Letteratura latina

A.A. 2018/2019
Insegnamento per
12
Crediti massimi
80
Ore totali
SSD
L-FIL-LET/04
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Conoscenze: acquisire la conoscenza dei principali lineamenti di storia letteraria latina dall'età arcaica al tardoantico, con particolare attenzione ai generi letterari.
Competenze: comprendere testi latini letterari a livello di lessico, morfologia, sintassi e riconoscerne i registri stilistici principali; tradurre testi latini letterari; sviluppare la costruzione di un'argomentazione letteraria articolata; individuare i capisaldi bibliografici necessari all'argomentazione stessa, esprimendoli con chiarezza e utilizzando con proprietà il lessico della disciplina; saper leggere in metrica testi poetici in esametri e distici elegiaci.

Struttura insegnamento e programma

(con istituzioni di lingua - Cognomi A-H)
Edizione attiva
Responsabile
Moduli o unità didattiche
Unita' didattica A
L-FIL-LET/04 - LINGUA E LETTERATURA LATINA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore
Docente: Merli Elena

Unita' didattica B
L-FIL-LET/04 - LINGUA E LETTERATURA LATINA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore
Docente: Merli Elena

Unita' didattica C
L-FIL-LET/04 - LINGUA E LETTERATURA LATINA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore
Docente: Merli Elena

Unita' didattica D
L-FIL-LET/04 - LINGUA E LETTERATURA LATINA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Informazioni sul programma
Argomento del corso: Ovidio, Lettere di eroine (80 ore, 12 cfu)

Unità didattica A (20 ore, 3 cfu): Ovidio, Lettere di eroine (I) [prof. Elena Merli]
Unità didattica B (20 ore, 3 cfu): Ovidio, Lettere di eroine (II) [prof. Elena Merli]
Unità didattica C (20 ore, 3 cfu): Istituzioni di lingua (prosa: Cicerone, pro Caelio) [prof. Elena Merli]
Unità didattica D (20 ore, 3 cfu): Istituzioni di lingua (poesia: Virgilio, Bucoliche) [prof. M. Gioseffi]

Il corso è rivolto a studenti triennalisti che debbano sostenere il primo esame di Letteratura latina, il cui cognome inizi con una lettera compresa fra A e H e che siano iscritti a uno dei seguenti corsi di Laurea: Lettere (12 cfu) Filosofia (6/9/12 cfu; unità A e B obbligatorie) Scienze storiche (6/9/12 cfu; unità A e B obbligatorie)

Presentazione del corso Il corso è composto da quattro unità didattiche: le unità A e B propongono un percorso antologico (con traduzione e commento) all'interno delle Lettere di eroine di Ovidio, che propongono una rilettura raffinata, in chiave sentimentale, di miti e capolavori letterari dell'antichità (dalla guerra di Troia alla spedizione degli Argonauti alle vicende dell'Eneide); le unità C e D sono destinate a rafforzare le competenze linguistiche degli studenti attraverso esercizi di analisi del testo, condotti rispettivamente su brani in prosa tratti dalla pro Caelio di Cicerone e su passi poetici scelti delle Bucoliche di Virgilio.
Sito del corso: https://mgioseffillilah.ariel.ctu.unimi.it/v5/home/Default.aspx. Sul sito si trovano i programmi; le simulazioni dei test preliminari (vedi infra); i materiali utilizzati a lezione; ulteriori indicazioni e avvisi aggiornati dal docente; un forum.

Prerequisiti
Gli studenti dovranno verificare autonomamente di collocarsi al livello III degli Standard linguistici descritti nel file "Studiare il latino in Unimi" (vedi sito del corso di laurea in Lettere), coerenti con quelli previsti per la certificazione linguistica del latino. Si ricorda che per chi non ha mai studiato latino sono offerti corsi dedicati, della durata complessiva di tre semestri.

Risultati di apprendimento
Conoscenze: acquisire la conoscenza dei principali lineamenti di storia letteraria latina dall'età arcaica al tardoantico, con particolare attenzione ai generi letterari.
Competenze: comprendere testi latini letterari a livello di lessico, morfologia, sintassi e riconoscerne i registri stilistici principali; tradurre testi latini letterari; sviluppare la costruzione di un'argomentazione letteraria articolata; individuare i capisaldi bibliografici necessari all'argomentazione stessa, esprimendoli con chiarezza e utilizzando con proprietà il lessico della disciplina; saper leggere in metrica testi poetici in esametri e distici elegiaci.

