Lingue e letterature neolatine comparate

A.A. 2015/2016
Insegnamento per
9
Crediti massimi
60
Ore totali
SSD
L-FIL-LET/09
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Conoscenze: Scopo del corso, da considerarsi equivalente a una Filologia romanza di livello magistrale, è di far acquisire allo studente delle conoscenze approfondite delle questioni inerenti ai generi, i periodi, le poetiche, gli autori e le opere della letteratura romanza medievale, vista soprattutto in prospettiva comparata, nonché delle grammatiche storiche delle lingue romanze. Altre conoscenze: approfondimento delle questioni di filologia testuale, con esame di testi di varia natura ecdotica e messa in pratica delle conoscenze teoriche; conoscenza approfondita degli strumenti e delle metodologie critiche per analizzare e interpretare i testi; conoscenza dei lineamenti di storia della critica relativa al periodo studiato, con evidenziazione di temi e problemi fondamentali, anche alla luce delle tendenze più aggiornate degli studi scientifici; conoscenza dei metodi di ricerca bibliografica.
Capacità: Alla fine del corso lo studente avrà acquisito le seguenti competenze: 1) comprensione e analisi puntuale del testo letterario, ivi compresa la capacità di tradurre in modo pieno e sicuro (se in lingua diversa dall'italiano) o parafrasare (se in italiano antico) e commentare linguisticamente i testi oggetto di studio, senza l'ausilio di appunti, sullo sfondo del contesto storico-culturale, utilizzando la letteratura critica e sviluppando capacità di selezione, confronto e giudizio autonomi; 2) individuazione e discussione dei problemi interpretativi, con consapevolezza delle diverse prospettive metodologiche, nonché dei problemi filologico-testuali delle opere studiate; 3) allestimento di una bibliografia scientifica, impostazione di un lavoro di ricerca; 4) capacità di esprimersi con chiarezza e rigore, impiegando il linguaggio specifico della disciplina.

Struttura insegnamento e programma

Edizione attiva
Responsabile
Moduli o unità didattiche
Unita' didattica A
L-FIL-LET/09 - FILOLOGIA E LINGUISTICA ROMANZA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unita' didattica B
L-FIL-LET/09 - FILOLOGIA E LINGUISTICA ROMANZA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unita' didattica C
L-FIL-LET/09 - FILOLOGIA E LINGUISTICA ROMANZA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Informazioni sul programma
Argomento del corso: La rappresentazione figurativa dei temi delle letterature romanze medievali: alcuni esempi tra testo e immagine

Unità didattica A (20 ore, 3 cfu): Parola e immagine nella tradizione romanza: le dimensioni del "discorso" letterario e figurativo
Unità didattica B (20 ore, 3 cfu): Rappresentazioni artistiche di temi epici
Unità didattica C (20 ore, 3 cfu): Rappresentazioni artistiche di temi lirici e romanzeschi

Il corso è rivolto agli studenti del corso di Laurea Magistrale in Lettere moderne, e conferisce 9 o 6 cfu; lo studente che intende sostenerlo per 9 cfu preparerà tutte e tre le unità didattiche; lo studente che intende sostenerlo per 6 cfu preparerà invece l'unità didattica A e, a scelta, l'unità didattica B oppure C.

Presentazione del corso
L'insegnamento si configura come corso specialistico di Filologia Romanza. Verrà affrontato il tema della rappresentazione artistica di motivi letterari tipici della letteratura romanza medievale, e soprattutto dei suoi tre generi più rilevanti: l'epica, la lirica e il romanzo. Alcuni testi particolarmente significativi verranno sottoposti a un'analisi di tipo filologico-linguistico e storico-letterario, e messi in rapporto con paralleli prodotti di ambito artistico.

Indicazioni bibliografiche
Unità didattica A
1) M.L. MENEGHETTI, Storie al muro. Temi e personaggi della letteratura profana nell'arte medievale, Torino, Einaudi, uscita ottobre 2015, pp. da definire.
2) M.L. MENEGHETTI, La cultura visiva (affreschi, rilievi, miniature), in P. Boitani, M. Mancini, A. Vàrvaro (edd.), Lo spazio letterario del Medioevo. 2. Il Medioevo volgare, vol. II, Roma, Salerno Editrice, 2002, pp. 463-88.
Programma per studenti non frequentanti
La frequenza al corso è fondamentale per la qualità della preparazione all'esame, e dunque caldamente raccomandata. Gli eventuali studenti non frequentanti dovranno concordare per tempo e individualmente il programma d'esame con il docente.

Unità didattica B
1) In tempo utile per l'inizio dei corsi verrà predisposta una dispensa che conterrà i testi da analizzare durante le lezioni di questa unità didattica, e i saggi critici relativi.
2) A. RONCAGLIA, La lingua d'oïl. Profilo di grammatica storica del francese antico, Pisa-Roma, Istituti Editoriali e Poligrafici Internazionali, 2005.
Programma per studenti non frequentanti
Si veda l'unità didattica A.

Unità didattica C
1) In tempo utile per l'inizio dei corsi verrà predisposta una dispensa che conterrà i testi da analizzare durante le lezioni di questa unità didattica, e i saggi critici relativi.
2) A. RONCAGLIA, La lingua dei trovatori. Profilo di grammatica storica del provenzale antico, Roma, Edizioni dell'Ateneo, 1965 ed edd. successive.
Programma per studenti non frequentanti
Si veda l'unità didattica A.

11/08/2015
Prerequisiti e modalità di esame
Orale: La prova orale consiste di un colloquio sugli argomenti a programma, volto ad accertare le competenze acquisite dallo studente.
Periodo
Secondo semestre
Periodo
Secondo semestre
Modalità di valutazione
Esame
Giudizio di valutazione
voto verbalizzato in trentesimi
Docente/i
Ricevimento:
Lunedì, dalle ore 15,00 alle ore 18,00
studio del docente