Filosofia e politica del diritto

A.A. 2018/2019
9
Crediti massimi
60
Ore totali
SSD
IUS/20
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Il corso persegue i seguenti obiettivi di apprendimento:
- fare comprendere agli studenti i problemi al centro della riflessione teorica sul diritto e sui vari modi possibili di usare il diritto in vista del perseguimento di diversi scopi sociali;
- coltivare negli studenti la capacità di applicare i concetti prodotti dalla riflessione teorica sul diritto all'analisi degli ordinamenti giuridici esistenti e dei problemi di politica del diritto che si pongono al loro interno;
- educare gli studenti all'utilizzo pertinente dei più importanti concetti giuridici;
Programma e organizzazione didattica

Edizione unica

Responsabile
Periodo
Primo trimestre
STUDENTI FREQUENTANTI
Programma
Il corso sarà organizzato in due unità didattiche di quindici lezioni.
La prima unità didattica sarà dedicata ai problemi e ai concetti centrali della riflessione teorica sul diritto e, dopo un'introduzione all'oggetto, ai problemi e allo statuto della filosofia del diritto, anche in relazione alle altre discipline giuridiche, sarà articolata in una parte generale, dedicata ai concetti e ai problemi fondamentali del diritto e della scienza del diritto, e in una parte speciale, dedicata a concetti e problemi specifici delle diverse branche del diritto. Nella prima parte, generale, verranno trattati i seguenti argomenti: il concetto di norma, la realtà intersoggettiva delle norme, il concetto di fatto normativo e la distinzione tra norme di condotta, norme attributive di status e norme attributive di poteri; i tratti che distinguono le norme giuridiche dalle altre norme sociali; la distinzione tra ordini convenzionali e ordini istituzionali; il diritto come sistema responsabile di un ordine istituzionale; l'idea di ordinamento giuridico e il suo carattere normativo; le situazioni giuridiche soggettive (status, titolo, capacità, obbligo, licenza, facoltà, potestà, diritto) e le differenti concezioni dei diritti soggettivi; il problema della validità delle norme giuridiche e la relazione tra le nozioni di validità, efficacia ed esistenza; i concetti di conformità e obbedienza alle norme e il problema dell'obbligo di obbedire al diritto; i vari modi di intendere la tradizionale controversia tra giusnaturalismo e giuspositivismo. Nella seconda parte, speciale, verranno trattati i seguenti argomenti: il concetto di Stato e le forme dello Stato di diritto; il concetto e la funzione dei diritti fondamentali nello Stato di diritto costituzionale; le forme dell'eguaglianza e i relativi principi; i concetti di proprietà e autonomia; il concetto di responsabilità e il problema della giustificabilità delle sanzioni sullo sfondo del dibattito tra deterministi e non-deterministi; le differenze tra sanzioni civili e sanzioni penali, le relative funzioni e la loro efficacia.
La seconda unità didattica sarà dedicata ai concetti e ai principi fondamentali del "costituzionalismo liberale, democratico e solidale", espressione con la quale ci si riferisce a una possibile interpretazione della concezione della giustizia distintiva del modello europeo dello Stato di diritto costituzionale, e alle loro implicazioni di politica del diritto. Verranno trattati i seguenti argomenti: l'eguaglianza di base, il diritto fondamentale all'eguaglianza di trattamento e i principi dell'eguale riguardo e dell'eguale rispetto; le diverse nozioni di libertà (negativa e positiva, formale, sociale ed effettiva), la relazione esistente tra libertà e proprietà, la libertà effettiva come bene giuridico fondamentale e l'idea di una divisione del lavoro morale tra prerogative individuali e istituzioni; l'ideale dell'eguaglianza delle opportunità e le sue tre dimensioni: liberale, politica ed economica; il principio del danno a terzi e le obiezioni al paternalismo e al moralismo giuridico; il principio di sovranità personale e i suoi limiti; la libertà di parola e di stampa; l'eguaglianza democratica nelle opportunità di partecipazione politica, le sue garanzie e i suoi problemi; l'ideale dell'eguaglianza delle opportunità iniziali e quello, meritocratico, di una distribuzione basata sul merito delle diverse posizioni sociali; le critiche femministe ai principi dell'eguaglianza di trattamento e dell'eguaglianza di opportunità e le possibili soluzioni alle difficoltà che esse denunciano; il rapporto tra eguaglianza delle opportunità ed eguaglianza dei risultati e i limiti dell'ideale del livellamento del campo da gioco; le diverse nozioni di equità e i ruoli del mercato e del welfare nel produrre una divisione equa della ricchezza; la giustificabilità di un diritto al reddito; la nozione di laicità e i principi di tolleranza, neutralità, pluralismo; la sfida multiculturalista e il rispetto delle minoranze culturali; la natura, lo status e i problemi centrali di una teoria della giustizia.
Informazioni sul programma
Il corso di Filosofia e politica del diritto è strettamente collegato a quello di Bioetica e politica del diritto (3 CFU, secondo trimestre), che può esserne considerato un proseguimento. Si tratta di un corso a offerta libera che, per i soli studenti di SPO, vale anche come sostituto di stage e laboratori, per conseguire i 3 cfu per le ulteriori attività formative. Nell'a.a. 2018/2019 il corso sarà dedicato alla discussione dei problemi di politica del diritto connessi alla regolazione di aborto ed eutanasia neonatale, libertà procreativa e nuove forme di procreazione, eugenetica e gestazione per altre/i alla luce dei principi del costituzionalismo liberale, democratico e solidale.
Prerequisiti e modalità di esame
Per sostenere l'esame da frequentanti è richiesta la frequenza di 4/5 delle lezioni. La frequenza di tutte o quasi le lezioni verrà premiata in sede di valutazione finale, con l'aggiunta di un punto per chi avrà frequentato tutte le lezioni e di mezzo punto per chi avrà fatto da una a tre assenze.
Per i frequentanti l'esame, che verterà sul contenuto delle lezioni e sui testi indicati nell'apposita sezione, consisterà in una prova scritta, obbligatoria, articolata in dodici domande aperte - sei sul contenuto delle lezioni e sei sui testi - e in una prova orale, facoltativa, che potrà modificare al massimo di due punti, in positivo o in negativo, il risultato della prova scritta.
Gli studenti frequentanti potranno dividere la prova scritta in due parti secondo le modalità che saranno indicate a lezione.
Metodi didattici
Lezioni frontali e discussione.
I testi in programma non saranno direttamente oggetto delle lezioni. Durante le lezioni saranno fornite le nozioni di base necessarie per affrontare la lettura dei testi, attraverso la quale gli studenti potranno approfondire alcuni dei temi trattati a lezione.
Per gli studenti interessati (frequentanti e non) sarà attivato un seminario integrativo e facoltativo di introduzione alla lettura dei testi d'esame. Il seminario prevede un incontro a settimana, della durata di un'ora, per un totale di otto incontri. Il programma dettagliato sarà reso disponibile sul sito Ariel del corso.
Saranno messe a disposizione degli studenti frequentanti delle sintesi delle lezioni corredate da domande di verifica dall'insieme delle quali saranno tratte le domande dell'esame finale relative al contenuto delle lezioni.
Materiale didattico e bibliografia
Unità 1

