Corso professionalizzante interdisciplinare i con elementi di sociologia dell'ambiente e delle popolazioni

A.A. 2017/2018
Insegnamento per
14
Crediti massimi
112
Ore totali
SSD
MED/42 MED/44 SECS-S/04 SPS/09 VET/06
Lingua
Italiano

Struttura insegnamento e programma

Edizione attiva
Moduli o unità didattiche
Demografia
SECS-S/04 - DEMOGRAFIA - CFU: 2
Lezioni: 16 ore
Docente: Scramaglia Rosantonietta

Igiene generale e applicata
MED/42 - IGIENE GENERALE E APPLICATA - CFU: 2
Lezioni: 16 ore
Docente: Romano' Luisa

Medicina del lavoro
MED/44 - MEDICINA DEL LAVORO - CFU: 7
Lezioni: 56 ore
Docenti: Menoni Olga, Costa Giovanni, Fustinoni Silvia

Parassitologia e malattie parassitarie degli animali
VET/06 - PARASSITOLOGIA E MALATTIE PARASSITARIE DEGLI ANIMALI - CFU: 1
Lezioni: 8 ore
Docente: Epis Sara

Sociologia dei processi economici e del lavoro
SPS/09 - SOCIOLOGIA DEI PROCESSI ECONOMICI E DEL LAVORO - CFU: 2
Lezioni: 16 ore
Docente: Neri Stefano

