprendere il significato e le implicazioni delle principali operazioni e dei processi della tecnologia alimentare;
- la consapevolezza della complementarietà delle nozioni acquisite nelle diverse aree disciplinari per la gestione di un processo alimentare e per ottimizzare la qualità dei prodotti finiti;
- l'abilità nell'uso consapevole e proficuo di tecniche analitiche, anche non strumentali, per la caratterizzazione di tipicità, qualità e sicurezza dei prodotti alimentari;
- la familiarità con le principali teorie economiche, dell'offerta, della domanda, della produzione e degli scambi;
- la conoscenza e la capacità di interpretazione delle principali norme di legge in campo alimentare;
- la comprensione di concetti e metodi della qualità nella industria alimentare, la capacità di operare nell'ambito di un sistema di qualità secondo la norma ISO 9001.
Le modalità organizzative per l'immatricolazione alla laurea magistrale saranno disponibili sul sito www.unimi.it, sulla base di quanto deliberato dal Senato Accademico.
Le possibilità di studio nel quadro del Programma ERASMUS+, le modalità di partecipazione e i criteri di selezione degli studenti sono descritti in un bando specifico di Area Alimentare, che prevede la mobilità verso 40 università partner ampiamente distribuite in Europa e selezionate sulla base della loro affinità didattica con il corso di studi.
Le aree di studio che possono essere sviluppate all'estero includono le biotecnologie microbiche, la nutrizione applicata, la progettazione e la gestione degli impianti nell'impresa alimentare, l'economia e la gestione dell'innovazione, la logistica e le tecnologie di confezionamento e la modellazione, l'ottimizzazione e l'innovazione di processo.
La definizione del programma di studio (learning agreement) avviene in collaborazione con il responsabile Erasmus del corso di studi, sia per quanto riguarda la scelta degli esami che per l'organizzazione del tirocinio presso l'università partner. Prima della compilazione del learning agreement, lo studente deve ottenere l'approvazione formale degli esami da svolgere presso l'università ospitante da parte di docenti titolari di insegnamenti equivalenti o affini presso l'Università degli Studi di Milano. Per lo svolgimento all'estero di un'attività sperimentale, che può costituire una parte o la totalità dell'attività di tirocinio, viene richiesta una lettera di consenso da parte di un docente dell'università partner e l'approvazione formale degli obiettivi, del programma e del periodo di svolgimento del tirocinio da parte di un docente del corso di studi che funge da relatore.
Al termine del periodo di studio all'estero, lo studente consegna la certificazione delle attività svolte (transcript of records) rilasciata dall'università ospitante e ottiene, con delibera del Collegio Didattico, il riconoscimento dei crediti e dei relativi voti.
Il corso di studio partecipa attivamente al Programma Erasmus+ Placement che prevede la mobilità degli studenti finalizzata allo svolgimento della tesi di laurea in strutture altamente qualificate (università, centri di ricerca sia pubblici che privati) e selezionate anche sulla base del percorso formativo dello studente.
fortemente raccomandata

Elenco insegnamenti

Primo semestre
Attività formative Crediti Ore totali Lingua
Obbligatorio
Biotecnologie microbiche 9 84 Italiano
- Unità didattica 1: Biotecnologie genetico-molecolari4
- Unità didattica 2: Fermentazioni industriali5
Economia e gestione dell'innovazione nell'industria alimentare 6 48 Italiano
Nutrizione applicata 6 52 Italiano
Progettazione e gestione degli impianti nell'impresa alimentare 6 64 Italiano
Secondo semestre
Attività formative Crediti Ore totali Lingua
Obbligatorio
Biochimica delle trasformazioni alimentari 6 56 Italiano
Gestione dei sistemi per la qualità 6 56 Italiano
Tecnologie del condizionamento ed elementi di logistica 6 64 Italiano
Primo semestre
Attività formative Crediti Ore totali Lingua
Obbligatorio
Modellazione, ottimizzazione ed innovazione di processo 6 64 Italiano
Facoltativo
Biochimica e microbiologia dei prodotti di origine animale 6 48 Italiano
Biotecnologia delle fermentazioni alimentari 6 64 Italiano
Biotrasformazioni alimentari 6 56 Italiano
Marketing dei prodotti agroalimentari 6 64 Italiano
Produzione e qualità della carne e dei prodotti ittici 6 48 Italiano
Tecnologie avanzate per il settore lattiero caseario 6 56 Italiano
Secondo semestre
Attività formative Crediti Ore totali Lingua
Facoltativo
Conservazione e trasformazione dei prodotti di origine animale 6 52 Italiano
Economia agro-alimentare e legislazione comunitaria 6 48 Italiano
Materie prime e e tecnologie per l'industria dolciaria 6 56 Italiano
Microbiologia, igiene e sicurezza di latte e derivati 6 56 Italiano
Tecnologie tradizionali ed innovative per il settore dei cereali 6 56 Italiano
Uso e riciclo delle biomasse agro-alimentari 6 56 Italiano
Regole di composizione
- Un insegnamento a scelta orientata (1) tra i seguenti:
Attività formative Crediti Ore totali Lingua Periodo
Biotecnologia delle fermentazioni alimentari 6 64 Italiano Primo semestre
Tecnologie avanzate per il settore lattiero caseario 6 56 Italiano Primo semestre
Conservazione e trasformazione dei prodotti di origine animale 6 52 Italiano Secondo semestre
Tecnologie tradizionali ed innovative per il settore dei cereali 6 56 Italiano Secondo semestre
- Un insegnamento a scelta orientata (2) tra i seguenti:
Attività formative Crediti Ore totali Lingua Periodo
Produzione e qualità della carne e dei prodotti ittici 6 48 Italiano Primo semestre
Economia agro-alimentare e legislazione comunitaria 6 48 Italiano Secondo semestre
Uso e riciclo delle biomasse agro-alimentari 6 56 Italiano Secondo semestre
- Un insegnamento a scelta orientata (3) tra i seguenti:
Attività formative Crediti Ore totali Lingua Periodo
Biochimica e microbiologia dei prodotti di origine animale 6 48 Italiano Primo semestre
Biotrasformazioni alimentari 6 56 Italiano Primo semestre
Marketing dei prodotti agroalimentari 6 64 Italiano Primo semestre
Materie prime e e tecnologie per l'industria dolciaria 6 56 Italiano Secondo semestre
Microbiologia, igiene e sicurezza di latte e derivati 6 56 Italiano Secondo semestre
Primo semestre
Attività formative Crediti Ore totali Lingua
Obbligatorio
Idoneità relativa ad ulteriori conoscenze linguistiche 3 24 Italiano
Facoltativo
Basi molecolari del gusto 4 32 Italiano
Design e sviluppo di prodotto 4 32 Italiano
Secondo semestre
Attività formative Crediti Ore totali Lingua
Facoltativo
International agrifood markets and policy 7 72 Inglese
Microrganismi probiotici: biotecnologie e applicazioni 4 32 Italiano
Microstruttura e macrostruttura degli alimenti 4 40 Italiano
Nanotecnologie nell'industria alimentare 4 36 Italiano
Qualità e funzionalità di latte e derivati 4 40 Italiano
Sostenibilità dei sistemi di produzione e di distribuzione dei prodotti alimentari 4 32 Italiano
Tecnologie e impiego delle sostanze grasse nell'industria alimentare 4 36 Italiano
Tracciabilità molecolare degli alimenti 4 36 Italiano
Attività conclusive
Attività formative Crediti Ore totali Lingua
Obbligatorio
Prova finale (TESI MAGISTRALE) 40 Italiano
Regole di composizione
- A scelta autonoma dello studente: CFU 8