Diritto del lavoro progredito (lavoro privato)

A.A. 2015/2016
Insegnamento per
6
Crediti massimi
45
Ore totali
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Il corso intende approfondire, con taglio monografico, alcuni profili specifici della disciplina della c.d. "riforma Fornero" (L. 92/2012), del c.d. "decreto Poletti" (D.L. 34/2014, convertito in L. 78/2014) e delle eventuali ulteriori riforme in corso di approvazione (con particolare riferimento al c.d. Jobs Act).

Struttura insegnamento e programma

Edizione attiva
Responsabile
STUDENTI FREQUENTANTI
Programma
Il corso intende approfondire, con taglio monografico, alcuni profili specifici della disciplina del c.d. Jobs Act (legge delega 183/2014 e i decreti attuativi).
L'insegnamento prevede l'analisi approfondita di alcuni profili della disciplina del diritto del lavoro significativamente modificati: saranno in particolare prese in esame le nuove disposizioni in tema di tipologie contrattuali flessibili e lavoro autonomo (c.d. "flessibilità in entrata"), la modifica dell'art. 2103 c.c. (c.d. "flessibilità funzionale") e le innovazioni in materia di disciplina dei licenziamenti individuali e collettivi (c.d. "flessibilità in uscita").
Più analiticamente, gli argomenti oggetto di studio sono: il lavoro eterorganizzato (art. 2 d.l.gs. 81/2015); il lavoro accessorio (artt. 48-50 d.lgs. 81/2015); il contratto di lavoro a tempo determinato (artt. 19-29 d.lgs. 81/2015); la somministrazione di lavoro (artt. 30-40 d.lgs. 81/2015); la disciplina delle mansioni (art. 3 d.lgs. 81/2015 di modifica dell'art. 2103 c.c.); il potere di controllo ex art. 4 stat. lav. (dopo le modifiche ex art. 23 d.lgs. 151/2015); il licenziamento nullo perché discriminatorio, intimato in violazione di disposizioni di legge o in forma orale (art. 2 d.lgs. 23/2015); il licenziamento individuale ingiustificato irrogato per motivi soggettivi (art. 3, commi 1 e 2, d.lgs. 23/2015); il licenziamento individuale ingiustificato irrogato per motivi economici e il licenziamento collettivo.
Informazioni sul programma
In ragione della specificità degli argomenti trattati è fortemente consigliata una costante frequenza delle lezioni. Agli studenti, frequentanti e non, è richiesta in ogni caso un'adeguata conoscenza del manuale di diritto del rapporto di lavoro oggetto dell'esame di Diritto del Lavoro

Le tesi di laurea e le tesine sono assegnate di regola tre volte all'anno secondo le modalità e in base ai criteri affissi nella bacheca della sezione di Diritto del lavoro.
Costituisce in ogni caso titolo preferenziale per l'assegnazione aver sostenuto altri esami dell'area lavoristica quali Diritto sindacale e delle relazioni industriali, Diritto della previdenza sociale, Comparative labour law, European labour law.

Per indicazioni e ulteriore materiale relativo al corso, è possibile rivolgersi alla D.ssa Azzurra de Salvia al seguente indirizzo di posta elettronica: azzurra.desalvia@unimi.it
Prerequisiti e modalità di esame
L'esame si svolge in forma orale sulla base del materiale bibliografico che sarà comunicato dal docente durante il corso.

All'esame di Diritto del Lavoro Progredito è propedeutico l'esame di Diritto del Lavoro, oltre che ovviamente gli esami di Diritto privato e Diritto costituzionale.
Materiale didattico e bibliografia
I testi e materiali di approfondimento saranno indicati dal docente durante le lezioni e saranno resi disponibili agli studenti.
Si consiglia un ripasso del programma del corso di lavoro base in relazione agli argomenti che verranno trattati e la consultazione costante di un codice del lavoro aggiornato.

In ragione della specificità degli argomenti trattati è fortemente consigliata una costante frequenza delle lezioni. Agli studenti, frequentanti e non, è richiesta in ogni caso un'adeguata conoscenza del manuale di diritto del rapporto di lavoro oggetto dell'esame di Diritto del Lavoro
Gli studenti sono tenuti, inoltre, ad accompagnare lo studio del materiale per la preparazione dell'esame con la diretta consultazione delle fonti normative del diritto del lavoro. Tra i numerosi codici del lavoro esistenti in commercio si consiglia: M.T. Carinci (a cura di), Codice del lavoro, Milano, Giuffrè, 2015.

Legge delega n. 183/2013
Decreti legislativi attuativi
STUDENTI NON FREQUENTANTI
Materiale didattico e bibliografia
V. Ballestrero, G. De Simone, Diritto del Lavoro, Giappichelli, ultima edizione.
M.T. Carinci, A. Tursi (a cura di), JOBS ACT. Il contratto a tutele crescenti, Giappichelli, 2015.

In ragione della specificità degli argomenti trattati è fortemente consigliata una costante frequenza delle lezioni. Agli studenti, frequentanti e non, è richiesta in ogni caso un'adeguata conoscenza del manuale di diritto del rapporto di lavoro oggetto dell'esame di Diritto del Lavoro
Gli studenti sono tenuti, inoltre, ad accompagnare lo studio del materiale per la preparazione dell'esame con la diretta consultazione delle fonti normative del diritto del lavoro. Tra i numerosi codici del lavoro esistenti in commercio si consiglia: M.T. Carinci (a cura di), Codice del lavoro, Milano, Giuffrè, 2015.
Periodo
Primo semestre
Periodo
Primo semestre
Modalità di valutazione
Esame
Giudizio di valutazione
voto verbalizzato in trentesimi
Docente/i
Ricevimento:
martedì 15.00-16.00
via Festa del Perdono 7 (sezione di diritto del lavoro)