Indicazioni bibliografiche
Unità didattiche A-B
Programma d'esame per studenti frequentanti
Lettura, traduzione e commento di passi da Ovidio, Epistole di eroine. Il testo consigliato è Ovidio, Lettere di eroine, a cura di G. Rosati, Milano (BUR) 1989, più volte ristampato. I testi trattati a lezione ed eventuali ulteriori materiali didattici relativi alle lezioni verranno pubblicati via via sul sito Ariel del corso.

Unità didattica C
Programma d'esame per studenti frequentanti
- Cicerone, Pro Caelio, oppure Laelius, De amicitia, oppure Pro Murena, oppure l'antologia Il latino con gioia, a cura di T. Momigliano (editore LED, 2009). a scelta dello studente. Le lezioni dell'unità didattica C sono destinate alla preparazione della pro Caelio di Cicerone. Si consigliano: Cicerone, Pro Caelio, a cura di A. Cavarzere, Marsilio, Venezia, oppure E. Narducci, Difesa di Marco Celio, Rizzoli (BUR), Milano; E. Narducci - C. Saggio, Cicerone, L'amicizia, Rizzoli (BUR), Milano; G. Ferrara, Due scandali politici: Pro Murena, pro Sestio, Rizzoli (BUR), Milano (limitatamente alla pro Murena).
- altri materiali didattici relativi alle lezioni verranno pubblicati sul sito Ariel del corso.

Unità didattica D
Programma d'esame per studenti frequentanti
- il manuale di Storia della Letteratura latina. La preparazione del manuale è a carico dello studente. Manuali consigliati: G.B. Conte, Profilo storico della letteratura latina. Dalle origini alla tarda età imperiale, Le Monnier Università, Firenze 2004, oppure M. Citroni, M. Labate, E. Narducci, Disegno storico della letteratura latina, Laterza, Bari 1997, oppure A. Cavarzere, A. De Vivo, P. Mastandrea, Letteratura latina. Una sintesi storica, Carocci, Roma 2004. Gli studenti possono fare uso anche del manuale che hanno usato al liceo.
- poesia: Virgilio, Bucoliche, oppure IV libro dell'Eneide, oppure VI libro dell'Eneide. Le lezioni dell'unità didattica D sono destinate alla preparazione del testo delle Bucoliche. Sono obbligatorie per tutti gli studenti la conoscenza delle regole fondamentali della prosodia latina e la lettura metrica. Testi consigliati: S. Timpanaro, Nozioni elementari di prosodia e metrica latina, in A. La Penna, Romanae res et litterae, Loescher, Torino, pp. 415-436, oppure S. Boldrini, Fondamenti di prosodia e metrica latina, Carocci, Roma, oppure M. Lenchantin de Gubernatis, Manuale di prosodia e metrica latina, Principato 1988. Si segnalano le esercitazioni di metrica tenute dalla dott. C. Floris.
- altri materiali didattici relativi al testo virgiliano e alle lezioni verranno pubblicati sul sito Ariel del corso all'inizio delle lezioni.

Unità didattiche A-B
Programma d'esame per studenti non frequentanti
I non frequentanti prepareranno lettura metrica, traduzione e commento formale e contenutistico delle seguenti heroides ovidiane: 1 (Penelope), 3 (Briseide), 7 (Didone). Il testo consigliato è Ovidio, Lettere di eroine, a cura di G. Rosati, Milano (BUR) 1989, più volte ristampato. Si richiede inoltre la conoscenza dei seguenti saggi integrativi: le pagine relative alla poesia ovidiana da P. Pinotti, L'elegia latina, Roma (Carocci) 2011 (come introduzione generale all'elegia ovidiana); più nello specifico, sulle questioni esegetiche relative alla poesia delle heroides: G. Rosati, Epistola elegiaca e lamento femminile, introduzione a Ovidio, Lettere di eroine, Milano (BUR) 1989 (più volte ristampato), pp. 5-46; A. Barchiesi, Narratività e convenzione, introduzione a P. Ovidii Nasonis, Epistulae Heroidum 1-3, Firenze (Le Monnier) 1992, pp. 15-41.

Unità didattica C
Programma d'esame per studenti non frequentanti
I non frequentanti devono attenersi alle indicazioni date per i frequentanti.

Unità didattica D
Programma d'esame per studenti non frequentanti
I non frequentanti devono attenersi alle indicazioni date per i frequentanti.

Avvertenza
Gli studenti internazionali o Erasmus incoming sono invitati a prendere tempestivamente contatto col docente titolare del corso.
Le modalità d'esame per studenti con disabilità e/o con DSA dovranno essere concordate col docente, in accordo con l'Ufficio competente.

