Storiografia musicale

A.A. 2019/2020
6
Crediti massimi
40
Ore totali
SSD
L-ART/07
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Il corso si propone da una parte di illustrare i problemi metodologici della storiografia musicale (anche dal punto di vista della storia della storiografia) e dall'altra di proporre un caso di studio specifico (le pratiche musicali e il "paesaggio sonoro" del carnevale di Milano) da ricostruire e analizzare secondo diversi schemi interpretativi desunti dalle diverse tendenze storiografiche.
Risultati apprendimento attesi
Non definiti
Programma e organizzazione didattica

Edizione unica

Responsabile
Periodo
Primo semestre
Informazioni sul programma
Argomento del corso: Trauma culturale e storiografia musicale / Cultural Trauma and Music Historiography (40 ore, 6 cfu)

Unità didattica A (20 ore, 3 cfu): Dalla storia alla storiografia: temi e problemi, con particolare attenzione alla storiografia del "trauma culturale" (Jeffrey Alexander e altri autori).
Unità didattica B (20 ore, 3 cfu): Prima applicazione: dalla morte di Toscanini alla nascita delle edizioni critiche dell'opera italiana. Seconda applicazione: la morte di Tenco e la canzone d'autore come costruzione sociale e culturale.

L'insegnamento di Storiografia musicale è rivolto agli studenti del corso di laurea magistrale in Scienze della musica e dello spettacolo (LM 45).

Presentazione del corso
La teoria del "trauma culturale" nell'elaborazione del sociologo americano Jeffrey Alexander verrà presentata e discussa (anche criticata e riconfigurata) per essere utilizzata nella prospettiva della storiografia musicale. I due diversi casi di studio contenuti nell'Unità didattica B costituiranno altrettanti ambiti di applicazione.

Prerequisiti
Il corso è aperto a tutti ma presuppone una buona conoscenza della storia della musica e un notevole interesse per la riflessione storiografica. Inoltre si fa presente che, data la natura fortemente orientata in senso metodologico del corso, la maggior parte dei testi presenti in bibliografia devono essere studiati dagli studenti prima di iniziare a frequentare le lezioni (o comunque il prima possibile).

Risultati di apprendimento

Conoscenze: Alla fine del corso gli studenti avranno imparato a conoscere e discutere alcune tendenze fondamentali della storiografia generale e di quella musicale in particolare.

Competenze: Alla fine del corso gli studenti sapranno applicare alcuni strumenti metodologici a un caso concordato col docente di cui discuteranno in concreto e per iscritto alcune problematiche di tipo storiografico.

Indicazioni bibliografiche

Unità didattica A
Programma d'esame per studenti frequentanti
Per quanto riguarda la storiografia musicale, si dovranno mettere a confronto questi due testi: 1) Carl Dahlhaus, Grundlagen der Musikgeschichte (1977), trad. it. Fondamenti di storiografia musicale, Fiesole, Discanto, 1980, fino a p. 52 (Perdita della storia? [cap.1], Storicità e carattere artistico [cap.2], Che cosa è un fatto nella storia della musica? [cap.3]) + pp. 206-207 (note). Per una nuova traduzione (francese) del libro di Dahlhaus, si veda Fondements de l'histoire de la musique, présenté et traduit de l'allemand par Marie-Hélène Benoit-Otis, Arles, Actes Sud, 2013 (testo consigliato); 2) Jean-Jacques Nattiez, Alcuni concetti fondamentali di storiografia della musica: periodizzazione, "spirito del tempo", successione di generazioni, in Rivista di analisi e teoria musicale, 1, 2007, pp. 7-35. Per una riflessione sui rapporti tra la storiografia "teleologica" e il concetto di "musica d'arte occidentale", si veda Leo Treitler, Toward a Desegregated Music Historiography, in Black Music Research Journal, XVI/1, 1996, pp. 3-10.
Sul "trauma culturale" il testo di riferimento che verrà analizzato e discusso a lezione è il seguente: Jeffrey C. Alexander, Trauma. La rappresentazione sociale del dolore, Milano, Meltemi, 2018 (ed. orig. 2012), pp. 27-71 (Introduzione e primo capitolo intitolato "Una teoria sociale del trauma culturale"). Un altro riferimento bibliografico in cui si applica la teoria del trauma alla musica e di cui bisognerà leggere l'introduzione è questo: Maria Cizmic, Performing Pain: Music and Trauma in Eastern Europe, Oxford, Oxford University Press, 2012, pp. 3-29 ("Introduction").

