Sociologia della devianza, diritto minorile e penale

A.A. 2017/2018
Insegnamento per
6
Crediti massimi
60
Ore totali
SSD
IUS/01 IUS/17 SPS/12
Lingua
Italiano

Struttura insegnamento e programma

Sezione: Bosisio Parini
Edizione attiva
Moduli o unità didattiche
Diritto penale
IUS/17 - DIRITTO PENALE - CFU: 1
Lezioni: 10 ore
Docente: Zanetti Elena

Diritto privato
IUS/01 - DIRITTO PRIVATO - CFU: 2
Lezioni: 20 ore
Docente: Maniaci Arturo

Sociologia giuridica della devianza e mutamento sociale
SPS/12 - SOCIOLOGIA GIURIDICA, DELLA DEVIANZA E MUTAMENTO SOCIALE - CFU: 3
Lezioni: 30 ore
Docente: Riva Pietro

Diritto privato
Programma
Programma del modulo:
- Nozioni e i concetti fondamentali in tema di tutela giuridica del minore.
Disposizioni del Codice civile concernenti:
il soggetto minore d'età,
i diritti e le libertà fondamentali del minore,
la responsabilità genitoriale e l'affidamento del minore in caso di crisi della famiglia,
la nuova disciplina della filiazione,
gli strumenti di tutela civile del minore.
Metodi didattici
Modalità di erogazione del corso di insegnamento:
Lezioni frontali.
Modalità di svolgimento dell'esame di profitto:
È prevista una prova scritta finale, che consiste in quesiti a risposta multipla.
Materiale didattico e bibliografia
Bibliografia:
Si suggerisce uno dei seguenti testi:
- A.C. Moro, Manuale di diritto minorile, Zanichelli, Bologna, 2014;
- L. Lenti, Diritto di famiglia e servizi sociali, Giappichelli, Torino, 2016.
Per l'adozione di altri manuali istituzionali di carattere universitario, si consiglia di rivolgersi al Docente.
Ulteriori informazioni ed aggiornamenti saranno disponibili consultando il sito del Dipartimento e/o l'eventuale sito Ariel del Docente.
Diritto penale
Programma
Programma del modulo:
Struttura del reato e fondamenti di diritto penale:
- Legittimazione, ruolo e compiti del diritto penale
- Le fonti e i principi generali (in particolare: il principio di legalità)
- I principi di: riserva di legge, determinatezza e tassatività, irretroattività
- Ambito di applicabilità della legge penale: limiti temporali, spaziali, personali
- Sistematica e analisi della struttura del reato (elementi necessari - elementi accidentali)
- Elemento oggettivo del reato: il fatto (soggetto attivo, condotta, evento, nesso di causalità, soggetto passivo)
- L'antigiuridicità
- Le cause di giustificazione. Analisi delle singole scriminanti
- Elemento soggettivo del reato: la colpevolezza (dolo, colpa e preterintenzione)
- La capacità di intendere e di volere
- Le cause di esclusione dell'imputabilità (infermità di mente, azione di alcool e sostanze stupefacenti, minore età, sordomutismo)
- L'accertamento giudiziale dell'imputabilità: il ruolo degli esperti
- L'educatore professionale e il diritto penale
Lineamenti del processo penale e del processo penale minorile:
- Il procedimento penale nei confronti dei minorenni
- Struttura e competenza del Tribunale per i minorenni