07/02/2019
Prerequisiti e modalità di esame
Scritto preliminare + orale
Scritto preliminare. L'esame prevede una prova scritta preliminare di accertamento linguistico (appelli a gennaio, maggio e settembre): lo studente dovrà rispondere a 30 domande di interesse grammaticale o di comprensione, a partire da un brano di prosa latina. La prova si svolge senza vocabolario. Solo una volta superata la prova, è possibile accedere all'orale. Simulazioni dei test d'esame, con possibilità di autovalutazione, sono disponibili sul Sito Ariel del corso di Letteratura latina con istituzioni A-H. Per la preparazione dello scritto, il corso di laurea organizza esercitazioni a frequenza obbligatoria, che danno diritto a sostenere l'esame in una o più sessioni interne al corso di esercitazioni (aprile-maggio). Le informazioni saranno fornite dal docente nella prima lezione del corso. Sono esonerati da tale prova gli studenti che nella scuola superiore avessero conseguito certificazione linguistica di 'Latino, livello B2' (approvato dall'Ufficio Scolastico Regionale della Lombardia). Per gli studenti principianti assoluti, il corso di laurea offre dei corsi loro destinati, della durata di tre semestri.

Esame orale. Il programma d'esame orale prevede:
· il corso svolto dai docenti, unità A-B-C-D;
· un testo di prosa (in originale, con traduzione, contestualizzazione, spiegazione dei riferimenti dotti ed eruditi) fra quelli indicati all'unità didattica C; un testo di poesia (in originale, con lettura metrica, traduzione, contestualizzazione e spiegazione delle perifrasi poetiche) fra quelli indicati all'Unità didattica D.
· la storia della letteratura latina, dalle origini al V secolo d.C. (compreso).
L'esame orale di ogni studente consterà dunque, complessivamente, di una domanda per ciascuna delle sopraddette parti.
Periodo
Secondo semestre
(con istituzioni di lingua - Cognomi I-Z)
Edizione attiva
Moduli o unità didattiche
Unita' didattica A
L-FIL-LET/04 - LINGUA E LETTERATURA LATINA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unita' didattica B
L-FIL-LET/04 - LINGUA E LETTERATURA LATINA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unita' didattica C
L-FIL-LET/04 - LINGUA E LETTERATURA LATINA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unita' didattica D
L-FIL-LET/04 - LINGUA E LETTERATURA LATINA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Informazioni sul programma
Argomento del corso: Il mito di Arianna e la sua fortuna (80 ore; 12 cfu)

Unità didattica A (20 ore; 3 cfu): Istituzioni di lingua (parte I) [Paola F. Moretti]
Unità didattica B (20 ore; 3 cfu): Istituzioni di lingua (parte II) [Paola F. Moretti]
Unità didattica C (20 ore; 3 cfu): L'episodio di Arianna nel carme 64 di Catullo [Paola F. Moretti]
Unità didattica D (20 ore; 3 cfu): Il mito di Arianna in Ovidio e oltre [docente da definire]

Il corso è rivolto a studenti triennalisti che debbano sostenere il primo esame di Letteratura latina, il cui cognome inizi con una lettera compresa fra I e Z e che siano iscritti a uno dei seguenti corsi di Laurea: Lettere (12 cfu); Filosofia (6/9/12 cfu), Scienze storiche (6/9/12 cfu).

Presentazione del corso
Attraverso l'analisi e la lettura di una serie di testi di età repubblicana e imperiale, il corso nel suo complesso si propone di analizzare le strutture della lingua letteraria latina.
Le unità A e B mirano al consolidamento e alla razionalizzazione delle conoscenze e competenze linguistiche dei discenti. Le lezioni, svolte a partire da testi in prosa, saranno dedicate: (a) all'affinamento delle competenze di riflessione metalinguistica, con particolare interesse per il lessico e per l'analisi del periodo complesso; (b) ad esercizi che facilitino l'acquisizione della lingua latina anche attraverso il recupero della dimensione intrinsecamente comunicativa che le è propria.
Nelle unità C e D si illustrerà la storia del mito di Arianna, a partire dalla sua rinarrazione catulliana, e si tratterà di alcuni episodi della sua fortuna, non solo letteraria, in epoca moderna.
Sito del corso: https://pmorettilliliz.ariel.ctu.unimi.it/v5/home/Default.aspx. Sul sito si trovano: programmi definitivi (dopo la fine del corso); le simulazioni dei test preliminari (vedi sotto: Modalità della prova d'esame); i materiali utilizzati a lezione; ulteriori indicazioni e avvisi aggiornati dal docente; un forum.

Prerequisiti
Gli studenti dovranno verificare autonomamente di collocarsi al livello III degli Standard linguistici descritti nel file 'Studiare il latino in Unimi' (vedi sito del corso di laurea in Lettere), coerenti con quelli previsti per la certificazione linguistica del latino.

