Borse di studio regionali DSU

Le borse di studio regionali sono benefici per garantire il diritto allo studio e si compongono di una quota in denaro e di una parte in forma di servizio ristorazione gratuito.

Le borse sono finanziate dalla Regione Lombardia e dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) e grazie a ulteriori fondi erogati dall'Ateneo stesso, l'Università degli Studi di Milano riesce a garantirne l'erogazione a tutti gli aventi diritto.

Per ottenere la borsa di studio è necessario essere regolarmente iscritti ad un corso di laurea o post laurea.

Non possono invece ottenere le borse di studio gli iscritti ai master di primo livello, alle scuole di specializzazione dell’area medica e i dottorandi già beneficiari di borsa o assegno di ricerca. Sono generalmente esclusi dal diritto a partecipare al concorso per l'assegnazione delle borse di studio DSU anche:

  • i beneficiari di contributi analoghi erogati da altri enti per lo stesso anno di corso;
  • gli studenti iscritti a tempo parziale o con abbreviazione del corso;
  • gli iscritti con ripetizione di un anno di corso di pari livello già frequentato in precedenza;
  • gli iscritti al primo anno di corso di laurea e laurea magistrale a ciclo unico con voto di diploma di maturità inferiore a 70/100.

Le borse vengono assegnate annualmente, tramite concorso, agli studenti iscritti in possesso di determinati requisiti di merito, reddito e regolarità accademica.

I beneficiari di borsa di studio regionale partecipano automaticamente al concorso per l’attribuzione delle borse d’Ateneo per merito, fino ad un totale di 6.000 euro.

Il pagamento della borsa di studio è predisposto sulla "Carta La Statale", il badge di Ateneo che permette di accedere ai servizi universitari. Per essere idonea a ricevere i pagamenti, la Carta La Statale dovrà essere attivata come carta prepagata “Flash Up Studio La Statale”.

Per presentare la domanda 2021-22

Gli studenti devono accedere allo Sportello online dal 15 luglio al 30 settembre 2021. L'accesso richiede la registrazione al portale o la login con le credenziali di Ateneo (per gli studenti già immatricolati).

Le graduatorie vengono pubblicate, prima in forma provvisoria e poi in forma definitiva, nello sportello online "Diritto allo studio, borse, alloggi e ristorazione".

La graduatoria provvisoria viene pubblicata a fine ottobre. Avverso l’esito negativo è possibile presentare istanza di revisione della domanda presentata.

Completata la procedura di revisione delle istanze, a fine novembre viene pubblicata la graduatoria definitiva dei beneficiari delle borse.

La condizione di beneficiario da diritto all’esenzione dal pagamento della Seconda rata delle tasse universitarie e alla fruizione del pasto gratuito meridiano, dal lunedì al sabato.

I beneficiari parziali sono esonerati nella misura del 50%.

Gli studenti iscritti al primo anno di corso sono valutati e inseriti in graduatoria in base al reddito ma a condizione di conseguire, entro le scadenze previste, un determinato requisito di merito. In assenza del merito richiesto, si decade dal diritto acquisito.

Per gli studenti iscritti ad anni di corso successivi al primo il punteggio nella graduatoria è determinato sia dal merito, che dalla media degli esami.

Studenti iscritti al primo anno di corso

Gli iscritti al primo anno di corso devono conseguire entro il 10 agosto 2022 un determinato numero di CFU stabiliti dal bando. E’ previsto anche un bonus di 5 CFU per soddisfare tale requisito, ma esclusivamente per gli iscritti ai corsi di laurea e di laurea magistrale a ciclo unico.

Gli iscritti al primo anno del dottorato di ricerca o della scuola di specializzazione mantengono il beneficio se sostengono con esito positivo l’esame finale di profitto. In caso negativo seguirà decadenza totale.

Il mancato conseguimento del merito previsto al 30 novembre 2022 comporterà la decadenza della Borsa di studio e conseguentemente la restituzione di quanto beneficiato e fruito.

