Teorie dell'eguaglianza e dei diritti

A.A. 2017/2018
6
Crediti massimi
40
Ore totali
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Il corso si propone i seguenti obiettivi di apprendimento:
- conoscenza e capacità di comprendere la nozione di eguaglianza, nella sua evoluzione storica e nelle sue diverse declinazioni concettuali; la relazione esistente tra eguaglianza, diritti fondamentali e differenze di sesso, sessualità, religione, culture ecc.;
- conoscenza e capacità di comprendere le tappe principali del processo che ha portato all'inclusione delle donne tra i titolari di diritti, le varie fasi e le idee centrali della riflessione teorico-politica femminista e la revisione delle idee stesse di diritti umani ed eguaglianza che ne è derivata, la problematica relazione tra eguaglianza e cittadinanza;
- capacità di applicare le conoscenze e competenze acquisite all'analisi e alla discussione di controversie al centro del dibattito pubblico, anche alla luce delle problematiche affrontate nei corsi precedenti del modulo Diritti, Lavoro, Pari Opportunità (DiLPO), riguardanti la relazione tra eguaglianza e differenze e i modi in cui colmare la distanza tra la titolarità formale di un diritto e il suo effettivo godimento.
Programma e organizzazione didattica

Edizione unica

Responsabile
Periodo
Primo trimestre
STUDENTI FREQUENTANTI
Programma
Il corso sarà articolato in due unità didattiche.
Nel corso della prima unità didattica saranno esaminate le riflessioni sull'eguaglianza e i diritti emerse nell'ambito delle correnti teoriche e dei movimenti che guardano a quei concetti dalla prospettiva delle donne, delle persone omosessuali e transgender e degli appartenenti alle minoranze culturali. Verranno trattati i seguenti temi: la storia del femminismo e dei movimenti LGBT e queer; le differenti correnti teoriche del femminismo (liberale, marxista, radicale, differenzialista e decostruzionista); le critiche del femminismo al liberalismo; l'esistenza di una specifica moralità femminile; il multiculturalismo e i possibili conflitti tra il multiculturalismo e il femminismo e i movimenti LGBT; le politiche sensibili alla differenza; il patriarcato e l'utilità del diritto quale mezzo per perseguire gli obbiettivi del femminismo; le riflessioni femministe su aborto, nuove forme di procreazione e gestazione per altri; la repressione e il controllo giuridico della sessualità; i concetti di sesso, genere e orientamento sessuale.
La seconda unità didattica si concentrerà su una analisi filosofico-politica della condizione della donna, condizione intesa come uno dei principali indicatori della qualità di un regime politico. Il modello democratico, e le sue patologie, saranno quindi considerati come laboratorio di analisi critica della controversa idea di eguaglianza, e esaminati a partire dalla lettura critica di una selezione di testi di cinque autori e autrici particolarmente rappresentativi della teoria politica che lavora su eguaglianza e diseguaglianze: Harriet Taylor, John Stuart Mill, Virginia Woolf, Carole Pateman e Catharine MacKinnon.
Il programma da 3 cfu corrisponde a quello della prima unità didattica.
Prerequisiti e modalità di esame
Per sostenere l'esame da frequentanti è richiesta la frequenza di 4/5 delle lezioni.
Per i frequentanti l'esame, che verterà sul contenuto delle lezioni e sui testi indicati nell'apposita sezione, consisterà in un'unica prova scritta, obbligatoria, e in una prova orale, facoltativa, che potrà modificare al massimo di tre punti, in positivo o in negativo, il risultato della prova scritta.
Metodi didattici
Lezioni frontali
Materiale didattico e bibliografia
Unità didattica 1:
- I.M. Young, "Cinque facce dell'oppressione", in I.M. Young, Le politiche della differenza, Feltrinelli, Milano, 1996, cap. 2 (pp. 51-84).*
- S.M. Okin, Le donne e la giustizia, Dedalo, Bari, 1999, capp. 1 (solo pp. 15-26 e 32-47), 6 (solo pp. 203-217) e 7 (pp. 219-244).*
- S.M. Okin, Diritti delle donne e multiculturalismo, Cortina, Milano, 2007, parte prima (pp. 1-22). In alternativa: S.M. Okin, "Feminism and Multiculturalism: Some Tensions", Ethics 108/4, 1998, pp. 661-684 (il testo in inglese sarà reso disponibile su Ariel).
- C.A. MacKinnon, Le donne sono umane?, Laterza, Roma-Bari, 2012, capp. 2-6 (pp. 6-93).
- L. Bernini, "Esercizi di critica queer: come 'funziona' la sessualità?" in L. Bernini, Le teorie queer. Un'introduzione, Mimesis, Milano-Udine, 2017, cap. 2 (pp. 55-114).