Risultati di apprendimento
Conoscenze: acquisire la conoscenza dei principali lineamenti di storia letteraria latina dall'età arcaica al tardoantico, con particolare attenzione ai generi letterari.
Competenze: comprendere testi latini letterari a livello di lessico, morfologia, sintassi e riconoscerne i registri stilistici principali; tradurre testi latini letterari; sviluppare la costruzione di un'argomentazione letteraria articolata; individuare i capisaldi bibliografici necessari all'argomentazione stessa, esprimendoli con chiarezza e utilizzando con proprietà il lessico della disciplina; saper leggere in metrica testi poetici in esametri e distici elegiaci.

Indicazioni bibliografiche
Unità didattica A
- il manuale di Storia della Letteratura latina. Manuali consigliati: G.B. Conte, Profilo storico della letteratura latina. Dalle origini alla tarda età imperiale, Le Monnier Università, Firenze 2004, oppure M. Citroni, M. Labate, E. Narducci, Disegno storico della letteratura latina, Laterza, Bari 1997, oppure A. Cavarzere, A. De Vivo, P. Mastandrea, Letteratura latina. Una sintesi storica, Carocci, Roma 2004. Gli studenti possono fare uso anche del manuale che hanno usato al liceo.
- prosa: Cicerone, Pro Caelio, oppure Pro Murena, oppure Laelius, De amicitia, oppure Cesare, De bello gallico libro VII, a scelta dello studente. Si consigliano: Cicerone, Pro Caelio, a cura di A. Cavarzere, Marsilio, Venezia, oppure E. Narducci, Difesa di Marco Celio, Rizzoli (BUR), Milano; Cicerone, Pro Murena, in C. Giussani - S. Rizzo, Due scandali politici, introduzione di G. Ferrara, -Rizzoli (BUR), Milano; E. Narducci - C. Saggio, Cicerone, L'amicizia, Rizzoli (BUR), Milano; Cesare, De bello gallico libro VII, a cura di G. Cipriani, Marsilio, Venezia.
- poesia: Virgilio, Bucoliche, o Eneide libro VI, a scelta dello studente. Si consigliano: per le Bucoliche, l'edizione commentata a cura di M. Gioseffi, Cuem, Milano; per il VI libro dell'Eneide, Virgilio, Eneide VI, a cura di A. Rostagni, Mondadori 1942. Sono obbligatorie per tutti gli studenti la conoscenza delle regole fondamentali della prosodia latina e la lettura metrica. Testi consigliati: S. Timpanaro, Nozioni elementari di prosodia e metrica latina, in A. La Penna, Romanae res et litterae, Loescher, Torino, pp. 415-436, oppure S. Boldrini, Fondamenti di prosodia e metrica latina, Carocci, Roma, oppure M. Lenchantin de Gubernatis, Manuale di prosodia e metrica latina, Principato 1988.

Unità didattica B
A partire dall'analisi di testi di prosa, studio degli argomenti di lingua trattati a lezione: 1) lessico ed analisi degli elementi costitutivi dei lessemi (prefissi, suffissi); prefissi verbali e loro significati; 2) tipologie di frasi indipendenti (enunciative, volitive, interrogative); 3) verbo: il paradigma verbale (struttura e funzione); formazione del perfetto; opposizione indicativo/congiuntivo; temporalità assoluta/relativa; 4) sintassi dei casi; 5) sintassi del periodo: principio della ricorsività sintattica; varie tipologie di proposizioni completive (che svolgano funzione di soggetto o oggetto proposizionale): accusativo+infinito, ut/non +congiuntivo, ut/ne+congiuntivo, quod+indicativo, quin+congiuntivo, interrogative indirette, etc.

Unità didattica C
Lettura metrica, traduzione e analisi letteraria di passi del carme 64 di Catullo.

Unità didattica D
Lettura metrica, traduzione e analisi letteraria di Ovidio, Ars am. I 525-562; Met. 169-182; Heroid. X. Altri testi saranno resi disponibili dal docente durante il corso.


Programma d'esame per studenti non frequentanti
Unità didattica A
I non frequentanti devono attenersi alle indicazioni date per i frequentanti.

Unità didattica B
Traduzione di Cesare, De bello Gallico, libro VI, capp. 1-20; ripasso della lingua latina (a partire da qualsiasi manuale di grammatica in uso nei licei).

Unità didattica C
Traduzione e analisi letteraria di passi del carme 64 di Catullo. L'analisi deve essere accompagnata dalla lettura di G. Nuzzo, Epithalamium Thetidis et Pelei, Palermo, Palumbo 2003. L'elenco dettagliato dei passi sarà reso noto al termine del corso.

Unità didattica D
Traduzione e analisi letteraria di Ovidio, Ars am. I 525-562; Met. 169-182; Heroid. X. La bibliografia di riferimento sarà indicata dal docente alla fine del corso.

