Diritto della sicurezza del lavoro

A.A. 2016/2017
Insegnamento per
6
Crediti massimi
45
Ore totali
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Questo insegnamento si fonda sulla collaborazione tra Università e INAIL.
Com'è noto e più volte sottolineato anche dalla Presidenza della Repubblica, gli infortuni e le malattie professionali costituiscono una piaga non degna di un Paese civile. Prevenzione e cultura della sicurezza sono parte della legalità del lavoro e dell'economia e costituiscono i pilastri su cui fondare il contrasto tenace a questo fenomeno, ad iniziare dalla formazione dei nuovi giuristi; l'esigenza di figure professionali con specifica competenza sul diritto della sicurezza è sempre più sentita tra giuristi, avvocati e magistrati, nel mondo dell'impresa, nel lavoro pubblico e privato. La materia è complessa e interdisciplinare, abbracciando aspetti sostanziali, processuali, sanzionatori, pubblicistici e privatistici, con risvolti microeconomici e
macroeconomici, tecnici, scientifici e organizzativi.
La finalità didattica è di offrire agli studenti una competenza giuridica specifica nel campo del diritto del lavoro per rispondere alla crescente domanda di giuristi specializzati in sicurezza del lavoro.
Il corso ha ad oggetto l'esposizione teorica degli istituti e l'esame dei relativi risvolti pratici.
La partecipazione attiva e la frequenza ai seminari nonché alle altre eventuali attività proposte nel corso delle lezioni varrà al fine del riconoscimento di ulteriori 3 crediti formativi.

Struttura insegnamento e programma

Edizione attiva
Lezioni: 45 ore
Docente: Giordano Bruno
Programma
Il corso intende trattare i principi e alcune tematiche specifiche delle norme in materia di sicurezza del lavoro, con particolare riferimento a:
- Obblighi del datore di lavoro, dirigente, preposto, lavoratore;
- Individuazione del datore di lavoro nella pubblica amministrazione;
- Delega di funzioni;
- Il Documento di Valutazione del Rischio, valutazione del rischio professionale e stress lavoro correlato;
- La Commissione parlamentare in materia degli infortuni sul lavoro;
- Il Servizio di Prevenzione e Protezione e il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza;
- Il medico competente;
- Gli organi di vigilanza;
- La sicurezza negli appalti e obblighi e soggetti nei cantieri edili;
- Gli obblighi dei soggetti esterni;
- Formazione e informazione dei lavoratori;
- Diritto del lavoratore anche sotto il profilo assicurativo e risarcitorio;
- Le dinamiche degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali con particolare riferimento ai tumori professionali e alle malattie causate dall'amianto;
- Organizzazione aziendale, responsabilità dell'impresa e del management;
- Il Caporalato e lo sfruttamento del lavoro;
- La responsabilità degli enti per infortuni sul lavoro;
- La prescrizione del d.lgs. n. 758/1994;
- La responsabilità sociale;
- Casi processuali Thyssen Krupp, ILVA di Taranto, Eternit, Aeroporto di Fiumicino;
- Analisi microeconomica e macroeconomica degli obblighi, degli investimenti e della responsabilità nel campo della sicurezza del lavoro;
- Costi e benefici delle politiche pubbliche in materia di sicurezza del lavoro.
Informazioni sul programma
Durante a.a. 2016/2017 saranno svolte diverse attività collaterali al corso:
a) Discussione di casi processuali (tra cui, Ilva di Taranto, Eternit, Thyssen Grupp);
b) Seminari tematici inerenti le più attuali novità in materia;
c) Partecipazione a un processo penale in materia di infortuni sul lavoro, presso il Tribunale Ordinario di Milano;
d) Visite e sopraluoghi in aziende;
e) Proiezione di film sul lavoro, con la collaborazione della Cineteca Italiana, con interventi dei protagonisti del cinema e del mondo del lavoro.

CRITERI PER L'ASSEGNAZIONE DELLA TESI DI LAUREA
Ai fini dell'assegnazione delle tesi di laurea è necessario aver sostenuto con profitto l'esame di diritto della sicurezza del lavoro.
Il tema della tesi sarà concordato con il docente.
Le tempistiche di redazione non possono essere preventivamente determinati, in quanto dipendono esclusivamente dall'impegno e dall'attitudine del candidato.
INFORMAZIONI UTILI
Per informazioni ed orari di ricevimento, contattare il Dott. Clemente Davide La Porta (clemente.laporta@unimi.it) oppure il Dott. Davide Poli (davide.poli@unimi.it).
Prerequisiti e modalità di esame
Esame di profitto è orale.
È propedeutico aver sostenuto con profitto gli esami di diritto del lavoro e di diritto penale.
Materiale didattico e bibliografia
L. Fantini - A. Giuliani, Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, Giuffrè, 2015, da pag. 1-195, da pag. 269-335, da pag. 407-425.
Periodo
Secondo semestre
Periodo
Secondo semestre
Modalità di valutazione
Esame
Giudizio di valutazione
voto verbalizzato in trentesimi