Diritto penale progredito

A.A. 2014/2015
Insegnamento per
9
Crediti massimi
60
Ore totali
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Oggetto del corso è l'approfondimento del vigente sistema penale (sostanziale) sotto il profilo strutturale e funzionale, ponendo quindi in relazione dialettica la sistematica così ricostruita con i principi e le finalità proprie di una politica criminale costituzionalmente orientata (espressiva dello Stato sociale di diritto).

Struttura insegnamento e programma

Cognomi A-L
Edizione attiva
Responsabile
Lezioni: 60 ore
Programma
Il corso si articolerà in una Parte generale e in una Parte speciale.

Parte generale
1. Funzioni e limiti del diritto penale
1.1. Le funzioni della norma penale (paradigmi imperativistici, paradigmi normativistici e paradigmi funzionalistici) e le funzioni della sanzione penale (paradigmi generalpreventivi vs. paradigmi specialpreventivi)
1.2. Il diritto penale come limite invalicabile della politica criminale: i fondamenti costituzionali del diritto penale
1.3. Il tipo penale come limite garantista formale del funzionalismo penale; la tutela del bene giuridico come limite garantista sostanziale del funzionalismo penale
2. Funzioni e principi della politica criminale
2.1. La politica criminale come limite razionale del diritto penale
2.2. La funzione generale della politica criminale: la rielaborazione formalizzata dei conflitti sociali
2.3. L'oggetto della politica criminale: la criminalità e la sua definizione
2.4. I limiti della politica criminale: principio di laicità e principio di umanità
2.5. Le funzioni specifiche della politica criminale e i principi che le governano: principio di necessità; principio di effettività, principio di economia
2.6. Le dinamiche politico-criminali: consenso sociale e diritto penale; il fenomeno della selezione penale; dinamiche sociali e legislazione penale
3. Politica criminale e sistematica del reato
3. 1. Il fatto tipico
3.1.1. La struttura del fatto tipico come illecito a modalità di lesione e come illecito personalistico (disvalore della condotta, disvalore dell'evento, disvalore dell'intenzione)
3.1.2. I confini estremi della tutela del bene giuridico: i reati associativi e i reati a consumazione anticipata
3.1.3. Doveri di tutela del bene giuridico o doveri di fedeltà? I reati propri e i reati d'obbligo.
3.2. L'antigiuridicità
3.2.1. Collocazione e ruolo dell'antigiuridicità
3.2.2. Dinamiche sociali e funzioni delle scriminanti
3.2.3. Natura e struttura delle scriminanti paradigmatiche
3.3 La colpevolezza
3.3.1. Contenuto e funzione della colpevolezza
3.3.2. La colpevolezza come fondamento e la colpevolezza come criterio di imputazione
3.3.3. Paradigmi di colpevolezza: naturalistico, normativo, funzionalistico
3.4. Sistematica del reato e paradigmi politico-criminali: oggettivismo vs soggettivismo nel diritto penale

Parte Speciale
Strutture del tipo e funzione politico-criminale dei delitti contro il patrimonio.
Prerequisiti e modalità di esame
Nel corso del semestre di lezioni verrà tenuta una prova scritta facoltativa, su una parte del programma, riservata ai soli frequentanti e verranno organizzati dei seminari di approfondimento sulla parte speciale.
Materiale didattico e bibliografia
C. E. Paliero, Codice penale e normativa complementare 2012/2013, Milano Cortina, 2011.
Inoltre: per gli studenti non frequentanti: G. Marinucci - E. Dolcini, Corso di diritto penale, Milano, Giuffrè, 2001, pagine 5-613;
F. Mantovani, Diritto penale. II. Parte speciale. Delitti contro il patrimonio, Padova, Cedam, ultima edizione.
Per gli studenti frequentanti: Oggettivismo e soggettivismo nel diritto penale italiano - Lezioni del corso, (a cura di Consulich-Perini) Milano, Cuem, 2006;
C. Roxin, Politica criminale e sistema del diritto penale (a cura di S. Moccia), Napoli, Esi, 2001, pp. 37-79; 109-173;
F. Mantovani, Diritto penale. II. Parte speciale. Delitti contro il patrimonio, Padova, Cedam, ultima edizione (limitatamente alle parti che verranno indicate durante il corso).
Periodo
Secondo semestre
Cognomi M-Z
Edizione attiva
Lezioni: 60 ore
Docente: Vigano' Francesco
STUDENTI FREQUENTANTI
Programma
Il corso è destinato a studenti che già posseggano le nozioni di base in diritto penale, e mira ad affinare la loro capacità a) di interpretare le norme di parte generale e di parte speciale alla luce dei principi costituzionali e convenzionali, nonché b) di applicare tali norme e principi ai casi concreti.
Più che alla trasmissione di nozioni, il corso sarà dunque orientato a fornire allo studente la metodologia indispensabile per affrontare con i propri mezzi questioni nuove, attraverso la riflessione personale, lo studio della letteratura e la ricerca dei precedenti giurisprudenziali rilevanti.
Propedeuticità
Il superamento dell'esame, tanto per gli studenti frequentati quanto per quelli non frequentanti, presupporrà il sicuro dominio delle nozioni di parte generale del diritto penale già apprese nel corso base.
Prerequisiti e modalità di esame
Per gli studenti frequentanti, l'esame consisterà nella redazione di un parere scritto su di un caso e in una successiva integrazione orale (facoltativa).
Metodi didattici
Durante le lezioni gli studenti saranno invitati a discutere assieme al docente sui possibili profili di rilievo penalistico di casi distribuiti la settimana precedente. L'analisi sarà condotta con costante attenzione alla dimensione anche processuale delle questioni trattate. In particolare, gli studenti saranno invitati ad assumere di volta in volta le vesti della pubblica accusa e della difesa, per meglio enucleare i profili problematici relativi a ciascun caso e per esercitarsi a concepire l'applicazione del diritto penale come il frutto di un procedimento a struttura dialettica, che prende le mosse dall'acquisizione della notizia di reato e prosegue sino all'eventuale esecuzione della sentenza di condanna.
Le lezioni saranno affiancate da brevi cicli di seminari destinati a piccoli gruppi di studenti, nell'ambito dei quali i partecipanti saranno invitati a redigere almeno due pareri scritti, che verranno poi corretti da un docente e discussi in forma collettiva.
Materiale didattico e bibliografia
Reati contro la persona:
F. Viganò (a cura di), I delitti contro la persona, in F. Palazzo-C.E. Paliero, Trattato teorico-pratico di diritto penale, Giappichelli, II ed. (di prossima pubblicazione)

Reati contro il patrimonio:
D. Pulitanò (a cura di), Diritto penale. Parte speciale, vol. II (Tutela penale del patrimonio), pagg. 1-293

o, in alternativa,

F. Mantovani, Diritto penale. II. Parte speciale. Delitti contro il patrimonio, Padova, Cedam (ult. ed.)


Testo consigliato per il ripasso della parte generale:
G. Marinucci, E. Dolcini, Manuale di diritto penale, ult. ed.
STUDENTI NON FREQUENTANTI
Prerequisiti e modalità di esame
Per gli studenti non frequentanti l'esame sarà esclusivamente orale.
Periodo
Secondo semestre
Periodo
Secondo semestre
Modalità di valutazione
Esame
Giudizio di valutazione
voto verbalizzato in trentesimi
Docente/i
Ricevimento:
Venerdì ore 15.00