Avvertenza
Gli studenti internazionali o Erasmus incoming sono invitati a prendere tempestivamente contatto col docente titolare del corso. Le modalità d'esame per studenti con disabilità e/o con DSA dovranno essere concordate col docente, in accordo con l'Ufficio competente.

01/08/2018
Prerequisiti e modalità di esame
Scritto preliminare + Orale: L'esame prevede una prova scritta preliminare di accertamento linguistico (appelli a gennaio e maggio): lo studente dovrà rispondere a domande di interesse grammaticale o di comprensione, a partire da un brano di prosa latina. La prova si svolge senza vocabolario. Solo una volta superata la prova, è possibile accedere all'orale. Simulazioni dei test d'esame sono disponibili sul Sito Ariel del corso di Letteratura latina con istituzioni I-Z:
https://pmorettilliliz.ariel.ctu.unimi.it/v5/home/Default.aspx
Per la preparazione dello scritto, il corso di laurea organizza esercitazioni a frequenza obbligatoria, che danno diritto a sostenere l'esame nella sessione straordinaria di dicembre. Le informazioni saranno fornite dal docente nella prima lezione del corso.
Sono esonerati da tale prova gli studenti che nella scuola superiore avessero conseguito certificazione linguistica di 'Latino, livello B2' (approvato dall'Ufficio Scolastico Regionale della Lombardia).
Per gli studenti principianti assoluti, il corso di laurea offre dei corsi loro destinati. Tutte le informazioni saranno pubblicate entro l'inizio di settembre 2018 sul sito del corso di laurea in Lettere (Avviso 'Studiare il latino in Unimi').
Il programma d'esame orale prevede:
a) il corso svolto dai docenti, unità A-B-C-D;
b) un testo di poesia di Virgilio (in originale, con lettura metrica, traduzione, contestualizzazione e spiegazione delle perifrasi poetiche), scelto dallo studente fra: Bucoliche o Eneide libro VI.
c) un testo di prosa (in originale, con traduzione, contestualizzazione, spiegazione dei riferimenti dotti ed eruditi), scelto dallo studente fra: Cesare, BG VII; Cicerone, Pro Caelio; Cicerone, Pro Murena; Cicerone, Laelius.
d) la storia della letteratura latina, dalle origini al V secolo d.C. (compreso).
La preparazione dei punti b), c) e d) è a carico dei singoli studenti
L'esame orale di ogni studente consterà dunque, complessivamente, di una domanda per ciascuna delle sopraddette parti.
Periodo
Primo semestre
(senza istituzioni di lingua)
Edizione attiva
Responsabile
Moduli o unità didattiche
Unita' didattica A
L-FIL-LET/04 - LINGUA E LETTERATURA LATINA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore
Docente: Pace Nicola

Unita' didattica B
L-FIL-LET/04 - LINGUA E LETTERATURA LATINA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore
Docente: Pace Nicola

Unita' didattica C
L-FIL-LET/04 - LINGUA E LETTERATURA LATINA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore
Docente: Pace Nicola

Unita' didattica D
L-FIL-LET/04 - LINGUA E LETTERATURA LATINA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Informazioni sul programma
Argomento del corso: "Per exempla": rielaborazione di figure esemplari della tradizione romana nella letteratura di età augustea e tiberiana (Orazio, Properzio, Valerio Massimo) (80 ore; 12 cfu)

Unità didattica A (20 ore; 3 cfu): Orazio e la celebrazione della tradizione romana [N. Pace]
Unità didattica B (20 ore; 3 cfu): Orazio e la celebrazione della tradizione romana [N. Pace]
Unità didattica C (20 ore; 3 cfu): Properzio callimacheo e la tradizione romana [N. Pace]
Unità didattica D (20 ore; 3 cfu): Valerio Massimo e la cultura greco-latina "per exempla" [docente da definire]

Il corso è rivolto a studenti triennalisti di Lettere (12 cfu; obbligatorio), Filosofia (6/9/12 cfu) e Scienze Storiche (6/9/12 cfu) che debbano sostenere il primo esame di Letteratura latina.
Gli studenti di Lettere, indipendentemente dal loro curriculum di appartenenza, potranno scegliere la frequenza di questo corso o di quelli di 'Letteratura latina' (con istituzioni di lingua), tenuti da C. Torre (cognomi A-H), e P.F. Moretti (I-Z), a seconda della valutazione della propria preparazione linguistica. A tale proposito, si suggerisce di leggere con attenzione le indicazioni fornite in calce al programma, alla voce 'Altre informazioni per gli studenti'. Agli studenti del Curriculum "Scienze dell'Antichità" è vivamente consigliato.
Gli studenti dovranno, prima dell'orale, sostenere una prova preliminare di accertamento linguistico su un testo in prosa della letteratura latina. La frequenza integrale delle 20 ore di esercitazioni annesse al corso consentirà di affrontare la prova scritta in un pre-appello a dicembre; altrimenti, per tutti gli studenti (frequentanti e non) valgono le sessioni canoniche di gennaio e maggio/giugno.
Gli studenti in possesso di Certificazione delle Competenze di Lingua Latina (CLL) - livello B2 (rilasciato dall'Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia e dalla Consulta Universitaria degli Studi Latini [CUSL]) sono esentati dallo scritto preliminare triennale.