Igiene generale e applicata
Programma
Programma del modulo:
Malattie a trasmissione alimentare
- Inquadramento delle malattie di origine alimentare ("foodborne diseases")
- Le infezioni-intossicazioni di origine alimentare ("foodborne infections" and "food poisoning"):
- L'epidemiologia delle malattie trasmesse per via alimentare nei paesi industrializzati
- I focolai epidemici: il riconoscimento degli eventi epidemici, l'inchiesta epidemiologica, le modalità di intervento
- Le modalità di prevenzione e controllo delle malattie trasmesse per via alimentare
1. da parte del produttore: autocontrollo e HACCP
2. da parte del Sistema Sanitario Nazionale:
- Metodi di processo e di controllo degli alimenti: il sistema HACCP
- Parte speciale: epidemiologia, prevenzione e controllo di alcune malattie veicolate da alimenti ("food-borne diseases"):
- salmonellosi (con particolare riferimento ai sierotipi non tifoidei)
- campylobacteriosi
- listeriosi
- infezioni da E.coli verocitossina -produttore (STEC/VTEC)
- intossicazione da enterotossina stafilococcica
- botulismo
- patologie da C.perfringens e B.cereus
Malattie a trasmissione respiratoria - parte speciale: epidemiologia, prevenzione e controllo di alcune specifiche patologie
- tubercolosi
- meningite meningococcica
- legionellosi.
Metodi didattici
Modalità di erogazione dl corso di insegnamento:
Lezioni frontali.
Modalità di svolgimento dell'esame di profitto:
Quesiti a risposta multipla.
Materiale didattico e bibliografia
Bibliografia:
Materiale didattico fornito dal docente.
Medicina del lavoro
Programma
Programma del modulo:
I tumori professionali:
- Caratteristiche utilizzate per definire un tumore professionale (organo bersaglio, istotipo, latenza, relazione dose-risposta, interazione fra cancerogeno professionale ed altri fattori di rischio);
- Sorveglianza dei tumori professionali in Italia: finalità, metodologie, esempi concreti di risultati (Registro mesoteliomi e tumori naso-sinusali, la ricerca attiva dei tumori a più bassa frazione eziologica).
- Storia della tossicologia occupazionale ed ambientale.
- Elementi di tossicodinamica.
- I regolamenti REACH e CLP; la classificazione del pericolo e le schede di sicurezza.
- La classificazione di cancerogenicità.
- La tossicocinetica.
- La valutazione del rischio chimico secondo il Dlgs. 81/08.
- I modelli per la stima del rischio; la misura dell'esposizione.
- La definizione dei valori limite di esposizione e la loro ricerca nelle banche dati.
- Illustrazione di alcuni esempi di progetti di ricerca in ambito tossicologico/preventivo.
I cambiamenti nel mondo del lavoro
- Dalla società agricolo-industriale al terziario avanzato
- Nuove tecnologie
- Globalizzazione dei mercati
- Flessibilizzazione degli orari di vita e di lavoro - La "Società delle 24 ore"
- Nuove tipologie di rapporti di lavoro
- Invecchiamento della popolazione
- Lavoro femminile
- Disabili
- Società multietnica e multiculturale (immigrazione)
- Cultura e bisogni (significato del lavoro e motivazione, interferenze lavoro/extralavoro)
- Valutazione del rischio ergonomico per l'apparato muscoloscheletrico utilizzando il metodo
Valutazione del rischio ergonomico per l'apparato muscoloscheletrico nella movimentazione dei pazienti ospedalieri utilizzando il metodo MAPO:
- Ospedale ed RSA: epidemiologia dei WMSDs negli operatori addetti all'assistenza
- Evoluzione della tipologia di assistenza in Europa ed analisi dell'organizzazione del lavoro
- Esercitazione alla compilazione di un protocollo per l'analisi organizzativa
- I differenti determinanti del rischio da movimentazione pazienti
- Modalità per effettuare un sopralluogo ed analizzare le inadeguatezze ambientali
- I criteri per l'attribuzione dei valori ai determinanti di rischio
- Esercitazione al calcolo dell'indice di rischio tramite metodo MAPO
- Le strategie preventive per ridurre il rischio specifico.
Metodi didattici
Modalità di erogazione dl corso di insegnamento:
Lezioni frontali.
Modalità di svolgimento dell'esame di profitto:
Materiale didattico e bibliografia
Bibliografia:
Slide a cura del docente
- TR 12296 su gestione del rischio da movimentazione pazienti
- Linee guida internazionali sulle strategie preventive
Demografia
Programma
Programma del modulo:
- Analizzare i vari metodi di ricerca sociale poi, ci si concentra su quelli utilizzati dalla demografia. In particolare, si portano a conoscenza degli studenti le fonti statistiche italiane, europee e mondali più note, se ne illustrano i contenuti e si indica come leggere i dati e valutarne l'affidabilità.
- Una volta in grado di osservare i tratti strutturali della popolazione facendone una sorta di "fotografia", gli studenti sono invitati a interpretare i fenomeni descritti, calandoli nelle dinamiche sociali.
- L'evoluzione della popolazione, nascite e morti, matrimoni e divorzi e la fecondità.
- Rimanendo soprattutto nell'ambito italiano, si confronteranno fra loro la popolazione storica e la nuova componente dovuta all'immigrazione. Anche quest'ultima infatti sarà oggetto di studio: percorsi e flussi di immigrazione, evoluzione e integrazione. Qualche previsione a breve e medio termine. Fra le dinamiche della popolazione si analizzeranno poi alcuni casi particolari come le migrazioni interne e la mobilità per motivo di studio,
- Qualità della vita, della salute, del lavoro, delle nuove povertà, della casa e dei disagi abitativi, e di altro. Il tutto evidenziando le differenze di genere e fra le varie fasce di età e confrontando fra loro le diverse parti d'Italia e l'Italia con il resto del mondo.
Metodi didattici
Modalità di erogazione dl corso di insegnamento:
Lezioni frontali.
Modalità di svolgimento dell'esame di profitto:
L'esame consiste in una prova scritta con domande aperte sul testo adottato.
Materiale didattico e bibliografia
Bibliografia:
Testo obbligatorio: Roberto Lavarini, DEMografia. Elementi di analisi demografica, Lumi edizioni, Milano, 2016
Altre indicazioni bibliografiche sui testi aggiuntivi consigliati verranno fornite durante le lezioni.
Sociologia dei processi economici e del lavoro
Programma
Programma del modulo:
1. Definizioni di welfare state, dalle origini ad oggi. Il concetto di cittadinanza di Marshall, nelle sue diverse componenti.
2. Welfare state e welfare mix. Modelli di intervento nelle politiche di welfare.
3. L'evoluzione storica del welfare state in Europa. Dalle origini agli anni settanta: nascita, consolidamento ed espansione. La divaricazione tra modello occupazionale e modello universalistico.
4. Le trasformazioni socio-economiche dell'ultimo trentennio e la crisi del welfare state: il passaggio dal fordismo al post-fordismo, la globalizzazione, l'invecchiamento della popolazione, i cambiamenti nella struttura della famiglia, la crescita dell'occupazione femminile e le conseguenze sui servizi di welfare.
5. La riforma del welfare state. Il concetto di ricalibratura.
6. I regimi di welfare di Esping-Andersen e il dibattito da essi suscitato a livello internazionale e in Italia.
7. Il welfare state in Italia: nascita, sviluppo e processi di riforma dell'ultimo ventennio. Il welfare state italiano in prospettiva comparata.
8. Gli assetti istituzionali dei sistemi sanitari. Il caso italiano in ottica comparata.
Metodi didattici
Modalità di erogazione dl corso di insegnamento:
Lezioni frontali.
Modalità di svolgimento dell'esame di profitto:
Esame scritto.
Materiale didattico e bibliografia
Bibliografia:
Ferrera M., Le politiche sociali, Bologna, Il Mulino, n. ed. 2012, limitatamente al cap. 1.
Ulteriori indicazioni di lettura verranno fornite a lezione durante il corso.
Parassitologia e malattie parassitarie degli animali
Programma
Programma del modulo:
- Modelli di malattie parassitarie e a trasmissione vettoriale (tra cui: toxoplasmosi; malattia di Lyme; teniasi; echinococcosi; trichinellosi), attraverso i quali verranno esemplificati i concetti fondanti della disciplina.
Metodi didattici
Modalità di erogazione dl corso di insegnamento:
Lezioni frontali.
Modalità di svolgimento dell'esame di profitto:
Quesiti a risposta multipla.
Materiale didattico e bibliografia
Bibliografia:
Materiale didattico fornito dal docente.
Testo suggerito: De Carneri, Parassitologia Medica e Diagnostica Parassitologica, Casa Editrice Ambrosiana (CEA), Milano
Periodo
Primo semestre
Modalità di valutazione
Esame
Giudizio di valutazione
voto verbalizzato in trentesimi
Docente/i
Ricevimento:
previo appuntamento da concordare via e-mail
Ricevimento:
Venerdì dalle 14 alle 15. Richiedere prima un appuntamento al docente via mail o telefono
ufficio del docente, Dipartimento di Bioscienze, via Celoria 26, piano terra torre B
Ricevimento:
Clinica del Lavoro, Via S. Barnaba, 8
Ricevimento:
Prossimi ricevimenti: martedì 10/12, ore 17.45-19.15; lunedì 16/12, ore 17-19; mercoledì 18/12, ore 14.00-16.00
Dipartimento di Scienze Sociali e Politiche - Stanza 6. Palazzina nuova (stesso edificio delle aule 10, 11, 12, 13).
Ricevimento:
su appuntamento
Via C Pascal 36, Milano