- La centralità dell'udienza preliminare nel rito minorile. La definizione anticipata del giudizio
- Le peculiari decisioni "senza condanna" (perdono giudiziale, sentenza di non luogo a procedere per irrilevanza del fatto, sospensione del processo con messa alla prova)
- Il ruolo dei servizi minorili e in particolare degli Uffici di Servizio Sociale per i Minorenni
Cenni di diritto dell'esecuzione penale:
- La funzione della pena nell'ordinamento italiano. Il sistema del c.d. "doppio binario"
- Classificazione delle pene (principali, accessorie, sostitutive di pene detentive brevi). La determinazione della pena in concreto
- Le misure di sicurezza
- Il trattamento penitenziario e la rieducazione del condannato
- La figura dell'educatore nell'equipe del trattamento penitenziario.
Metodi didattici
Modalità di erogazione del corso di insegnamento:
Lezioni frontali.
Modalità di svolgimento dell'esame di profitto:
L'esame è costituito da una prova orale.
Materiale didattico e bibliografia
Bibliografia:
G. FLORA - P. TONINI, Diritto penale per operatori sociali, vol. I (tutto) e vol. II (primi sei capitoli), Milano, Giuffrè, 2013;
- in alternativa:
G. NEPPI MODONA - D. PETRINI - L. SCOMPARIN, Giustizia penale e servizi sociali, Laterza, 2009
Sociologia giuridica della devianza e mutamento sociale
Programma
Programma del modulo:
- Società e cultura: cenni sugli elementi costitutivi della cultura: linguaggio, valori, norme...
- Cultura e mutamento sociale
- Devianza, criminalità, esclusione sociale e marginalità: difficoltà terminologiche e di definizione;
- Excursus sui principali paradigmi sociologici allo studio della devianza- individuazione degli elementi comuni;
- La carriera del deviante e i percorsi tipici dell'esclusione sociale
- Analisi e approfondimento di singoli percorsi di devianza ed esclusione sociale nella società contemporanea (con particolare attenzione all' Italia) di interesse professionale - individuazione di possibili percorsi di approfondimento.
Metodi didattici
Modalità di erogazione del corso di insegnamento:
Lezioni frontali con attività di gruppo con l'ausilio di strumenti informatici.
Modalità di svolgimento dell'esame di profitto:
Esame scritto con domande aperte sui temi trattati.
Materiale didattico e bibliografia
Bibliografia:
GENNARO g., "Manuale di sociologia della devianza", f. Angeli, Milano, (ultima edizione disponibile);
BERZANO L., PRINA F. "Sociologia della devianza", Carocci editore, Roma, (ultima edizione disponibile);
Williams F.P., McShane M.D., "Devianza e criminalità", il Mulino, Bologna, 2002;
Barbagli, M., Colombo, A. e Savona, E., "Sociologia della devianza", Il Mulino, Bologna,2003.
Cesareo V. «Sociologia - concetti e tematiche», Vita e Pensiero, Milano, 2000.
Documentazione fornita dal docente agli studenti durante le lezioni.
Sezione: Don Gnocchi
Edizione attiva
Moduli o unità didattiche
Diritto penale
IUS/17 - DIRITTO PENALE - CFU: 1
Lezioni: 10 ore
Docente: Zanetti Elena

