Diritto penitenziario

A.A. 2015/2016
Insegnamento per
6
Crediti massimi
45
Ore totali
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Il corso ha per oggetto l'analisi del complesso di norme che attengono alle modalità di esecuzione delle sanzioni penali detentive e alla applicazione della custodia cautelare in carcere. Particolare attenzione viene riservata al sistema delle garanzie costituzionali e alle implicazioni di natura sovranazionale. Lo studio della disciplina viene completato dall'esame del panorama comparativo.

Struttura insegnamento e programma

Edizione attiva
Lezioni: 45 ore
Docente: Luparia Luca
Programma
Obiettivi formativi e risultati di apprendimento attesi

A) Conoscenza e capacità di comprensione: lo studente deve dimostrare di avere acquisito una buona conoscenza degli istituti del diritto penitenziario e delle principali interazioni con l'intero sistema di giustizia penale. B) Capacità applicative: lo studente deve dimostrare di sapere applicare le nozioni apprese a contesti concreti. C) Autonomia di giudizio: lo studente deve dimostrare di sapere assumere posizioni argomentate e giuridicamente sostenibili con riferimento alle tematiche oggetto del corso. D) Abilità nella comunicazione: lo studente deve dimostrare di saper esprimere le nozioni acquisite con coerenza argomentativa, rigore sistematico e proprietà di linguaggio. E) Capacità di apprendere: lo studente deve dimostrare di saper ricostruire i profili evolutivi del diritto penitenziario.

Programma

Le matrici costituzionali e il quadro internazionale. Sistema penitenziario e diritto europeo. Il diritto penitenziario tra dimensione legislativa e realtà operativa. I soggetti dell'amministrazione penitenziaria e la magistratura di sorveglianza. Il trattamento penitenziario. Il trattamento dei collaboratori di giustizia e dei tossicodipendenti. Le misure alternative alla detenzione. L'affidamento in prova ai servizi sociali. La detenzione domiciliare. Il regime di semilibertà. La liberazione anticipata. La liberazione condizionale. Il procedimento di sorveglianza nelle sue linee evolutive. Il modello ordinario. I procedimenti atipici e quelli incidentali. Il reclamo. L'imputato detenuto. Profili evolutivi del sistema penitenziario. Diritti delle vittime ed esecuzione della pena.
Informazioni sul programma
Avvertenze

Per gli studenti frequentanti saranno previste modifiche al programma e ai testi di preparazione dell'esame. Il corso è completato da attività didattiche complementari e da visite agli istituti penitenziari. È previsto un approfondimento monografico con attribuzione di crediti formativi. Nel quadro del corso e delle lezioni integrative si svolgeranno anche le attività dell'Italy Innocence Project, progetto in materia di errore giudiziario, coordinato dal docente in collaborazione con l'Innocence Network di New York.
Materiale didattico e bibliografia
P. Corso (a cura di), Manuale della esecuzione penitenziaria, Bologna, Monduzzi, ultima edizione. È necessario disporre di un testo legislativo aggiornato.
Periodo
Secondo semestre
Periodo
Secondo semestre
Modalità di valutazione
Esame
Giudizio di valutazione
voto verbalizzato in trentesimi
Siti didattici