Storiografia musicale

A.A. 2017/2018
6
Crediti massimi
40
Ore totali
SSD
L-ART/07
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Il corso si propone da una parte di illustrare i problemi metodologici della storiografia musicale (anche dal punto di vista della storia della storiografia) e dall'altra di proporre un caso di studio specifico (le pratiche musicali e il "paesaggio sonoro" del carnevale di Milano) da ricostruire e analizzare secondo diversi schemi interpretativi desunti dalle diverse tendenze storiografiche.
Programma e organizzazione didattica

Edizione unica

Responsabile
Periodo
Primo semestre
Informazioni sul programma
Argomento del corso: Lost in translation: musica e metodi comparativi oggi

Come si sta riconfigurando il campo della storiografia musicale nell'epoca della "globalizzazione"? Quali sono i nuovi approcci emergenti? Come affrontare questioni sempre più urgenti come la dimensione transnazionale? Che differenza c'è tra il comparativismo e il "cultural transfer" della cosiddetta histoire croisée o entangled history? Si può affrontare una storia della musica in prospettiva globale o interculturale? Come?

PROGRAMMA E BIBLIOGRAFIA

Il programma sarà diviso in due parti. La prima, di natura metodologica, presenterà i temi/problemi generali che fungeranno da quadro (frame) di riferimento. La seconda sarà una parte esemplificativa in cui verranno analizzati un paio di casi particolari.

PARTE A

Per introdurre l'approccio storiografico, rinvio allo studio di questo video su YouTube:
- Mark Bowles, What his Historiography? (2014) https://www.youtube.com/watch?v=au4zrIx4sIw&t=194s
Per una discussione dell'approccio comparativo oggi, rinvio allo studio di questo video su YouTube:
- Matthias Middell, Comparative History and Cultural Transfer (2013)
https://www.youtube.com/watch?v=477FTQTw1rE&t=4597s
Inoltre:
- Carl Dahlhaus, Fondamenti di storiografia musicale, Fiesole, Discanto, 1980 (ed. orig. Grundlagen der Musikgeschichte, 1977), pp. 3-21 (cap. 1: Perdita della storia?) e pp. 65-87 (cap. 5: Storicismo e tradizione).
- Gary Tomlison, Musicology, Anthropology, History, in The Cultural Study of Music: A Critical Introduction, ed. by Martin Clayton et al., New York, Routledge, 2003, pp. 31-44.
- Martin Clayton, Comparing Music, Comparing Musicology, in The Cultural Study of Music: A Critical Introduction, ed. by Martin Clayton et al., New York, Routledge, 2003, pp. 57-68.
- Bruno Nettl, Nettl's Elephant: On the History of Ethnomusicology, Urbana, University of Illinois Press, 2010, pp. 70-89 (cap. 5 Revisiting Comparison, Comparative Study, and Comparating Musicology).

PARTE B

Un caso operistico di dialettica "interculturale" tra Francia e Italia alla fine del Settecento:
- L'opera francese in Italia: Giuseppe Carpani e le stagioni 1787-1795 del Teatro Arciducale di Monza, a cura di Emilio Sala, in Musicalia. Annuario internazionale di studi musicologici, 3-4 (2006-2007). Di questi due volumi miscellanei si dovranno studiare due contributi:
a) Emilio Sala, Introduzione, in Musicalia, 3 (2006), pp. 11-18;
b) Idem, Traduzione e transfert culturale: Les deux petits savoyards dalla Francia all'Italia, in Musicalia, 4 (2007), pp. 11-48.

Un caso di comparazione a distanza tra le illustrated songs americane e le phonoscènes francesi (nonché tra pratiche consimili presenti altrove ):
- Rick Altman, Cinema and Popular Song: The Lost Tradition, in Soundtrack available: Essays on Film and Popular Music, ed. by Pamela Robertson Wojcik and Arthur Knight, Durham, Duke University Press, 2001, pp. 19-30.
- Richard Abel, That Most American of Attractions, the Illustrated Song, in The Sounds of Early Cinema, ed. by R. Abel and R. Altman, Bloomington, Indiana University Press, 2001, pp. 143-155.
Per le Phonoscènes della Gaumont, se ne consulti il catalogo in questo sito:
http://www.dutempsdescerisesauxfeuillesmortes.net/textes_divers/phonosc…
Inoltre:
- Alison McMahan, Sound Rewrites Silents, in New Perspectives in Sound Studies, ed. by Dominique Nasta and Didier Huvelle, Bruxelles, Peter Lang, 2004, pp. 69-97.

Si ricorda che il programma è ancora provvisorio.

20/07/2017
Prerequisiti e modalità di esame
La prova è orale e consiste in un colloquio volto ad accertare da una parte il livello di assimilazione/elaborazione dei temi e dei testi a programma, dall'altra la capacità di ogni studente di applicare a un caso citato a lezione gli strumenti di lettura messi a punto durante il corso. Per la valutazione di tale capacità, ogni studente dovrà scrivere un paper (concordato con il docente) di circa 4-5000 parole, paper che dovrà essere consegnato almeno una settimana prima della data d'appello prescelta.
Moduli o unità didattiche
Unita' didattica
L-ART/07 - MUSICOLOGIA E STORIA DELLA MUSICA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unita' didattica
L-ART/07 - MUSICOLOGIA E STORIA DELLA MUSICA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Siti didattici
Docente/i
Ricevimento:
Mercoledì 16.30-19.30 - Il ricevimento di mercoledì 8 gennaio è sospeso.
Via Noto 6 (in dipartimento)