Diritto privato
IUS/01 - DIRITTO PRIVATO - CFU: 2
Lezioni: 20 ore
Docente: Maniaci Arturo

Sociologia giuridica della devianza e mutamento sociale
SPS/12 - SOCIOLOGIA GIURIDICA, DELLA DEVIANZA E MUTAMENTO SOCIALE - CFU: 3
Lezioni: 30 ore

Diritto privato
Programma
Programma del modulo:
- Le disposizioni del Codice civile concernenti il soggetto minore d'età,
- i diritti e le libertà fondamentali del minore,
- la responsabilità genitoriale e l'affidamento del minore in caso di crisi della famiglia,
- la nuova disciplina della filiazione,
- gli strumenti di tutela civile del minore.
Metodi didattici
Modalità di erogazione del corso di insegnamento:
Lezioni frontali.
Modalità di svolgimento dell'esame di profitto:
È prevista una prova scritta finale, che consiste in quesiti a risposta multipla. Le modalità di svolgimento della prova scritta saranno illustrate dal Docente durante il corso.
Materiale didattico e bibliografia
Bibliografia:
Si suggerisce uno dei seguenti testi:
- A.C. Moro, Manuale di diritto minorile, Zanichelli, Bologna, 2014;
- L. Lenti, Diritto di famiglia e servizi sociali, Giappichelli, Torino, 2016.
Per l'adozione di altri manuali istituzionali di carattere universitario, si consiglia di rivolgersi al Docente.
Diritto penale
Programma
Programma del modulo:
Struttura del reato e fondamenti di diritto penale:
- Legittimazione, ruolo e compiti del diritto penale
- Il diritto penale: fonti e principi generali (in particolare: il principio di legalità)
- I principi di riserva di legge, di determinatezza e tassatività, di irretroattività
- Ambito di applicabilità della legge penale: limiti temporali, spaziali, personali
- Sistematica e analisi della struttura del reato (elementi necessari - elementi accidentali)
- Elemento oggettivo del reato: il fatto (soggetto attivo, condotta, evento, nesso di causalità, soggetto passivo)
- L'antigiuridicità
- Le cause di giustificazione. Analisi delle singole scriminanti
- Elemento soggettivo del reato: la colpevolezza (dolo, colpa e preterintenzione)
- La capacità di intendere e di volere
- Le cause di esclusione dell'imputabilità (infermità di mente, azione di alcool e sostanze stupefacenti, minore età, sordomutismo)
- L'accertamento giudiziale dell'imputabilità: il ruolo degli esperti
- L'educatore professionale e il diritto penale
Lineamenti del processo penale e del processo penale minorile:
- Il procedimento penale nei confronti dei minorenni
- Struttura e competenza del Tribunale per i minorenni
- La centralità dell'udienza preliminare nel rito minorile. La definizione anticipata del giudizio
- Le peculiari decisioni "senza condanna" (perdono giudiziale, sentenza di non luogo a procedere per irrilevanza del fatto, sospensione del processo con messa alla prova)
- Il ruolo dei servizi minorili e in particolare degli Uffici di Servizio Sociale per i Minorenni
Cenni di diritto dell'esecuzione penale:
- La funzione della pena nell'ordinamento italiano. Il sistema del c.d. "doppio binario"
- Classificazione delle pene (principali, accessorie, sostitutive di pene detentive brevi). La determinazione della pena in concreto
- Le misure di sicurezza
- Il trattamento penitenziario e la rieducazione del condannato
- La figura dell'educatore nell'equipe del trattamento penitenziario.
Metodi didattici
Modalità di erogazione del corso di insegnamento:
Lezioni frontali.
Modalità di svolgimento dell'esame di profitto:
L'esame è costituito da una prova orale. Il colloquio è volto, in particolare, a verificare la conoscenza da parte dello studente degli argomenti del programma; il loro grado di comprensione e il livello di approfondimento; l'acquisizione di un linguaggio adeguato; la capacità di rielaborazione, anche in chiave critica.
Materiale didattico e bibliografia
Bibliografia:
G. Flora - P. Tonini, Diritto penale per operatori sociali, vol. I (tutto) e vol. II (primi sei capitoli), Milano, Giuffrè, 2013;
- in alternativa:
G. Neppi Modona - D. Petrini - L. Scomparin, Giustizia penale e servizi sociali, Laterza, 2009.
Sociologia giuridica della devianza e mutamento sociale
Programma
Programma del modulo:
- Introduzione alla sociologia giuridica
- Teorie sociologiche della marginalità e della devianza
- Metodologia della ricerca socio-giuridica.
Metodi didattici
Modalità di erogazione del corso di insegnamento:
Lezioni frontali e lezioni di carattere seminariale, in cui le principali questioni poste dalla materia saranno affrontate attraverso l'analisi di casi, di ricerche e della prassi tratti dal lavoro sociale.
Modalità di svolgimento dell'esame di profitto:
Prova orale sui seguenti testi:
- B. M. Bilotta (a cura di), Lineamenti di sociologia dei conflitti, Ed. CEDAM 2017 Cap. I da p. 1 a 62
Marco A. Quiroz Vitale, Gino Germani sociologo dei diritti e delle libertà, Mimesis Edizioni, 2015 da pp.95 a 170
Chito Guala, Metodi della ricerca sociale La storia, le tecniche, gli indicatori, Ristampa 4^, 2004.
Materiale didattico e bibliografia
Bibliografia:
B. M. Bilotta (a cura di), Lineamenti di sociologia dei conflitti, Ed. CEDAM 2017 Cap. I da p. 1 a 62
Marco A. Quiroz Vitale, Gino Germani sociologo dei diritti e delle libertà, Mimesis Edizioni, 2015 da pp.95 a 170
Chito Guala, Metodi della ricerca sociale La storia, le tecniche, gli indicatori, Ristampa: 4^, 2004.
Periodo
annuale
Modalità di valutazione
Esame
Giudizio di valutazione
voto verbalizzato in trentesimi
Docente/i
Ricevimento:
mercoledì dalle ore 13.00 alle ore 15.00
Sezione di Diritto civile
Ricevimento:
riceve nei giorni di lunedì martedì mercoledì dopo la lezione su appuntamento tramite e -mail all'indirizzo marco.quiroz@unimi.it
Ricevimento:
Giovedì ore 11.00 - 12.00, 14.30 - 15.30
Dipartimento "Cesare Beccaria" - Sezione di Scienze penalistiche