Diritto della navigazione

A.A. 2016/2017
Insegnamento per
6
Crediti massimi
45
Ore totali
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Il corso intende far acquisire la conoscenza degli istituti fondamentali del diritto della navigazione marittima e la comprensione della loro collocazione nel quadro complessivo del diritto interno, internazionale e comunitario
Si richiede agli studenti la capacità di ricostruire la ratio delle norme e di trarne regole operative da applicare per la soluzione delle problematiche concrete poste dalla prassi mercantile internazionale
Il corso mira a stimolare la autonoma analisi delle fonti normative e del dato giurisprudenziale e la maturazione di valutazioni critiche al riguardo
Per i fini di cui sopra, si richiede l'impiego di un linguaggio tecnicamente adeguato e di tecniche espositive improntate a chiarezza, rigore e semplicità
In esito al corso gli studenti dovranno quindi aver acquisito una conoscenza teorica e pratica del diritto della navigazione marittima, con la capacità di individuarne i collegamenti con altre discipline ed essere in grado di padroneggiare un metodo di studio non meramente manualistico

Struttura insegnamento e programma

Edizione attiva
Responsabile
Programma
Il corso si propone di affrontare i principali temi del diritto della navigazione marittima e cioè:
- la nave, con particolare attenzione alle problematiche relative alla sicurezza della navigazione; la nave formerà oggetto di studio anche in relazione alla sua nazionalità e alla sua iscrizione in pubblici registri;
- i contratti aventi per oggetto la costruzione, la vendita e la locazione della nave e i relativi strumenti di finanziamento;
- il rapporto di lavoro nautico del comandante e dell'equipaggio, con particolare attenzione ai riflessi, su tale disciplina, della iscrizione della nave in registri italiani o stranieri;
- la riforma dell'ordinamento portuale, nel senso della privatizzazione e della liberalizzazione delle attività portuali, come risultante dalla legge n. 84/94 e dai successivi interventi legislativi;
- la tutela dell'ambiente marino dall'inquinamento e la normativa internazionale in tema di responsabilità civile per danni da inquinamento;
- la vendita marittima, quale elemento portante della complessiva operazione economica nella quale si inserisce il trasporto marittimo e la funzione svolta in tale ambito dalla polizza di carico;
- i contratti documentati da charterparty, con particolare attenzione ai formulari maggiormente diffusi;
- il trasporto marittimo di linea e la disciplina internazionale uniforme che ne viene data nella Convenzione di Bruxelles del 1924;
- il trasporto di persone e la tutela dei diritti del passeggero;
- le figure tipiche di ausiliari e intermediari (raccomandatario, spedizioniere, broker);
- il diritto comunitario dei traffici marittimi, con particolare attenzione alla disciplina della concorrenza;
- i sinistri della navigazione (urto, salvataggio, avaria comune); la disciplina delle relative responsabilità e i riflessi sul piano assicurativo.
Prerequisiti e modalità di esame
L'esame è orale.
Per gli studenti frequentanti potranno essere previsti momenti intermedi di valutazione dell'apprendimento
Metodi didattici
Lo studio di tali argomenti verrà condotto tenendo conto non solo del dato normativo e della elaborazione dottrinale, ma anche della law in action costituita dalla casistica giurisprudenziale e dalla prassi contrattuale.
E' previsto lo svolgimento di esercitazioni che consentano la partecipazione attiva degli studenti
Nell'ambito del corso, anche in relazione a interessi ed esigenze che venissero manifestati dagli studenti, potranno essere trattate anche tematiche proprie di materie "contigue", come il diritto aeronautico e il diritto della logistica.
Materiale didattico e bibliografia
S. M. Carbone - P. Celle - M. Lopez de Gonzalo, Il diritto marittimo attraverso i casi e le clausole contrattuali, Torino, Giappichelli, 5ª ed., 2015, con esclusione dell'ultimo capitolo ("La tutela dei diritti").
Periodo
Secondo semestre
Periodo
Secondo semestre
Modalità di valutazione
Esame
Giudizio di valutazione
voto verbalizzato in trentesimi
Docente/i
Ricevimento:
giovedì 10.30 - 12.00