Diritto regionale

A.A. 2017/2018
Insegnamento per
6
Crediti massimi
45
Ore totali
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Il corso si propone di assicurare agli studenti:
- conoscenza e capacità di comprensione degli aspetti essenziali dell'ordinamento costituzionale italiano con riguardo alla formazione, all'organizzazione e alle competenze degli enti regionali;
- capacità di applicare i principi costituzionali analizzati nello studio delle concrete esperienze italiana e di altri significativi ordinamenti, specie europei, che utilizzano il principio del decentramento;
- capacità di rielaborare con autonomia di giudizio i principali temi del corso;
- uso appropriato della terminologia giuridica;
- capacità di apprendere una metodologia di studio e di ricerca che consenta di valutare l'importanza, ma anche le criticità, delle esperienze di decentramento regionale nell'evoluzione del tipo di Stato italiano.

Struttura insegnamento e programma

Edizione attiva
Responsabile
Programma
Il corso ha per oggetto la posizione costituzionale, l'organizzazione e le funzioni delle Regioni. Al fine di delineare i tratti dell'attuale assetto dello Stato regionale italiano si analizzeranno i suoi profili originari, disciplinati dalla Costituzione del 1948, per esaminare, poi, l'organizzazione regionale iscritta nei nuovi Statuti, l'autonomia legislativa e la potestà amministrativa delle Regioni, nonché il contenzioso costituzionale fra lo Stato e le Regioni, implementatosi dopo le riforme recate dalle leggi cost. n. 1 del 1999, n. 2 del 2001 e n. 3 del 2001 e le relative leggi di attuazione (l. n. 131 del 2003; l. n. 165 del 2004 e l. n. 42 del 2009). La parte finale del corso sarà dedicata all'illustrazione delle caratteristiche del tipo di Stato federale e regionale, attraverso l'esame di alcune significative esperienze costituzionali straniere ed alla luce del metodo comparativo.
Prerequisiti e modalità di esame
Per gli studenti frequentanti potranno essere organizzate attività integrative, valutate ai fini dell'esame che, per i non frequentanti, consisterà in una prova orale.

Lo studio del diritto regionale presuppone la piena conoscenza del diritto costituzionale.
Metodi didattici
Alcune lezioni potranno avere carattere seminariale, con materiali didattici forniti dal docente.
Materiale didattico e bibliografia
Uno a scelta tra:
A.D'Atena, Diritto regionale, 3 ed., Giappichelli, Torino, 2017;
P. Caretti, G. Tarli Barbieri, Diritto regionale, 4 ed., Giappichelli, Torino 2016;
R. Bin - D. Falcon (a cura di), Diritto regionale, Il Mulino, Bologna 2012.
Periodo
Secondo semestre
Periodo
Secondo semestre
Modalità di valutazione
Esame
Giudizio di valutazione
voto verbalizzato in trentesimi
Siti didattici
Docente/i
Ricevimento:
su appuntamento: elisabetta.crivelli@unimi.it
Dipartimento di diritto pubblico -corridoio docenti di diritto costituzionale - Stanza Proff. Zanon/Randazzo
Ricevimento:
Martedi, ore 10.15.