Diritto regionale

A.A. 2016/2017
Insegnamento per
6
Crediti massimi
45
Ore totali
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Il corso si propone di assicurare agli studenti:
- conoscenza e capacità di comprensione degli aspetti essenziali dell'ordinamento costituzionale italiano con riguardo alla formazione, all'organizzazione e alle competenze degli enti regionali;
- capacità di applicare i principi costituzionali analizzati nello studio delle concrete esperienze italiana e di altri significativi ordinamenti, specie europei, che utilizzano il principio del decentramento;
- capacità di rielaborare con autonomia di giudizio i principali temi del corso;
- uso appropriato della terminologia giuridica;
- capacità di apprendere una metodologia di studio e di ricerca che consenta di valutare l'importanza, ma anche le criticità, delle esperienze di decentramento regionale nell'evoluzione del tipo di Stato italiano.

Struttura insegnamento e programma

Edizione attiva
Responsabile
Programma
Il corso ha per oggetto la posizione costituzionale, l'organizzazione e le funzioni delle Regioni.
Al fine di delineare i tratti dell'attuale assetto dello Stato regionale italiano si analizzeranno i suoi profili originari, disciplinati dalla Costituzione del 1948, per esaminare, poi, l'organizzazione regionale iscritta nei nuovi Statuti, l'autonomia legislativa e la potestà amministrativa delle Regioni, nonché il contenzioso costituzionale fra lo Stato e le Regioni, implementatosi dopo le riforme recate dalle leggi cost. n. 1 del 1999, n. 2 del 2001 e n. 3 del 2001 e le relative leggi di attuazione (l. n. 131 del 2003; l. n. 165 del 2004 e l. n. 42 del 2009).
Sarà dedicata particolare attenzione al processo di riforma costituzionale in atto. La parte finale del corso sarà dedicata all'illustrazione delle caratteristiche tipiche del tipo di Stato federale e regionale, attraverso l'esame di alcune significative esperienze costituzionali straniere ed alla luce del metodo comparativo.
Prerequisiti e modalità di esame
Lo studio del diritto regionale presuppone la piena conoscenza del diritto costituzionale.

Per gli studenti frequentanti potranno essere organizzate attività integrative, valutate ai fini dell'esame che, per i non frequentanti, consisterà in una prova orale.
Metodi didattici
Alcune lezioni potranno avere carattere seminariale, attraverso l'uso di materiali didattici forniti dal docente.
Materiale didattico e bibliografia
P. Caretti - G. Tarli Barbieri, Diritto regionale, Giappichelli, Torino 2016;
oppure, R. Bin - D. Falcon (a cura di), Diritto regionale, Il Mulino, Bologna 2012.
Periodo
Secondo semestre
Periodo
Secondo semestre
Modalità di valutazione
Esame
Giudizio di valutazione
voto verbalizzato in trentesimi
Siti didattici
Docente/i
Ricevimento:
su appuntamento: elisabetta.crivelli@unimi.it
Dipartimento di diritto pubblico -corridoio docenti di diritto costituzionale - Stanza Proff. Zanon/Randazzo
Ricevimento:
Martedi, ore 10.15.