- Hart, H.L.A., Il concetto di diritto. Nuova edizione con un poscritto dell'autore, Einaudi, Torino, 2002, capp. 5-9 (pp. 95-246) tranne par. 6.3 (pp. 139-145).
- Hayek, F.A., Legge, legislazione e libertà, Il Saggiatore, Milano, 1994 o edizioni successive, capp. 2 (pp. 48-72) e 4-5 (pp. 93-153).
- Rawls, J., Una teoria della giustizia. Nuova edizione, Feltrinelli, Milano, 2008, cap. 6 (pp. 321-373).

Unità 2

- Mill, J.S., Sulla libertà, qualsiasi edizione integrale (edizione consigliata: Bompiani, Milano, con testo inglese a fronte).
- Mill, J.S., Principi di economia politica, 2 voll., UTET, Torino, 2006, libro II, capp. 1-2 (pp. 333-377) e libro V, cap. 11 (pp. 1225-1268).*
- Hart, H.L.A., Diritto, morale e libertà, Bonanno, Acireale, 1968.*
- Hayek, F.A., Legge, legislazione e libertà, Il Saggiatore, Milano, 1994 o edizioni successive, capp. 9 (pp. 262-306), 10 (pp. 314-342) e 14-15 (pp. 415-471).
- Rawls, J., Una teoria della giustizia. Nuova edizione, Feltrinelli, Milano, 2008, capp. 1-2 (pp. 25-125) e 4-5 (pp. 197-320).

Gli studenti frequentanti in debito d'esame per i corsi di Teoria generale del diritto (6 CFU) o Filosofia del diritto (6 CFU) dovranno studiare i seguenti testi:

- Hart, H.L.A., Il concetto di diritto. Nuova edizione con un poscritto dell'autore, Einaudi, Torino, 2002, capp. 5-9 (pp. 95-246).
- Mill, J.S., Sulla libertà, qualsiasi edizione integrale (edizione consigliata: Bompiani, Milano, con testo inglese a fronte).
- Mill, J.S., Principi di economia politica, 2 voll., UTET, Torino, 2006, libro II, capp. 1-2 (pp. 333-377) e libro V, cap. 11 (pp. 1225-1268).*
- Hart, H.L.A., Diritto, morale e libertà, Bonanno, Acireale, 1968.*