Unità didattica B
Per inquadrare e approfondire le due applicazioni che verranno prese in esame nell'Unità didattica B, è necessario studiare questi contributi.
Per il primo caso:
- Lydia Goehr, Il museo immaginario delle opere musicali, Milano, Mimesis, 2016 (ed. orig. 1992), pp. 27-75 ("Saggio introduttivo" e "Introduzione").
- Richard Taruskin, Text and Act. Music and Performance, New York-Oxford, Oxford University Press, 1995 pp. 3-47 ("Introduction").
- Emilio Sala, L'Istituto nazionale di studi verdiani e la preistoria dell'edizione critica delle opere di Giuseppe Verdi, in Le note del ricordo, a cura di Emilio Sala, Padova, Nova Charta, 2015, pp. 61-71.
Per il secondo caso:
- Marco Santoro, Effetto Tenco. Genealogia della canzone d'autore, Bologna, il Mulino, 2010.

Altri materiali verranno messi a disposizione degli studenti sul sito di ARIEL che invito tutti gli studenti a monitorare con una certa regolarità durante le ultime settimane del corso.

Unità didattica A
Programma d'esame per studenti non frequentanti (integrazioni)
Gli studenti non frequentanti devono studiare e saper discutere tre saggi a scelta tra quelli compresi in questo volume miscellaneo: The Cultural Study of Music, edited by Martin Clayton et al., New York, Routledge, 2003.

Unità didattica B
Programma d'esame per studenti non frequentanti (integrazioni)
Gli studenti non frequentanti devono studiare il capitolo 6 di questo libro:
- Jacopo Tomatis, Storia culturale della canzone italiana, Milano, il Saggiatore, 2019, pp. 329-380 ("L'invenzione della canzone d'autore").
Inoltre:
- Marco Beghelli, Alla ricerca della "voce adatta". Toscanini e i solisti di canto, in Arturo Toscanini. Il direttore e l'artista mediatico, a cura di Marco Capra e Ivano Cavallini, Lucca, LIM, 2011, pp. 133-169.

Avvertenza
Gli studenti internazionali o Erasmus incoming sono invitati a prendere tempestivamente contatto col docente titolare del corso.
Le modalità d'esame per studenti con disabilità e/o con DSA dovranno essere concordate col docente, in accordo con l'Ufficio competente.

26/07/2019
Prerequisiti
La prova è orale e consiste in un colloquio volto ad accertare da una parte il livello di assimilazione/elaborazione dei temi e dei testi a programma, dall'altra la capacità di ogni studente di applicare a un caso citato a lezione gli strumenti di lettura messi a punto durante il corso. Per la valutazione di tale capacità, ogni studente dovrà scrivere un paper (concordato con il docente) di circa 4-5000 parole, paper che dovrà essere consegnato almeno una settimana prima della data d'appello prescelta.
Moduli o unità didattiche
Unita' didattica
L-ART/07 - MUSICOLOGIA E STORIA DELLA MUSICA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unita' didattica
L-ART/07 - MUSICOLOGIA E STORIA DELLA MUSICA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Siti didattici
Docente/i
Ricevimento:
Mercoledì 16.30-19.30 - Il ricevimento di mercoledì 8 gennaio è sospeso.
Via Noto 6 (in dipartimento)