Letterature africane di lingua portoghese

A.A. 2019/2020
Insegnamento per
9
Crediti massimi
60
Ore totali
SSD
L-LIN/08
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
L'insegnamento si propone di fornire agli studenti una generale comprensione dei processi storici, politici e letterari
delle culture africane di lingua portoghese (Angola, Capo Verde, Guinea-Bissau, São Tomé e Príncipe, Mozambico). Viene proposta una introduzione alla formazione delle letterature nazionali con un particolare approfondimento della complessa vicenda storica e politica coloniale e postcoloniale. Verrà fornita un'introduzione allo studio storico dell'Africa e ai problemi teorici legati all'analisi delle letterature postcoloniali scritte nella lingua europea dell'ex colonizzatore.
Conoscenza e comprensione: linee essenziali della storia dell'Africa e del colonialismo portoghese, formazione delle colonie africane sviluppo delle letterature nazionali, principali autori e correnti letterarie (dalla Letteratura Coloniale del XIX secolo alla contemporaneità postcoloniale) con particolare attenzione per Angola, Capo Verde e Mozambico,, elementi basilari di storia delle idee e dei concetti che aiutano a interpretare le società e le culture dei questi Paesi.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione: lettura e contestualizzazione delle opere paradigmatiche del pensiero africano e della letterature postcoloniali di lingua portoghese; cogliere le implicazioni storiche, culturali e sociali dei testi letterari; collocare nel tempo gli autori, le correnti e le opere principali del periodo studiato; interpretare i testi letterari attraverso l'applicazione di idee e concetti mutuati dalla critica letteraria, dalla teoria postcoloniale, dagli studi culturali, dalla storiografia.

Struttura insegnamento e programma

Edizione attiva
Responsabile
Moduli o unità didattiche
Unita' didattica A
L-LIN/08 - LETTERATURA PORTOGHESE E BRASILIANA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unita' didattica B
L-LIN/08 - LETTERATURA PORTOGHESE E BRASILIANA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unita' didattica C
L-LIN/08 - LETTERATURA PORTOGHESE E BRASILIANA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Informazioni sul programma
LA RESISTENZA NON È FINITA: I MOVIMENTI DI LIBERAZIONE AFRICANA E L'ITALIA

Unità didattica A: Il contesto storico: l'Africa dal Terzo Mondo alle indipendenze
Unità didattica B: Anticolonialismo tra Europa e Africa
Unità didattica C: Terzomondismo italiano e le lotte di Liberazione

Breve presentazione del corso
L'idea di fondo del corso parte da una riflessione critica sulla originale e complessa intuizione per cui - come recita il titolo mutuato dalle parole di Giovanni Pirelli - «la Resistenza non è finita» ma «continua nelle lotte dei popoli soggetti al colonialismo, all'imperialismo, per la loro effettiva indipendenza». All'interno della vasta costellazione terzomondista e antimperialismo delle molteplici sinistre italiane (anche extraparlamentari) ma anche del mondo cattolico che occupano il campo politico-ideologico tra gli anni Sessanta e Settanta, disegniamo le traiettorie e le intersezioni di alcune figure cruciali della politica e della cultura italiana come Giovanni Pirelli, Joyce Lussu, Mario Albano. La militanza critica e politica, l'opera di promozione e divulgazione di certi pensatori (Frantz Fanon, Amílcar Cabral, Agostinho Neto tra gli altri) e di certe culture periferiche (in particolare quelle provenienti dall'Africa di lingua portoghese che in quegli anni lotta per la sua liberazione) sono il contrappunto intellettuale di un sostegno effettivo, reale, "storico" alle cause dei movimenti di liberazione africani. Quando il leader della Frente de Libertação de Moçambique Samora Machel afferma che «per noi mozambicani, Reggio Emila era l'Europa», iscrivendo in termini di solidarietà i rapporti tra un certo PCI italiano, un certo sindacalismo emiliano e la Frelimo, cogliamo in maniera icastica il ruolo che l'Italia ha svolto in quegli anni non solo per interpretare ma per anche per condividere la «collera del mondo» che oggi pare riversarsi nuovamente e secondo nuove retoriche sull'Europa.


Programma e indicazioni bibliografiche
Mariamargherita Scotti, Vita di Giovanni Pirelli, Donzelli, Roma, 2018.
P. Borruso, Il PCI e l'Africa indipendente. Apogeo e crisi di un'utopia socialista (1956-1989), LeMonnier, Firenze, 2009.
Vincenzo Russo, «La vita quotidiana a Milano ai tempi della rivoluzione mondiale : la lotta di liberazione africana spiegata agli Italiani (1945-1975)» in E. Perassi, M.V. Calvi (a cura di), Milano città delle culture, Edizioni di Storia e Letteratura, Roma 2015.
Amilcar Cabral, Per una rivoluzione africana. Il ruolo della cultura nella lotta per l'indipendenza, a cura di Livia Apa, Ombre Corte, Verona, 2019.

Avvertenze
La versione definitiva del programma sarà reperibile alla pagina web del corso, sul portale on line per la didattica Ariel (http://ariel.unimi.it). Tutti gli studenti sono tenuti a consultarla prima di presentarsi all'esame.
Gli studenti internazionali o Erasmus incoming sono invitati a prendere tempestivamente contatto col docente titolare del corso.
Le modalità d'esame per studenti con disabilità e/o con DSA dovranno essere concordate col docente, in accordo con l'Ufficio competente.
Prerequisiti e modalità di esame
Prerequisiti
Il Corso è pensato per gli studenti del triennio di portoghese e per gli studenti della Magistrale ma anche per tutti gli studenti che pur non conoscendo il portoghese vogliano fare un'annualità di queste Letterature.

MODALITÀ DELLA PROVA D'ESAME (Barrare e completare con brevi indicazioni)
scritto preliminare + orale: (L'esame consiste in una prova scritta preliminare e in una eventuale prova orale qualora si volesse migliorare il voto dello scritto. Le prove vertono ad accertare le conoscenze degli studenti sugli argomenti del programma con bibliografia in italiano).
Periodo
Secondo semestre
Periodo
Secondo semestre
Modalità di valutazione
Esame
Giudizio di valutazione
voto verbalizzato in trentesimi
Docente/i
Ricevimento:
I prossimi ricevimenti: martedi 15 ottobre 14-16,30; mercoledi 23 ottobre 10-12,30; mercoledi 30 ottobre 10-12,30
studio s.alessandro 1 (1° Piano)