Istituzioni di diritto dell'unione europea

A.A. 2015/2016
Insegnamento per
6
Crediti massimi
40
Ore totali
SSD
IUS/14
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Il corso costituisce una introduzione al diritto dell'Unione europea, di cui intende approfondire l'organizzazione, il funzionamento e le competenze. Attenzione sarà inoltre prestata alle relazioni dell'Unione europea con il resto del mondo e con gli Stati membri. Il corso mira a fornire allo studente gli strumenti per valutare i rapporti tra fonti nazionali e comunitarie nelle materie di competenza dell'Unione europea.

Struttura insegnamento e programma

Edizione attiva
Responsabile
Moduli o unità didattiche
Unità didattica 1
IUS/14 - DIRITTO DELL'UNIONE EUROPEA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unità didattica 2
IUS/14 - DIRITTO DELL'UNIONE EUROPEA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore
Docente: Diverio Davide

STUDENTI FREQUENTANTI
Informazioni sul programma
Gli studenti che intendono sostenere l'esame per tre crediti sono invitati a prendere contatto con il docente per definire il programma.
Prerequisiti e modalità di esame
L'esame si svolge in forma orale ed è teso ad accertare la conoscenza delle nozioni di base dell'ordinamento dell'Unione europea, con particolare riferimento alle implicazioni concrete che nel nostro ordinamento derivano dall'applicazione di istituti europei (quali, ad esempio, la cittadinanza dell'Unione) e dal principio del primato dell'ordinamento dell'Unione sugli ordinamenti nazionali.
Per gli studenti frequentanti è previsto un preappello in forma scritta. Esso consiste nella risposta a tre quesiti aperti a scelta dello studente tra sei proposti dal Docente. Anche il preappello, che verte sull'intero programma d'esame, è volto alla verifica della conoscenza dei più rilevanti istituti e delle principali caratteristiche dell'ordinamento dell'Unione, consentendo allo studente di articolare i temi sottoposti in modo da evidenziarne, al contempo, gli aspetti teorici e gli aspetti pratici.
Metodi didattici
Il corso è articolato in lezioni frontali nelle quali, a partire dal necessario inquadramento del tema di volta in volta trattato all'interno delle pertinenti norme dei Trattati istitutivi dell'Unione europea, saranno svolti ampi riferimenti alla giurisprudenza della Corte di giustizia e dei giudici interni.
Nella pagina ariel del corso saranno disponibili i materiali esaminati a lezione. Tali materiali costituiranno utili integrazioni al manuale consigliato in vista della preparazione dell'esame.
Unità didattica 1
Programma
Nascita ed evoluzione storica delle Comunità e dell'Unione europea.
I principi "costituzionali" dell'ordinamento dell'Unione: attribuzione, sussidiarietà e proporzionalità.
Le istituzioni dell'Unione europea.
Le fonti del diritto dell'Unione e il processo decisionale europeo.
Il rapporto fra l'ordinamento dell'Unione e gli ordinamenti degli Stati membri.
Materiale didattico e bibliografia
Per la preparazione dell'esame, in aggiunta al materiale eventualmente distribuito e esaminato durante il corso, si consiglia:
R. Adam, A. Tizzano, Lineamenti di Diritto dell'Unione europea, Giappichelli Editore, 2014 (Introduzione; Parte Prima; Parte Terza, capitoli I, III, V)
Allo studio del manuale deve affiancarsi la consultazione delle rilevanti fonti normative (trattati e normativa secondaria).
Fra le raccolte in commercio si segnala:
B. Nascimbene, Unione Europea, Trattati, Giappichelli, Torino, ult. ediz.
Unità didattica 2
Programma
La cittadinanza dell'Unione europea.
La tutela dei diritti nell'ambito dell'Unione europea.
L'organizzazione della giustizia nell'Unione europea.
Le competenze contenziose e non contenziose della Corte di giustizia UE.
La partecipazione dell'Italia al processo di integrazione europea.
L'adeguamento dell'ordinamento italiano agli obblighi derivanti dall'appartenza dell'Italia all'Unione europea.
L'attuazione delle direttive nell'ordinamento italiano.
Il ruolo delle regioni nel processo di adeguamento dell'ordinamento italiano all'ordinamento dell'Unione.
Materiale didattico e bibliografia
Per la preparazione dell'esame, in aggiunta al materiale eventualmente distribuito e esaminato durante il corso, si consiglia:
R. Adam, A. Tizzano, Lineamenti di Diritto dell'Unione europea, Giappichelli Editore, 2014 (Parte Seconda; Parte Terza, Capitolo II; Parte Quarta)
Allo studio del manuale deve affiancarsi la consultazione delle rilevanti fonti normative (trattati e normativa secondaria).
Fra le raccolte in commercio si segnala:
B. Nascimbene, Unione Europea, Trattati, Giappichelli, Torino, ult. ediz.
STUDENTI NON FREQUENTANTI
Prerequisiti e modalità di esame
L'esame per i non frequentanti è orale.
Unità didattica 1
Materiale didattico e bibliografia
Per la preparazione dell'esame si consiglia:

G. Strozzi, R. Mastroianni (a cura di), Diritto dell'Unione europea. Parte istituzionale, Giappichelli, 2013, Capitoli I (eccetto il par. 9.5), II (eccetto il par. 10), III, IV.

Allo studio del manuale deve affiancarsi la consultazione delle rilevanti fonti normative (trattati e normativa secondaria).
Fra le raccolte in commercio si segnala:
B. Nascimbene, Unione Europea, Trattati, Giappichelli, Torino, ult. ediz.
Unità didattica 2
Materiale didattico e bibliografia
Per la preparazione all'esame si consiglia:

G. Strozzi, R. Mastroianni (a cura di), Diritto dell'Unione europea. Parte istituzionale, Giappichelli, 2013, Capitoli I (il solo par. 9.5), V, VI.

Allo studio del manuale deve affiancarsi la consultazione delle rilevanti fonti normative (trattati e normativa secondaria).
Fra le raccolte in commercio si segnala:
B. Nascimbene, Unione Europea, Trattati, Giappichelli, Torino, ult. ediz.
Periodo
Terzo trimestre
Periodo
Terzo trimestre
Modalità di valutazione
Esame
Giudizio di valutazione
voto verbalizzato in trentesimi
Docente/i
Ricevimento:
Avviso: il primo ricevimento dopo la pausa estiva si terrà martedì 10 settembre. Primo trimestre: martedì dalle ore 10.15 alle ore 12.15. Secondo e terzo trimestre: martedì dalle ore 8.15 alle ore 10.15
Via Conservatorio, 7 - III piano - stanza 23
Ricevimento:
Martedì 14.30-17.00.
Dip. Studi internazionali, III piano, stanza 23. Dopo la pausa estiva, il ricevimento studenti riprenderà lunedì 9 settembre, ore 16.30-18.00.