Diritto del processo e del contenzioso dell'unione europea

A.A. 2014/2015
Insegnamento per
6
Crediti massimi
45
Ore totali
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Studio dei diversi organi che compongono l'ordinamento giudiziario dell'Unione europea, nonché alla struttura e alla composizione dei medesimi; studio delle regole, di diversa provenienza e di ineguale valore giuridico, che disciplinano lo svolgimento del processo dell'Unione nel contesto delle varie tipologie di azioni di fronte al giudice di tale ordinamento.

Struttura insegnamento e programma

Edizione attiva
Responsabile
Lezioni: 45 ore
Programma
La frequenza del corso presuppone la conoscenza, acquisita attraverso lo studio del Diritto dell'Unione europea, del quadro complessivo dei mezzi di tutela giurisdizionale avanti al giudice dell'Unione, che si connotano per la sostanziale atipicità rispetto tanto alle forme di tutela più comuni nell'ambito delle organizzazioni internazionali, quanto ai modelli della tutela giurisdizionale nazionale. Attenzione verrà, innanzitutto, dedicata alla distribuzione delle competenze tra i diversi organi che compongono l'ordinamento giudiziario dell'Unione europea, nonché alla struttura e alla composizione dei medesimi.
Successivamente, il corso sarà dedicato allo studio delle regole, di diversa provenienza e di ineguale valore giuridico, che disciplinano lo svolgimento del processo dell'Unione nel contesto delle varie tipologie di azioni di fronte al giudice di tale ordinamento. In un sistema processuale ancora relativamente "giovane" e altrettanto relativamente poco "codificato", l'attenzione sarà rivolta soprattutto alla prassi del processo di fronte alla Corte, al Tribunale e, ora, al Tribunale della funzione pubblica dell'Unione europea, prassi poco nota perché assai poco diffusa attraverso gli ordinari strumenti di accesso alla giurisprudenza comunitaria e, pertanto, finora conosciuta ancora da pochi "specialisti" del settore, al contrario delle regole sostanziali o materiali del sistema dell'Unione, ormai familiari a un largo pubblico di operatori giuridici. La finalità è quella di consentire allo studente di familiarizzare con le categorie processuali di un processo "non nazionale", eppure fortemente connesso con le quotidiane esigenze di tutela del cittadino dell'Unione, i cui diritti, com'è ben noto, non sono ormai più soltanto di matrice statuale, ma vieppiù risentono di una derivazione comunitaria a cui si associa una peculiare forma di tutela giurisdizionale.
Informazioni sul programma
Per informazioni sul corso, consultare il sito
Propedeuticità
Il corso, che è realizzato nel contesto della Cattedra Jean Monnet ad personam e si inquadra nell'ambito delle iniziative del Centro di eccellenza Jean Monnet presso l'Ateneo, è indirizzato a studenti che abbiano superato l'esame di Diritto dell'Unione europea e, preferibilmente, di Diritto processuale civile.
Materiale didattico e bibliografia
Il testo consigliato costituisce una base di lavoro essenziale ma non sufficiente, la preparazione dell'esame dovendo fondarsi anche sul contenuto delle lezioni e sul materiale distribuito a lezione. Identiche considerazioni inducono a ritenere la frequenza fortemente consigliata.
Costituisce parte integrante del corso la preparazione, con distribuzione e commento dei relativi atti di causa, e la successiva partecipazione a un'udienza della Corte di giustizia o del Tribunale dell'Unione europea a Lussemburgo.

Testi per la preparazione dell'esame
M. Condinanzi - R. Mastroianni, Il contenzioso dell'Unione europea, Torino, Giappichelli, 2009 ovvero l'ultima edizione disponibile.

Per l'indispensabile conoscenza dei testi normativi di riferimento
M. Condinanzi, Codice del contenzioso dell'Unione europea, Torino, Giappichelli, 2010 ovvero l'ultima edizione disponibile.

Per ogni utile ulteriore riferimento giurisprudenziale si rinvia a B. Nascimbene, M. Condinanzi (con la collaborazione di C. Amalfitano e C. Sanna), Giurisprudenza di diritto comunitario. Casi scelti, Milano, Giuffrè, 2007 ovvero l'ultima edizione disponibile.
Periodo
Secondo semestre
Periodo
Secondo semestre
Modalità di valutazione
Esame
Giudizio di valutazione
voto verbalizzato in trentesimi
Docente/i
Ricevimento:
Martedì dalle 12,30 e venerdì dalle 16,30 solo su appuntamento (scrivere a massimo.condinanzi@unimi.it)
Sezione di Diritto internazionale e dell'Unione europea