Il pagamento della prima rata di Borsa di Studio – pari al 50% dell’importo complessivo – sarà disposto a dicembre 2021 tramite accredito sul Badge - Carta La Statale. La seconda rata verrà invece erogata, solo dopo l’accertamento dell’effettivo conseguimento del merito, entro ottobre 2022.

Il pagamento della borsa di studio è predisposto sulla "Carta La Statale", il badge di Ateneo che permette di accedere ai servizi universitari. Per essere idonea a ricevere i pagamenti, la Carta La Statale dovrà essere attivata come carta prepagata “Flash Up Studio La Statale”.

Studenti iscritti ad anni di corso successivi al primo

Gli iscritti ad anni successivi al primo riceveranno, tramite accredito sul Badge - Carta La Statale, la prima rata a dicembre 2021 e la seconda a giugno 2022. Per mantenere il beneficio assegnato per l’a.a. 2021/2022 non è richiesto il raggiungimento di requisiti di merito a posteriori.

Il pagamento della borsa di studio è predisposto sulla "Carta La Statale", il badge di Ateneo che permette di accedere ai servizi universitari. Per essere idonea a ricevere i pagamenti, la Carta La Statale dovrà essere attivata come carta prepagata “Flash Up Studio La Statale”.

Integrazioni di Borsa di studio

Con l’integrazione per studenti diversamente abili l’importo annuale della borsa di studio regionale (DSU) può essere elevato fino ad un massimo di 2.821,00 euro per gli studenti in sede, di 4.014,00 euro per gli studenti pendolari e 7.353,00 euro per gli studenti fuori sede.

L'integrazione può anche essere convertita, su richiesta dell’interessato, in dotazione di attrezzature specialistiche, materiale didattico differenziato, posto alloggio, assegnazione di un accompagnatore o assistente per gli studi, di un interprete o in ogni altro strumento idoneo a superare particolari difficoltà individuali.

Possono richiedere l’integrazione i beneficiari di borsa di studio regionale (DSU) che appartengono alle categorie di cui all’art. 2 della legge 30 marzo 1971, n.118, oppure ad altre categorie di disabili tutelate dalla legge, con invalidità riconosciuta pari o superiore al 66%.

L’integrazione per studenti diversamente abili è disciplinata all’interno del bando delle borse di studio regionali DSU.

La domanda si presenta online, accedendo con le credenziali di Ateneo o di registrazione allo sportello online "Diritto allo studio, borse, alloggi e ristorazione" dalla metà di luglio, periodo di pubblicazione del bando, fino alla fine di settembre.

Successivamente alla pubblicazione della graduatoria definitiva di conferimento delle borse di studio regionali (DSU), l’integrazione viene assegnata da una apposita Commissione

È un contributo integrativo della borsa regionale (DSU) e può essere richiesto dagli studenti che partecipano a programmi di soggiorno di studio all’estero certificati dall’Ateneo per una sola volta per ciascun livello di studi frequentato.

Il contributo è pari a 550 euro mensili, al lordo di altri contributi (UE e da soggetti pubblici o privati) ricevuti, per la durata del periodo di permanenza all’estero fino a un massimo di 10 mesi. Vengono rimborsate anche le spese di viaggio fino a 150 euro, per i Paesi europei, e fino a 500 euro, per i Paesi extraeuropei oltre ai pasti gratuiti spettanti e non fruiti.

Possono fare domanda gli studenti in possesso dei requisiti richiesti per l’ottenimento della Borsa di studio regionale DSU e coinvolti in progetti di mobilità certificati dall’Ateneo.

La domanda si presenta onlineaccedendo con le credenziali di Ateneo o di registrazione allo sportello online "Diritto allo studio, borse, alloggi e ristorazione".  dalla metà di luglio, periodo di pubblicazione del bando, alla fine di settembre.

La pubblicazione della graduatoria provvisoria Anno Accademico 2021/2022 è prevista per gennaio 2023, a febbraio 2023 seguirà la pubblicazione della graduatoria definitiva e il pagamento delle integrazioni assegnate.

Le graduatorie sono pubblicate online allo sportello online "Diritto allo studio, borse, alloggi e ristorazione".