Fisica i

A.A. 2016/2017
Insegnamento per
6
Crediti massimi
60
Ore totali
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Fornire gli elementi di meccanica e termodinamica necessari per affrontare le parti della fisica d'interesse per i geologi.

Struttura insegnamento e programma

Edizione attiva
Esercitazioni: 36 ore
Lezioni: 24 ore
Docente: Pagani Carlo
Programma
Le grandezze fisiche. Unità di misura. MECCANICA Elementi di cinematica del punto. I tre principi della dinamica. Applicazioni al punto materiale. Lavoro, energia, energia potenziale. Conservazione dell'energia meccanica e applicazioni. Sistemi di punti e continui. Cenni al momento angolare. La prima e la seconda equazione cardinale della dinamica dei sistemi. Quantità di moto. Sua conservazione. Centro di massa. Lavoro e energia nei sistemi. Il moto di un corpo rigido girevole intorno a un asse fisso. Applicazioni al moto circadiale della Terra. Fluidostatica: gli sforzi, la pressione, le sue proprietà. Legge di Stevino. Legge di Archimede. Applicazioni, l'isostasia. TERMODINAMICA. La temperatura, alcuni termometri. Lo scambio di calore. Bilancio termico della Terra. Trasformazioni termodinamiche. I principi della termodinamica, l'energia interna
Informazioni sul programma
Si può superare l'esame superando il saggio intermedio e quello finale, riservati agli studenti del prim'anno e a chi, degli anni superiori, dopo aver dato il nome al professore, segue assiduamente il corso.
Per l'esame ordinario: si affronta l'orale solo dopo aver superato la prova scritta, che , se positiva, vale per 365 giorni dalla data della prova. E` sconsigliatissimo aspettare ad affrontare l'orale più di due mesi dalla prova scritta. Chi é ammesso all'orale con riserva e fallisce l'orale, deve ripetere lo scritto. Chi e` ammesso senza riserva e fallisce l'orale, non deve ripetere lo scritto se si presenta nel primo appello orale successivo; se fallisce di nuovo, o non si presenta nel primo appello, ripete lo scritto.
Propedeuticità
Matematica I
Prerequisiti e modalità di esame
L'esame consiste in una prova scritta seguita da una prova
orale.

La prova scritta consiste nella soluzione, obbligatoria, di un
problema di calcolo vettoriale, nella soluzione, obbligatoria, di un
problema, tra due, di trasformazione di unita` di misura e nella
soluzione di almeno un problema di fisica su tre.
La prova scritta non da` voto, ma il suo superamento e` obbligatorio per
l'ammissione alla prova orale. Essa e` valida per sostenere una sola
prova orale che va sostenuta non oltre tre mesi dopo.
Tutti i ptoblemi sono a risposta aperta.

La prova orale consiste in alcune domande sul programma.

In alternativa all'esame ordinario (scritto seguito da orale) gli studenti
iscritti al primo anno, e quelli degli anni successivi che si registrano
presso il professore all'inizio del corso e seguono alemno parzialmente le
lezioni, possono superare l'esame con due saggi, uno in itinere e uno
finale, che riguardano il programma svolto nella prima e poi nella seconda
parte del corso, che consistono nella soluzione, obbligatoria, di un
problema a risposta aperta di calcolo vettoriale, due problemi di fisica a
risposta aperta e quattro domande a risposta chiusa.
Metodi didattici
Modalità di esame:
Scritto e orale;
Modalità di frequenza:
Fortemente consigliata;
Modalità di erogazione:
Tradizionale.
Materiale didattico e bibliografia
Raymond A. Serway, John W. Jewett: Principi di Fisica, Volume I° (quarta edizione) il volume serve per l'insegnamento di Fisica I e Fisica II
Periodo
annuale
Periodo
annuale
Modalità di valutazione
Esame
Giudizio di valutazione
voto verbalizzato in trentesimi