Diritto del commercio internazionale

A.A. 2014/2015
Insegnamento per
6
Crediti massimi
45
Ore totali
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Il corso si propone di fornire un quadro generale della disciplina del commercio internazionale, con particolare attenzione ai rapporti tra Stati, così come regolati dai trattati internazionali conclusi in seno all'Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC-WTO). Attenzione preminente è dedicata alla disciplina internazionale del commercio di beni e della proprietà intellettuale. Significativo rilievo è attribuito anche all'analisi del coordinamento tra la normativa internazionale in materia commerciale e la disciplina internazionale della protezione dell'ambiente e dei diritti umani.

Struttura insegnamento e programma

Edizione attiva
Responsabile
Lezioni: 45 ore
STUDENTI FREQUENTANTI
Programma
Il corso esamina il sistema normativo dell'OMC. In particolare, sono approfondite le competenze dell'Organizzazione, i principi fondamentali previsti dal suo Accordo istitutivo, il GATT (l'Accordo generale sulle tariffe doganali e il commercio), gli strumenti giuridici collegati (tra questi, l'accordo SPS, ossia il trattato che regola l'adozione delle misure sanitarie e fitosanitarie), il TRIPs (il trattato che disciplina gli aspetti commerciali dei diritti di proprietà intellettuale), il trattamento dei Paesi in via di sviluppo, le eccezioni e le deroghe ai principi generali e il sistema di soluzione delle controversie commerciali tra Stati.
Gli effetti della disciplina del commercio internazionale in un'epoca contrassegnata dalla globalizzazione e dall'accresciuta interdipendenza delle economie rende, peraltro, indispensabile l'approfondimento dei rapporti esistenti tra il sistema normativo OMC e le altre norme del diritto internazionale generale o convenzionale. Una parte del corso è pertanto dedicata a uno dei problemi attualmente più controversi nella prassi e nella dottrina: quello dei rapporti intercorrenti tra gli accordi che afferiscono al sistema OMC e le norme internazionali "esterne" che disciplinano e tutelano interessi altrettanto globali di carattere non-economico (non-trade concerns), quali la protezione dell'ambiente e la tutela dei diritti umani fondamentali.
Informazioni sul programma
Il corso affianca alle lezioni "frontali" del docente, approfondimenti seminariali e analisi di casi pratici. Gli studenti frequentanti hanno pertanto la possibilità di esaminare la giurisprudenza elaborata a livello internazionale e individuare i punti maggiormente controversi. Essi inoltre sono chiamati a partecipare alla risoluzione di ipotetiche controversie instaurate dinanzi ai panels e all'Organo d'appello dell'OMC. Le soluzioni giuridiche devono essere presentate oralmente e collegialmente (ossia, da parte degli studenti frequentanti suddivisi in gruppi), nell'ambito delle simulazioni di contenzioso effettuate in classe. La partecipazione attiva degli studenti frequentanti, certificata dal docente, allo studio della giurisprudenza, alla risoluzione dei casi e alla loro presentazione in aula è valutata ai fini del superamento dell'esame finale. La frequenza dei seminari e il superamento di tutte le prove interne (scritte e orali) sostituiscono, per i frequentanti, la prova orale finale.
In corso d'anno è valutata la possibilità di organizzare una visita-studio all'OMC (Ginevra).
Il programma dettagliato del corso, con l'indicazione delle singole tematiche trattate durante le lezioni, è distribuito agli studenti all'inizio del corso ed è consultabile on-line, così come tutto il materiale didattico.
STUDENTI NON FREQUENTANTI
Materiale didattico e bibliografia
Il programma per gli studenti non frequentanti si compone dello studio:

1) del manuale (parti indicate):
- P. Picone - A. Ligustro, Diritto dell'Organizzazione mondiale del commercio, Padova, 2002 (capitoli: I; II (pp. 36-61); III; IV (fino a p. 149); VI (pp. 321-348); VIII (pp. 403-424 e 431-437); XIII);
2) del saggio:
- G. Venturini, Aspetti processuali della risoluzione delle controversie nell'OMC, in F. Francioni, F. Lenzerini, M. MontinI, Organizzazione mondiale del commercio e diritto della Comunità Europea nella prospettiva della risoluzione delle controversie, Milano, 2005, pp. 39-54;
3) di due (a scelta) dei seguenti contributi:
- P. Acconci, Tutela della salute e diritto internazionale, Padova, 2011, pp. 288-330;
- E. Baroncini, Il rapporto tra l'articolo XX GATT e il Protocollo di adesione della Cina all'Organizzazione Mondiale del Commercio nel report dell'Organo d'Appello del caso "China-Raw Materials": proposte per un diverso approccio interpretativo, in Diritto del commercio internazionale, 2012, pp. 965-1008;
- V. Grado, Divieto di commercio di diamanti "insanguinati" e ordinamento dell'OMC, in A. Ligustro, G. Sacerdoti (a cura di), Problemi e tendenze del diritto internazionale dell'economia. Liber amicorum in onore di Paolo Picone, Napoli, 2011, pp. 927-961;
- R. Pavoni, La relazione fra i trattati ambientale multilaterali e gli accordi dell'Organizzazione Mondiale del Commercio, in A. Del Vecchio, A. Dal Ri Ju'nior (a cura di), Il diritto internazionale dell'ambiente dopo il vertice di Johannesburg, Napoli, 2005, pp. 205-233.

I testi indicati sono consultabili presso la biblioteca del Dipartimento di diritto pubblico italiano e sovranazionale, Sezione di diritto internazionale e dell'Unione europea.
Periodo
Secondo semestre
Periodo
Secondo semestre
Modalità di valutazione
Esame
Giudizio di valutazione
voto verbalizzato in trentesimi
Docente/i
Ricevimento:
Mercoledì ore 15.30 / attualmente sospeso per congedo maternità
Dipartimento diritto pubblico italiano e sovranazionale - sezione diritto internazionale - piano terra