Validità del programma
Gli studenti frequentanti sono autorizzati a portare all'esame il corso da loro frequentato anche dopo la fine dell'anno accademico (febbraio 2020); gli studenti non frequentanti possono portare all'esame solamente il corso dell'anno accademico vigente al momento del loro esame (e dunque, il suddetto programma varrà per loro solo entro la data di febbraio 2020).

Esercitazioni di metrica
Sono obbligatorie per tutti gli studenti la conoscenza delle regole fondamentali della prosodia latina
e la lettura dell'esametro e del distico elegiaco. A tale finalità sono istituite nel I semestre
esercitazioni e un laboratorio. Orario e sedi saranno comunicate successivamente.
Testi consigliati: S. Timpanaro, Nozioni elementari di prosodia e metrica latina, in A. La Penna, Romanae res et litterae, Loescher, Torino, pp. 415-436 (essenziale, ma adeguato e chiaro).

Presentazione del corso
Il corso si propone di esaminare testi, appartenenti a generi letterari diversi (lirica, elegia, storiografia), di età augustea e tiberiana i cui autori sono spinti a riflettere, per volere del princeps, sulle figure più significative delle storia e della leggenda romana, così da fornire modelli efficaci per il recupero dei valori tradizionali e arcaizzanti del mos maiorum, come il rifiuto delle ricchezze superflue, il perseguimento della virtus militare anche attraverso una vita semplice e frugale, la condanna di una vita sessuale sregolata e non rispettosa del vincolo del matrimonio, il valore dell'operosità, l'efficacia dell'eloquenza, l'importanza della gloria come riconoscimento sociale.
Nelle unità didattiche A e B verrà esaminato il modo in cui Orazio presenta le figure del passato in relazione alla sua Weltanschauung e alla sua poetica, per cui l'imitazione dei lirici greci (Alceo, Saffo, Pindaro) si fonde con le tendenze ellenistiche di concentrazione e affinamento dello stile. Particolare attenzione verrà dedicata al ciclo delle sei odi "romane" all'inizio del III libro, in cui lo stile pindarico del poeta vates segna l'importanza degli argomenti affrontati. Nell'Unità didattica C si studieranno quelle elegie del IV libro di Properzio (le cosiddette "elegie romane") nelle quali il callimachismo dichiarato del poeta si incontra con la richiesta del princeps di soffermarsi su momenti e personaggi della leggenda romana, spiegando le cause di riti e santuari della Roma contemporanea. Si leggeranno, oltre all'elegia proemiale (IV 1), le elegie IV 4 (la leggenda del tradimento di Tarpea) e IV 9 (la leggenda di Ercole e Caco, trattata pochi anni prima da Virgilio). Nell'Unità didattica D si leggerà parte del libro ottavo dei Facta et dicta memorabilia con cui Valerio Massimo costruisce una storia della cultura greco-latina attraverso fatti ed esempi degni di memoria e organizzati secondo categorie morali.

Prerequisiti
Prerequisito di conoscenza è la capacità di comprendere pienamente un complesso testo latino a livello lessicale e morfologico. A tale proposito, allo scopo di auto-valutare la propria preparazione linguistica si suggerisce di leggere con attenzione le indicazioni fornite sul sito del Corso di Laurea in Lettere alla voce "Studiare Latino" (http://users2.unimi.it/cdl-lettere/) .

