Patrimonio geomorfologico e geodiversità

A.A. 2017/2018
Insegnamento per
6
Crediti massimi
48
Ore totali
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Il patrimonio geologico (Geoheritage) e la geoconservazione sono tematiche di grande attualità a livello internazionale. La creazione e l'implementazione della rete internazionale dei geoparchi (europei e mondiali) riconosciuta dall'UNESCO ne è la dimostrazione.
L'insegnamento ha come tematica guida l'analisi del patrimonio geomorfologico e dei geo(morfo)siti. Il corso si propone di fornire agli studenti della laurea magistrale gli strumenti per: 1) saper riconoscere e valutare quantitativamente gli elementi morfologici di un paesaggio quali risorsa naturale e parte del patrimonio geologico-geomorfologico (geositi-geomorfositi) relativamente al loro censimento, valorizzazione, conservazione e tutela; 2) saper riconoscere l'evoluzione dei geomorfositi in relazione all'azione dei processi naturali in particolare quelli clima correlati e riconoscere i possibili fattori di degrado; 3) saper riconoscere gli impatti e i fenomeni di pericolosità e rischio associati alla fruizione dei geomorfositi; 4) acquisire dimestichezza nel passaggio dalla cartografia di base alla cartografia tematica e geoturistica; 5) conoscere il funzionamento dei geoparchi e le nuove professionalità che ne derivano
Capacità di leggere le forme del paesaggio, riconoscere il grado di attività e i processi responsabili dell'evoluzione, identificare i siti di interesse geomorfologico, quantificarne le valenze ai fini della valorizzazione e conservazione e in relazione all'utenza prevista, capacità di mettere in carta le informazioni utili alla valorizzazione del patrimonio geomorfologico

Struttura insegnamento e programma

Edizione attiva
Responsabile
Programma
1) Parte introduttiva
Il paesaggio geomorfologico come risorsa naturale.
Geomorfologia culturale.
I processi di modellamento; rapporti tra condizioni climatiche e processi di modellamento del rilievo.
Gli ambienti morfogenetici e morfoclimatici.
Le grandi zone morfoclimatiche attuali; Equilibrio morfodinamico.

2) Geodiversità e patrimonio geologico-geomorfologico (geositi, geomorfositi)
Geodiversità, definizioni e quantificazione attraverso indici.
I geositi e i geomorfositi: definizioni, storia ed evoluzione.
Forme attive, inattive, fossili; geomorfositi attivi, passivi, passivi in evoluzione.
Il censimento dei geositi. Casi studio e cenni normativi
Geomorfositi semplici, complessi e composti.
La valutazione quantitativa dei geositi.
La valenza scientifica dei geositi. Tecniche di indagine.
La valenza scenica, economica, culturale dei geositi.
Concetti di evoluzione, degrado dei beni geomorfologici in rapporto ai cambiamenti climatici.
La fruizione dei geomorfositi e impatti derivanti.
Pericolosità e rischi associati alla fruizione dei geomorfositi.
Concetti di valorizzazione e promozione dei beni geomorfologici.
Itinerari geoturistici e geo-didattici.
I geoparchi (European and Global Geopark Network - EGN GGN).

3) I geo(morfo)siti nei diversi ambienti morfogenetici e morfoclimatici
Processi geomorfologici, forme del paesaggio e geomorfositi: forme del paesaggio e geomorfositi modellati principalmente dai processi di alterazione, degradazione meteorica. Casi studio.
Forme del paesaggio e geomorfositi dominati dall'azione delle acque dilavanti e loro evoluzione. Casi Studio.
Forme e geomorfositi legati all'azione della gravità. Casi Studio.

Processi, forme e geomorfositi fluviali. Casi Studio.
Processi, forme e geomorfositi degli ambienti costieri. Casi Studio.
Forme del paesaggio e controllo litologico, strutturale, tettonico. Casi Studio.
Forme e geomorfositi di origine vulcanica. Casi Studio.
I paesaggi morfoclimatici e i geo(morfo)siti:
L'ambiente glaciale: ghiacciai, geomorfositi glaciali e loro evoluzione in rapporto al cambiamento climatico. Casi studio.
L'ambiente periglaciale: forme periglaciali alpine e delle alte latitudini. I geomorfositi degli ambienti periglaciali e loro evoluzione. Casi studio.
Ambienti temperati: forme del rilievo delle regioni umide e temperate umide, mediterranee.
Ambienti aridi e desertici: forme, paesaggi e geomorfositi delle regioni semiaride, aride, e desertiche.

4) Applicazioni ed esercitazioni:
Cartografia geomorfologica, geoturistica e fotointerpretazione.
Esperienze pratiche per la valutazione dei geo(morfo)siti
Applicazione di tecniche multidisciplinari per l'analisi dell'evoluzione dei geomorfositi
Informazioni sul programma
Il programma prevede attività pratiche (anche in campo) relative a semplici casi studio
Propedeuticità
Geomorfologia applicata
Prerequisiti e modalità di esame
Prerequisiti: elementi fondamentali di geografia fisica, geomorfologia e geologia.
L'esame consiste in una discussione orale obbligatoria che verte su argomenti trattati nel corso.
Metodi didattici
Modalità di esame: Orale; Modalità di frequenza: Fortemente consigliata; Modalità di erogazione: Tradizionale
Materiale didattico e bibliografia
Appunti del corso e materiale fornito dal docente
Articoli scientifici indicati a lezione
Libri di testo suggeriti (indicazioni specifiche verranno fornite in aula):
Summerfield M. Global Geomorphology Prentice Hall.
Gray - Geodiversity Wiley (2nd ed)
Reynard Coratza Bissig, Geomorphosites, pfeil Verlag Munich
Panizza e Piacente Geomorfologia culturale. Pitagora Editrice, Bologna.
Ciccacci S. Le forme del rilievo. Atlante illustrato di geomorfologia. Mondatori Università.
D'orefice Maurizio; Graciotti Roberto Rilevamento geomorfologico e cartografia realizzazione - lettura - interpretazione. Dario Flaccovio Editore
Periodo
Primo semestre
Periodo
Primo semestre
Modalità di valutazione
Esame
Giudizio di valutazione
voto verbalizzato in trentesimi
Docente/i
Ricevimento:
Su appuntamento
Stanza 54 o 59, piano primo
Ricevimento:
Lunedì 9.30 - 12.30 e su appuntamento (mail a: manuela.pelfini@unimi.it)
Dipartimento di Scienze della Terra, via Mangiagalli n.34, primo piano, stanza 53