Unità didattica 2:
- C. Pateman, Il contratto sessuale. I fondamenti nascosti della società moderna, Moretti e Vitali, Bergamo, 2015, capp. 3 (pp. 78-130) e 6 (pp. 235-281).
- C.A. MacKinnon, Soltanto parole, Giuffrè, Milano, 1999, cap. 3.
- J.S. Mill, "L'asservimento delle donne", in J.S. Mill, H. Taylor, Sull'eguaglianza e l'emancipazione femminile, Einaudi, Torino, 2008, capp. 1-2 (pp. 69-136).
- V. Woolf, Le tre ghinee, Feltrinelli, Milano, 1979 (o ed. successive).

I testi indicati con un asterisco (*), in quanto non pubblicati, liberamente accessibili online o non più in commercio, saranno resi disponibili su Ariel.
STUDENTI NON FREQUENTANTI
Programma
Il programma per non frequentanti è, in quanto a contenuto, analogo a quello per frequentanti. Esso differisce da quello per frequentanti sotto il profilo del materiale da preparare ai fini dell'esame.
Il programma da 3 cfu corrisponde a quello della prima unità didattica.
Prerequisiti e modalità di esame
Per i non frequentanti l'esame, che verterà sui testi indicati nell'apposita sezione, consisterà in un'unica prova scritta, obbligatoria, e in una prova orale, facoltativa, che potrà modificare al massimo di tre punti, in positivo o in negativo, il risultato della prova scritta.
Materiale didattico e bibliografia
Parte comune:
- F. Restaino, "Il pensiero femminista. Una storia possibile", in A. Cavarero, F. Restaino, Le filosofie femministe, Bruno Mondadori, Milano, cap. 1 (pp. 3-54).

Unità didattica 1:
- A. Facchi, "Diritti delle donne e diritti umani: un percorso tra eguaglianza e autonomia personale", dattiloscritto.*
- A. Facchi, "A partire dall'eguaglianza. Un percorso nel pensiero femminista sul diritto", About Gender 1/1, 2012, pp. 118-150.*
- I.M. Young, "Cinque facce dell'oppressione", in I.M. Young, Le politiche della differenza, Feltrinelli, Milano, 1996, cap. 2 (pp. 51-84).*
- S.M. Okin, Le donne e la giustizia, Dedalo, Bari, 1999, capp. 1 (solo pp. 15-26 e 32-47), 6 (solo pp. 203-217) e 7 (pp. 219-244).*
- S.M. Okin, Diritti delle donne e multiculturalismo, Cortina, Milano, 2007, parte prima (pp. 1-22). In alternativa: S.M. Okin, "Feminism and Multiculturalism: Some Tensions", Ethics 108/4, 1998, pp. 661-684 (il testo in inglese sarà reso disponibile su Ariel).
- C.A. MacKinnon, Le donne sono umane?, Laterza, Roma-Bari, 2012, capp. 2-6 (pp. 6-93).
- L. Bernini, Le teorie queer. Un'introduzione, capp. 2 (pp. 55-114) e 3 (solo pp. 118-186).

Unità didattica 2:
- C. Pateman, Il contratto sessuale. I fondamenti nascosti della società moderna, Moretti e Vitali, Bergamo, 2015, capp. 1-3 (pp. 29-130) e 6 (pp. 235-281).
- J.S. Mill, "L'asservimento delle donne", in J.S. Mill, H. Taylor, Sull'eguaglianza e l'emancipazione femminile, Einaudi, Torino, 2008, capp. 1-2 (pp. 69-136).
- V. Woolf, Le tre ghinee, Feltrinelli, Milano, 1979 (o ed. successive).

I testi indicati con un asterisco (*), in quanto non pubblicati, liberamente accessibili online o non più in commercio, saranno resi disponibili su Ariel.
Docente/i
Ricevimento:
Mercoledì h. 10.30 - 13.30. Il ricevimento del 20 giugno è spostato a martedì 19, dalle 11 alle 13
stanza 14 - sopralzo cortile
Ricevimento:
Il ricevimento è sospeso. Riprenderà il 7 gennaio 2020, ogni martedì, dalle 13.00 alle 16.00.
Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali - Stanza 206