Risultati di apprendimento
Conoscenze: scopo del corso è quello di far acquisire la conoscenza dei seguenti àmbiti letterari: a) i principali lineamenti di storia letteraria latina dall'età arcaica al tardoantico, con particolare attenzione ai generi letterari; b) i dati biografici e bibliografici degli autori oggetto del corso (Orazio, Properzio, Valerio Massimo), in rapporto al contesto storico in cui sono vissuti e alla fortuna che hanno avuto nel medioevo e nell'età moderna; c) le figure stilistiche utilizzate nella letteratura latina; d) gli elementi di prosodia e metrica latina indispensabili per la produzione poetica degli autori studiati.
Competenze: il corso vuole fornire gli strumenti per comprendere, nei suoi vari aspetti (sintattico, stilistico, metrico, contenutistico) un testo letterario latino in lingua originale, per sviluppare a partire da esso la capacità di costruire un'argomentazione letteraria articolata e imparare ad individuare i capisaldi bibliografici necessari all'argomentazione stessa, esprimendosi con chiarezza e utilizzando con proprietà il lessico della disciplina. Si propone altresì di sviluppare la capacità di tradurre in modo fluido e perspicuo i testi latini letterari e di leggere correttamente in metrica testi poetici in esametri, distici elegiaci e i principali metri lirici. Le unità A e B porteranno ad analizzare, in relazione ai modelli greci, alcune tra le più impegnate Odi di Orazio, con particolare attenzione per l'esposizione degli argomenti, lo stile e la metrica. Nell'unità C la lettura attenta di alcune elegie "romane" di Properzio sarà rivolta a far acquisire la capacità di render conto della complessità stilistica e della densità di relazioni tra il modello callimacheo e l'intento celebrativo di personaggi e miti romani. Nell'unità D si arriverà a cogliere, attraverso il commento storico-letterario, grammaticale e stilistico-retorico dei capitoli 7, 8, 9, 10, 14, il rapporto tra storiografia e retorica, che tanta influenza ha avuto nel Rinascimento.

Indicazioni bibliografiche
1. Indicazioni bibliografiche generali
A) Per intero, il manuale di storia della letteratura latina.
Manuali consigliati: G.B. Conte, Profilo storico della letteratura latina. Dalle origini alla tarda età imperiale, Le Monnier Università, Firenze 2004, oppure M. Citroni, M. Labate, E. Narducci, Disegno storico della letteratura latina, Laterza, Bari 1997, oppure A. Cavarzere, A. De Vivo, P.
Mastandrea, Letteratura latina. Una sintesi storica, Carocci, Roma 2004.
B) Virgilio, Bucoliche, o Eneide libro VI, a scelta dello studente.
Edizioni consigliate: a) per le Bucoliche, l'edizione commentata a cura di M. Gioseffi, Cuem, Milano; b) per il VI libro dell'Eneide, il commento scolastico a cura di R. Sabbadini e C. Marchesi, Loescher, Torino, oppure quello curato da A. Rostagni, Mondadori, Milano, oppure quello curato da F. Varieschi, Signorelli, Milano, oppure quello, pensato per studenti universitari, di R. G. Austin, P. Vergilii Maronis Aeneidos Liber Sextus, The Clarendon press, Oxford.
C) Cicerone, Pro Caelio, oppure Pro Murena, oppure Laelius, De amicitia, a scelta dello studente.
Edizioni consigliate: a) per Cicerone, Pro Caelio, l'edizione con traduzione e brevi note curata da A. Cavarzere, Marsilio, Venezia, oppure quella curata da E. Narducci, Difesa di Marco Celio, Rizzoli (BUR), Milano (per un esame linguistico più approfondito occorre usare le edizioni curate da studiosi anglosassoni, come quelle di R.G. Austin, Pro M. Caelio oratio, The Clarendon Press, Oxford 19522, oppure di A. R. Dyck, Pro Marco Caelio, Cambridge University Press, Cambridge 2013); b) per Cicerone, Pro Murena, quella tradotta da C. Giussani e curata da S. Rizzo, Due scandali politici, introduzione di G. Ferrara, Rizzoli (BUR), Milano, oppure quella, rivolta a studenti universitari, di E. Fantham, Cicero's Pro L. Murena Oratio, Oxford University Press, Oxford 2013; c) per Cicerone, Laelius, De amicitia, quella curata da E. Narducci e traduzione di C. Saggio, L' amicizia, Rizzoli (BUR), Milano.

2. Indicazioni bibliografiche sulle singole unità didattiche
Unità didattiche A-B
- Orazio, Odi ed Epodi, introd. di A. Traina, trad. e note di E. Mandruzzato, Rizzoli (BUR), Milano;
- Q. Orazio Flacco, Le opere: antologia, introd. e comm. a cura di A. La Penna, La Nuova Italia (I classici della Nuova Italia, 60), Firenze;
- Q. Orazio Flacco, Le Opere, I: le Odi, il Carme Secolare, gli Epodi, t. I, introd. di F. Della Corte, testo critico di P. Venini, trad. di L. Canali; t. II, commento di E. Romano, Istituto poligrafico e Zecca dello stato: Libreria dello stato, Roma 1991.

