Politica, istituzioni e sviluppo

A.A. 2015/2016
Insegnamento per
12
Crediti massimi
80
Ore totali
SSD
SPS/04
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Il corso introduce all'analisi scientifica della politica. L'approccio è comparativo e farà riferimento non solo alle aree occidentali, ma anche alle regioni in via di sviluppo. Fornire agli studenti gli strumenti concettuali, teorici e metodologici di base necessari all'interpretazione dei fenomeni politici contemporanei è il traguardo finale che il corso si propone di raggiungere. A tal fine, il corso intende (1) presentare agli studenti le più importanti domande sollevate dalla scienza politica, (2) far familiarizzare gli studenti con le principali risposte esistenti a tali quesiti e, infine, (3) incoraggiare gli studenti a riesaminare con spirito critico queste risposte.

L'insegnamento è organizzato in quattro moduli, attraverso i quali gli studenti acquisiscono la conoscenza e la comprensione (Knowledge and understanding) delle seguenti tematiche: Che cos'è lo stato e quali sono le sue origini? Che cos'è la democrazia? Perché alcuni paesi sono democrazie e altri dittature? Come si spiegano le transizioni alla democrazia? Il regime di un paese ha effetto sul benessere materiale dei suoi cittadini? Perché i gruppi etnici sono politicizzati in alcuni paesi e in altri no? Perché alcuni paesi hanno molti partiti e altri ne hanno pochi? Come si formano i governi e che cosa determina i tipi di governo che vengono a formarsi? Quali sono le implicazioni materiali e normative dei differenti tipi di governo? In che modo il tipo di democrazia di un paese influisce sulla sopravvivenza di questa forma di regime? L'ultimo modulo prevede invece l'approfondimento dello studio della politica nei paesi di una delle regioni in via di sviluppo di maggiore interesse al giorno d'oggi, l'Africa subsahariana.

Al termine del corso, gli studenti avranno inoltre sviluppato la capacità di applicare tali conoscenze (Applying knowledge and understanding), passando così dal comprendere cosa è la scienza politica al capire come "fare" scienza politica. In particolare, lo studente sarà in grado di interpretare i risultati degli studi politologici empirici, inclusi quelli che fanno uso dell'analisi statistica e sperimentale, in modo tale da poter passare al vaglio con spirito critico gli argomenti proposti dalle teorie studiate. Al contempo, lo studente sarà in grado di utilizzare alcune delle principali teorie e strumenti della politica comparata - ad esempio la teoria dei giochi - per rispondere a quesiti pratici.

Struttura insegnamento e programma

Edizione attiva
Responsabile
Moduli o unità didattiche
Unità didattica 1
SPS/04 - SCIENZA POLITICA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unità didattica 2
SPS/04 - SCIENZA POLITICA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unità didattica 3
SPS/04 - SCIENZA POLITICA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unità didattica 4
SPS/04 - SCIENZA POLITICA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Informazioni sul programma
Per gli studenti frequentanti è richiesta la partecipazione attiva alle esercitazioni, discussioni e presentazioni indicate nel programma. È prevista una prova intermedia scritta.
Prerequisiti e modalità di esame
L'esame consiste di una prova scritta che richiede:
- domande a risposta multipla,
- esercizi di tipo applicativo, aventi contenuti e difficoltà analoghi a quelli affrontati in aula,
- quesiti teorici.
Unità didattica 1
Programma
Il primo modulo introduce allo studio scientifico della politica. Viene esaminato il concetto stesso di politica, si ricostruiscono le origini della scienza politica come disciplina, e si discutono alcune nozioni chiave per l'analisi della politica, quali quelle di potere, stato, liberalismo, democrazia, e identità etniche e nazionali. Si introduce il tema della relazione tra politica e sviluppo economico, con particolare riferimento alle aree non occidentali. Rientrano in questa prima componente dell'insegnamento anche due incontri, collocati al temine del corso, che, alla luce dei temi trattati, esaminano gli elementi fondamentali della logica e della metodologia della ricerca politica.
Materiale didattico e bibliografia
Clark, William Roberts - Golder, Matt - Golder, Sona Nadenichek, Principi di scienza politica, Milano, McGraw-Hill, 2010, capp. 1, 2, 3
Unità didattica 2
Programma
Il secondo modulo del corso affronta lo studio dei regimi politici. Dapprima esso si concentra sui diversi tipi di regimi politici (democratici e non democratici), sui processi di democratizzazione, sul problema della misurazione della democrazia, e sulla relazione tra democrazia e sviluppo economico e tra democrazia e conflitto etnico. In seguito ci si sofferma sui successi e sui limiti della diffusione della democrazia nelle diverse aree del mondo, dall'America Latina all'Asia, dall'Europa orientale ed ex-URSS al mondo arabo-musulmano.
Materiale didattico e bibliografia
Clark, William Roberts - Golder, Matt - Golder, Sona Nadenichek, Principi di scienza politica, Milano, McGraw-Hill, 2010, capp. 4, 5, 6, 7, 8, 9
Unità didattica 3
Programma
Il terzo modulo del corso è dedicato allo studio delle istituzioni delle democrazie contemporanee in chiave comparata, con particolare riferimento alle aree occidentali. Vengono quindi analizzati i principali tipi di sistemi elettorali e le loro conseguenze; le origini e i modelli organizzativi dei partiti politici; la genesi, la strutturazione e le dinamiche dei sistemi di partito; le diverse forme di governo e il dibattito sui relativi vantaggi e svantaggi; i parlamenti rappresentativi moderni e i processi legislativi; le burocrazie amministrative e le politiche pubbliche.
Materiale didattico e bibliografia
Clark, William Roberts - Golder, Matt - Golder, Sona Nadenichek, Principi di scienza politica, Milano, McGraw-Hill, 2010, capp. 10, 11, 12, 13, 14, 15
Unità didattica 4
Programma
Nel quarto modulo, il corso approfondisce lo studio della politica nei paesi dell'Africa subsahariana. Viene dunque ricostruito il processo di formazione dello stato in quest'area e vengono introdotte alcune ipotesi esplicative circa la sua debolezza; si esaminano le cause della diffusione dei conflitti armati e il loro andamento temporale; si analizzano gli effetti e i limiti delle riforme democratiche adottate a partire dagli anni novanta; si discute il ruolo degli attori esterni in relazione alla politica e allo sviluppo dei paesi subsahariani.
Materiale didattico e bibliografia
Carbone, Giovanni, L'Africa. Gli stati, la politica, i conflitti, Bologna, Il Mulino, 2012
Periodo
Secondo trimestre
Periodo
Secondo trimestre
Modalità di valutazione
Esame
Giudizio di valutazione
voto verbalizzato in trentesimi
Docente/i
Ricevimento:
Venerdì 14.30-17.30, preferibilmente su appuntamento. Il ricevimento studenti di venerdì 12 luglio è sospeso.
Stanza 210, Dipartimento Studi Sociali e Politici