Psicologia del lavoro

A.A. 2017/2018
6
Crediti massimi
40
Ore totali
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Il corso presenterà i principali approcci teorici e metodologici elaborati dalla psicologia del lavoro per comprendere le dinamiche che caratterizzano l'interazione tra lavoratori e contesto organizzativo. L'obiettivo è di favorire l'acquisizione di conoscenze e competenze che consentano agli studenti di:
· descrivere le principali teorie che spiegano i processi motivazionali e i processi stressogeni al lavoro (antecedenti, processi, esiti);
· analizzare la qualità della vita organizzativa e individuare i fattori che influenzano il benessere e la performance lavorativa;
· progettare percorsi di valutazione e monitoraggio della qualità della vita organizzativa, scegliendo disegni di ricerca e metodi di indagine coerenti con gli obiettivi di analisi e con il contesto di attuazione;
· selezionare in modo consapevole ed etico interventi organizzativi e gestionali finalizzati a promuovere organizzazioni sostenibili e resilienti;
· illustrare i risultati delle loro analisi sotto forma di presentazioni orali e di report scritti.
Programma e organizzazione didattica

Edizione unica

Responsabile
Periodo
Primo trimestre
STUDENTI FREQUENTANTI
Programma
Introduzione alla psicologia del lavoro: storia, oggetto di studio, metodi di ricerca, campi di indagine e di intervento.
Il significato psicologico del lavorare.
Costruire il legame psicologico tra individuo, lavoro e organizzazione: teorie esplicative del processo motivazionale e del processo stressogeno.
Il modello Domande - Risorse e i suoi recenti contributi allo studio del work engagement.
Smart working e lavoro agile: analisi dei loro legami con la soddisfazione lavorativa, il work engagement, il burnout e la performance lavorativa.
Progettare sistemi di valutazione dei fattori di rischio psicosociale nelle organizzazioni: approcci teorici e metodologici; questioni etiche.
Modelli e tipi di intervento per favorire lo sviluppo delle persone e dell'organizzazione
Costruire organizzazioni resilienti e orientate al benessere dei lavoratori: il ruolo dei responsabili della gestione Risorse Umane.
Informazioni sul programma
Bibliografia per gli studenti che intendono sostenere l'esame da 3 crediti: Sarchielli G., Fraccaroli F. (2010). Introduzione alla psicologia del lavoro. Il Mulino, Bologna
Prerequisiti e modalità di esame
L'esame finale consiste in una prova scritta finalizzata a verificare:
- la conoscenza dei principali modelli concettuali che spiegano i temi trattati e degli studi empirici che li supportano.
- la capacità di comprendere i contributi applicativi dei modelli teorici;
- la capacità di utilizzare in modo consapevole i modelli teorici e metodologici per analizzare problemi organizzativi;
- la capacità di progettare un sistema di monitoraggio del benessere organizzativo e di selezionare i livelli di intervento preventivo;
- l'appropriatezza nell'utilizzo del linguaggio disciplinare specifico.

L'esame scritto comprenderà domande a risposta chiusa e aperta.
Per gli studenti frequentanti la valutazione finale comprenderà sia il risultato dell'esame scritto sia i punti attribuiti ai compiti (individuali e di gruppo) svolti durante le lezioni.
Informazioni aggiuntive sulle modalità di valutazione saranno illustrate all'inizio del corso.
Metodi didattici
La didattica prevede: lezioni frontali, lavori di gruppo, studi di casi e testimonianze di professionisti.
Agli studenti, divisi in piccoli gruppi, sarà chiesto di analizzare temi/problemi e di preparare brevi report e/o presentazioni in aula delle loro analisi.
Materiale didattico e bibliografia
Testo di riferimento: Sarchielli G., Fraccaroli F. (2010). Introduzione alla psicologia del lavoro. Il Mulino, Bologna.
La bibliografia definitiva (testo e materiali integrativi) sarà comunicata a lezione agli studenti frequentanti e sarà pubblicata sulla pagina web del corso in Ariel.
STUDENTI NON FREQUENTANTI
Programma
Introduzione alla psicologia del lavoro: storia, oggetto di studio, metodi di ricerca, campi di indagine e di intervento.
Il significato psicologico del lavoro.
Divenire lavoratori: i processi di socializzazione al lavoro.
Costruire il legame psicologico tra individuo e lavoro: teorie esplicative del processo motivazionale e del processo stressogeno.
Modelli di spiegazione della soddisfazione lavorativa e del work engagement.
Modelli di spiegazione del burnout e dei comportamenti contro-produttivi.
La sicurezza al lavoro come prodotto organizzativo.
Concetti e metodi per l'analisi dell'attività lavorativa: il contributo della psicologia.
la qualità della vita lavorativa: come analizzare il benessere dei lavoratori.
Interventi per promuovere il benessere delle persone al lavoro.
Prerequisiti e modalità di esame
L'esame finale consiste in una prova scritta finalizzata a verificare:
- la conoscenza dei principali modelli concettuali che spiegano i temi trattati e degli studi empirici che li supportano.
- la capacità di comprendere i contributi applicativi dei modelli teorici;
- la capacità di utilizzare in modo consapevole i modelli teorici e metodologici per analizzare problemi organizzativi;
- l'appropriatezza nell'utilizzo del linguaggio disciplinare specifico.

L'esame finale comprenderà domande a risposta chiusa e aperta.

Informazioni aggiuntive sulle modalità di valutazione saranno illustrate all'inizio del corso.
Materiale didattico e bibliografia
Sarchielli G., Fraccaroli F. (2010). Introduzione alla psicologia del lavoro. Il Mulino, Bologna.
Balducci C. (2015). Gestire lo stress nelle organizzazioni. Il Mulino, Bologna.

La bibliografia definitiva sarà pubblicata all'inizio delle lezioni sulla pagina web del corso in Ariel.
Lezioni: 40 ore
Docente: Gilardi Silvia
Siti didattici
Docente/i
Ricevimento:
Lunedì: 16,00 - 19,00 (consigliato appuntamento via email). Causa esami, il ricevimento del 13 gennaio è spostato al 17 genn h. 14-17
studio 11 - 2° piano palazzina nuova