I testi indicati con un asterisco (*) saranno resi disponibili via Ariel.
STUDENTI NON FREQUENTANTI
Programma
Si consiglia la frequenza delle lezioni. In media gli studenti frequentanti superano più facilmente l'esame del corso e ottengono migliori risultati. Per gli studenti impossibilitati a frequentare le lezioni il programma prevede una serie di testi organizzati attorno a due nuclei tematici. Una parte dei testi affrontano da un lato temi classici della teoria del diritto: i diversi tipi di norma e di ordine, la natura del diritto, la sua validità e il suo rapporto con il concetto di giustizia, le situazioni giuridiche soggettive, l'obbligo di obbedire al diritto. L'altra parte dei testi riguarda i principi di giustizia che dovrebbero guidare la regolazione giuridica della libertà personale e la politica economica, sociale e fiscale degli Stati.
Prerequisiti e modalità di esame
Per i non frequentanti l'esame, che verterà sui testi indicati nell'apposita sezione, consisterà in un'unica prova scritta, obbligatoria, della durata di due ore, articolata in dodici domande aperte, e in una prova orale, facoltativa, che potrà modificare al massimo di due punti, in positivo o in negativo, il risultato della prova scritta.
Materiale didattico e bibliografia
Gli studenti non frequentanti possono scegliere uno tra i due programmi seguenti:

1.

- Ross, A., Diritto e giustizia. Einaudi, Torino, 1965 o edizioni successive, capp. 1-5 (pp. 3-159).
- Hart, H.L.A., Il concetto di diritto. Nuova edizione con un poscritto dell'autore, Einaudi, Torino, 2002, capp. 5-9 (pp. 95-246) tranne par. 6.3 (pp. 139-145).
- Mill, J.S., Sulla libertà, qualsiasi edizione integrale (edizione consigliata: Bompiani, Milano, con testo inglese a fronte).
- Mill, J.S., Principi di economia politica, 2 voll., UTET, Torino, 2006, libro II, capp. 1-2 (pp. 333-377) e libro V, cap. 11 (pp. 1225-1268).*
- Hart, H.L.A., Diritto, morale e libertà, Bonanno, Acireale, 1968.*
- Hayek, F.A., Legge, legislazione e libertà, Il Saggiatore, Milano, 1994 o edizioni successive, capp. 2 (pp. 48-72), 4-5 (pp. 93-153), 9 (pp. 262-306), 10 (pp. 314-342) e 14-15 (pp. 415-471).
- Rawls, J., Una teoria della giustizia. Nuova edizione, Feltrinelli, Milano, 2008, capp. 1-2 (pp. 25-125) e 4-6 (pp. 197-373).

2.

- Ross, A., Diritto e giustizia. Einaudi, Torino, 1965 o edizioni successive, capp. 1-5 (pp. 3-159).
- Hart, H.L.A., Il concetto di diritto. Nuova edizione con un poscritto dell'autore, Einaudi, Torino, 2002, capp. 5-9 (pp. 95-246) tranne par. 6.3 (pp. 139-145).
- Mill, J.S., Sulla libertà, qualsiasi edizione integrale (edizione consigliata: Bompiani, Milano, con testo inglese a fronte).
- Mill, J.S., Principi di economia politica, 2 voll., UTET, Torino, 2006, libro II, capp. 1-2 (pp. 333-377) e libro V, cap. 11 (pp. 1225-1268).*
- Hart, H.L.A., Diritto, morale e libertà, Bonanno, Acireale, 1968.*
- Riva, N. (a cura di), Eguaglianza, Laterza, Roma-Bari, 2017.
- Riva, N., Egalitarismi. Concezioni contemporanee della giustizia, Giappichelli, Torino, 2016.

Gli studenti non frequentanti in debito d'esame per i corsi di Teoria generale del diritto (6 CFU) o Filosofia del diritto (6 CFU) dovranno studiare i seguenti testi:

- Ross, A., Diritto e giustizia. Einaudi, Torino, 1965 o edizioni successive, capp. 1-5 (pp. 3-159).
- Hart, H.L.A., Il concetto di diritto. Nuova edizione con un poscritto dell'autore, Einaudi, Torino, 2002, capp. 5-9 (pp. 95-246) tranne par. 6.3 (pp. 139-145).
- Hayek, F.A., Legge, legislazione e libertà, Il Saggiatore, Milano, 1994 o edizioni successive, capp. 2 (pp. 48-72) e 4-5 (pp. 93-153).
- Mill, J.S., Sulla libertà, qualsiasi edizione integrale (edizione consigliata: Bompiani, Milano, con testo inglese a fronte).
- Mill, J.S., Principi di economia politica, 2 voll., UTET, Torino, 2006, libro II, capp. 1-2 (pp. 333-377) e libro V, cap. 11 (pp. 1225-1268).*
- Hart, H.L.A., Diritto, morale e libertà, Bonanno, Acireale, 1968.*

I testi indicati con un asterisco (*) saranno resi disponibili via Ariel.
IUS/20 - FILOSOFIA DEL DIRITTO - CFU: 9
Lezioni: 60 ore
Docente: Riva Nicola
Docente/i
Ricevimento:
Ogni martedì, dalle 13.00 alle 16.00.
Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali - Stanza 206