Unità didattica C
- Properzio, Elegie, introd. di P. Fedeli; trad. di L. Canali; comm. di R. Scarcia, Rizzoli (BUR), Milano.
- Propertius, Elegies, Book IV, edited by G. Hutchinson, Cambridge University Press (Cambridge Greek and Latin Classics), Cambridge 2006

Unità didattica D
- Valerio Massimo, Detti e fatti memorabili, a cura di R. Faranda, UTET, Torino 1971;
- Valeri Maximi Facta et dicta memorabilia, vol. II, Libri VII-IX. Iuli Paridis Epitoma. Fragmentum de praenominibus. Ianuari Nepotiani Epitoma, edidit J. Briscoe, Teubner, Stutgardiae et Lipsiae 1998.

Altri testi relativi al corso, letteratura secondaria, informazioni didattiche, e la versione definitiva e ultima del programma, contenente l'elenco dei passi da portare all'esame, saranno caricati sul sito «Ariel», il portale dedicato all'e-learning dell'Ateneo (http://ariel.unimi.it). Il programma definitivo sarà caricato nella sezione 'contenuti' del sito Ariel nel dicembre 2018, dopo la fine delle lezioni.

Programma per studenti non frequentanti
Gli eventuali studenti non frequentanti sono invitati a prendere contatto con il docente durante l'orario di ricevimento o tramite E-mail per un programma da concordare relativamente alla parte monografica; resta invariata la parte istituzionale.
Altre informazioni per gli studenti
Come scegliere se frequentare 'Letteratura latina con istituzioni di lingua' o 'Letteratura latina'. Sul sito del corso di laurea in LETTERE (http://users2.unimi.it/cdl-lettere/), alla voce "Studiare latino", nella sezione "Standard linguistici per il latino UNIMI", è pubblicato un elenco delle conoscenze e competenze linguistiche che sono riconosciute come standard nell'ambito del latino in UNIMI. In riferimento a tali standard, quanti abbiano già studiato il latino alle superiori e ritengano di collocarsi al livello 3, potranno orientarsi verso un corso di 'Letteratura latina con istituzioni di lingua', che prevede lezioni dedicate al consolidamento delle conoscenze linguistiche pregresse; quanti abbiano già studiato il latino alle superiori e ritengano di collocarsi al livello 4, e inoltre abbiano una discreta conoscenza della letteratura e della lingua greca, si potranno orientare verso il corso di 'Letteratura latina'.

Avvertenza
Gli studenti internazionali o Erasmus incoming sono invitati a prendere tempestivamente contatto col docente titolare del corso. Le modalità d'esame per studenti con disabilità e/o con DSA dovranno essere concordate col docente, in accordo con l'Ufficio competente.

31/07/2018
Prerequisiti e modalità di esame
Scritto preliminare + orale: l'esame prevede una prova scritta preliminare di accertamento linguistico, consistente nella risposta a domande di interesse grammaticale o di comprensione, a partire da un brano latino. La prova si svolge senza vocabolario, con durata complessiva di un'ora e mezza. Una volta superata la prova, è possibile accedere all'orale. L'esame orale si articola in quattro parti, inerenti rispettivamente a:
- testi e materiali analizzati dai docenti (unità didattiche A-B-C-D)
- un testo di poesia = Virgilio (in originale, con lettura metrica, traduzione, contestualizzazione e breve commento), scelto dallo studente fra: Bucoliche; Eneide libro VI;
- un testo di prosa (in originale, con traduzione, contestualizzazione e breve commento), scelto dallo studente fra: Cicerone, Pro Caelio; Cicerone, Pro Murena; Cicerone, Laelius;
- la storia della letteratura latina, dalle origini al IV secolo d.C. (compreso).
Periodo
Primo semestre
Periodo
Secondo semestre
Modalità di valutazione
Esame
Giudizio di valutazione
voto verbalizzato in trentesimi
Docente/i
Ricevimento:
martedì h.9.30-12.30 - il ricevimento di martedì 10 dicembre 2019 si svolge in via Noto, per concomitanza esami scritti. Il docente è disponibile a ricevimento anche nella mattina di mercoledì 11 dicembre, solita stanza
ex sezione di Filologia classica
Ricevimento:
mercoledì 16.30-19.30 ATTENZIONE: a causa di un impegno didattico il ricevimento del 27.11 è anticipato al 26.11 ore 13.30
studio docente FDP sez. ex Filologia Classica (Cortile Legnaia 1. piano)
Ricevimento:
Giovedì 5 dicembre, ore 9.00-11.00.
Filologia classica - Cortile Legnaia - Primo piano
Ricevimento:
Il ricevimento è il martedì, dalle 16.00 alle 19.00.
Filologia Classica - Cortile Legnaia - Primo piano
Ricevimento:
Su appuntamento (scrivere ad amedeo.raschieri@unimi.it)