Fondamenti di scienze biologiche

Struttura insegnamento e programma

Edizione attiva
Moduli o unità didattiche
Biologia applicata
BIO/13 - BIOLOGIA APPLICATA - CFU: 2
Lezioni: 20 ore
Docente: Doneda Luigia

Genetica medica
MED/03 - GENETICA MEDICA - CFU: 1
Lezioni: 10 ore

Istologia
BIO/17 - ISTOLOGIA - CFU: 2
Lezioni: 20 ore
Docente: Begni Paola Maria Giulia

Prerequisiti e modalità di esame
Scritto (test a risposte multiple e domande aperte) e orale che verte su tutti gli argomenti trattati nel corso, in particolare sugli aspetti di base della biologia, struttura e funzione della cellula e delle sue componenti, delle basi genetiche dell'ereditarietà e sugli effetti di variazioni genetiche.
L'identificazione di preparati microscopici ha lo scopo di accertare le conoscenze dello studente sugli aspetti teorici e pratici della materia
Biologia applicata
Programma
Caratteristiche fondamentali della materia vivente:
Complessità
Capacità di accrescimento
Capacità di autoriproduzione
Adattamento all'ambiente

Organizzazione cellulare:
Teoria cellulare
Proprietà fondamentali delle cellule
Cellula procariotica e cellula eucariotica
Organismi monocellulari e pluricellulari
Processi evolutivi
Compartimentazione delle cellule eucariotiche
Citoscheletro: microtubuli, microfilamenti e filamenti intermedi: struttura e funzioni

Composizione chimica della materia vivente :
Composti inorganici ed organici
Le macromolecole biologiche
L'importanza biologica dell'acqua
Struttura e funzione degli acidi nucleici
Il flusso dei informazione tra le macromolecole biologiche
Le Membrane biologiche
Struttura e funzione delle membrane biologiche
Meccanismi di trasporto attraverso la membrana
Il sistema di membrane cellulari
Reticolo endoplasmatico
Apparato di Golgi
Involucro nucleare
Lisosomi
Perossisomi
Struttura e funzione

Flusso dell'informazione nella materia vivente:
Il DNA come materiale ereditario.
Dimostrazione che il DNA è il materiale ereditario: esperimento di Hershey and Chase
Dogma centrale della biologia
Replicazione del DNA: esperimento di Meselson e Stahl
Generalità sulla struttura del gene eucariotico
Trascrizione e traduzione
Cenni sui meccanismi di trascrizione e maturazione degli mRNA
Struttura del ribosoma
Struttura del tRNA
Il codice genetico
La traduzione nei procarioti e nei eucarioti
Istologia
Programma
EPITELI DI RIVESTIMENTO
caratteri generali;
criteri di classificazione;
struttura;
principali localizzazioni.

EPITELI GHIANDOLARI
caratteri generali;
criteri di classificazione;
struttura;
principali localizzazioni.

TESSUTI CONNETTIVI PROPRIAMENTE DETTI
caratteri generali;
criteri di classificazione;
struttura;
principali localizzazioni.

TESSUTO CARTILAGINEO
caratteri generali;
criteri di classificazione;
struttura;
principali localizzazioni.

TESSUTO OSSEO
caratteri generali;
criteri di classificazione;
struttura;
principali localizzazioni;
processi di ossificazione

SANGUE
caratteri generali;
emopoiesi: cenni gruppi sanguigni

TESSUTO MUSCOLARE
caratteri generali;
criteri di classificazione;
struttura;
principali localizzazioni.
TESSUTO NERVOSO
caratteri generali;
struttura;
nevroglia.
Genetica medica
Programma
Basi molecolari per lo studio dell'ereditarietà nell'uomo:
I cromosomi e la cromatina; cellule somatiche e germinali; assetto cromosomico: diploidia e aploidia; mitosi e meiosi con riferimento alla gametogenesi maschile e femminile

Genetica Mendeliana:
Le leggi di Mendel; terminologia genetica: concetti di genotipo e fenotipo, gene, allele, locus. Eccezioni alle leggi di Mendel (dominanza incompleta e codominanza: esempio i gruppi sanguigni, compatibilità trasfusionale e compatibilità genetica)

La trasmissione dei caratteri ereditari nell'uomo:
Caratteri (malattie) semplici e complessi; rappresentazione degli alberi genealogici; tipi di ereditarietà (esempi di malattie genetiche); terminologia genetica: concetti di penetranza, espressività, eterogeneità genetica.

Patologia molecolare:
Mutazioni spontanee e indotte (accenno ai principali tipi di mutageni); mutazioni germinali e somatiche; mosaicismo; basi molecolari: effetti fenotipici delle mutazioni puntiformi (mutazioni neutre, missense, nonsense, frameshift e di splicing); mutazione e polimorfismo, i polimorfismi del DNA, esempi di patologie genetiche

Cariotipo umano:
Morfologia e classificazione dei cromosomi umani; analisi del cariotipo

Aberrazioni cromosomiche nell'uomo:
Principali alterazioni cromosomiche. Anomalie di numero: poliploidie e aneuploidie (esempi). Anomalie di numero dei cromosomi sessuali. Accenno all'inattivazione del cromosoma X e alle regioni PAR. Anomalie di struttura bilanciate: inversione e traslocazione (inclusa la traslocazione robertsoniana) e sbilanciate: delezione e duplicazione. Nomenclatura delle anomalie cromosomiche.
Periodo
Primo semestre
Modalità di valutazione
Esame
Giudizio di valutazione
voto verbalizzato in trentesimi
Docente/i
Ricevimento:
su appuntamento
Ricevimento:
previo appuntamento da concordare via e-mail