Laboratorio didattico nuove prospettive di tutela e di sviluppo della dignità umana

A.A. 2017/2018
Insegnamento per
3
Crediti
20
Ore totali
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Conoscenza e comprensione
Il corso intende approfondire, con un approccio giuridico e allo stesso tempo attento dalle dinamiche politico-istituzionali, la problematica della dignità umana, nell'ordinamento italiano e anche in prospettiva comparata, europea ed internazionale. L'obbiettivo è quello di rendere maneggevoli, per gli studenti, i principali testi ai quali ci si deve riferire in materia, nonché le più importanti tecniche decisorie adottate dai giudici. Innanzitutto, il riferimento sarà all'ordinamento italiano, alla Costituzione e alla giurisprudenza costituzionale. Particolare attenzione sarà dedicata anche all'ordinamento europeo, tanto per quanto riguarda l'Unione e la Carta dei diritti fondamentali, quanto in riferimento al Consiglio d'Europa e alla Convenzione Europea dei Diritti dell'Uomo, in entrambi i casi confrontandosi sia con i testi legislativi sia con la giurisprudenza delle Corti del Lussemburgo e di Strasburgo. Non si mancherà di prestare particolare attenzione all'ordinamento internazionale e ad alcuni Stati che, nel panorama comparatistico, costituiscono senza dubbio un punto di riferimento. Il Laboratorio intende pertanto comprendere alcuni tra i più rilevanti e attuali problemi della dignità umana, al fine di analizzare anche quelli che possono essere i più importanti sviluppi.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione
Il corso ha come obiettivo quello di rendere lo studente capace di applicare i principali concetti del costituzionalismo contemporaneo riguardanti la dignità umana a problemi, questioni e casi che, pur verificandosi in differenti contesti, necessitano di un inquadramento di fondo sempre più omogeneo.

Autonomia di giudizio
Il corso ha come obiettivo quello di rendere lo studente in grado di formare un'autonoma interpretazione, dal punto di vista giuridico, degli accadimenti politico-istituzionali e sociali in materia di dignità umana.

Abilità comunicative
Il corso si propone di rendere lo studente capace di illustrare, anche a interlocutori non specialisti, i principali concetti del costituzionalismo contemporaneo applicati al tema della dignità umana, con proprietà di linguaggio e chiarezza espositiva.

Capacità di apprendimento
Il corso ha come obiettivo quello di fornire allo studente conoscenze e capacità metodologiche relativamente al fenomeno della dignità umana, anche in prospettiva di ulteriori approfondimenti nel percorso di studio.
Edizione unica
Edizione attiva
Responsabile
Laboratori: 20 ore
Docente: Galliani Davide
STUDENTI FREQUENTANTI
Programma
La pena di morte e la dignità umana (D. Galliani, M. Pedrazzi, A. Marchesi); la situazione delle carceri e la dignità umana (D. Galliani, M. Palma, V. Alberta); la tortura, i trattamenti inumani e degradanti e la dignità umana (D. Galliani, E. Zamparutti, S. D'Elia); la Corte europea dei diritti dell'uomo e la dignità umana (D. Galliani, P. Pinto de Albuquerque); la Costituzione e la dignità umana (D. Galliani, A. Pugiotto); la dignità umana e le primavere arabe (D. Galliani, M. G. Losano); la dignità umana nella giurisprudenza italiana ed europea (D. Galliani, S. Pelicci).
Informazioni sul programma
I materiali didattici, ulteriori rispetto ai libri di testo, come ad esempio le slides, le sentenze, la normativa, saranno tutti consultabili nel sito ufficiale www.lifeimprisonment.eu. Sempre in questo sito, saranno caricare le audio-registrazioni tanto delle lezioni del corso quanto dei seminari specialistici di approfondimento.
Propedeuticità
Diritto pubblico e Diritti fondamentali, frequentati.
Prerequisiti e modalità di esame
L'esame consiste nell'approvazione della relazione finale, previo accertamento della presenza obbligatoria (almeno 80% delle lezioni).
Il superamento dell'esame da comporta l'ottenimento di 3 crediti per "ulteriori attività formative" (art. 10.5 lett. d, D.M. 270/2004).
Metodi didattici
Ogni lezione del laboratorio approfondirà, per ogni singola questione affrontata, dapprima gli aspetti riguardanti l'origine e la formulazione della normativa di riferimento alla dignità umana, per poi concentrarsi, da un lato, sugli sviluppi giurisprudenziali e, dall'altro, sulla concreta ed effettiva attuazione; alla fine del laboratorio, sarà chiesta la preparazione di una relazione individuale o di gruppo che potrà avere come oggetto una singola questione affrontata in una lezione o alcuni argomenti trasversalmente approfonditi. Ogni lezione sarà accompagnata da specifiche e puntuali slides e verrà audio-videoregistrata e carica nel sito ufficiale del laboratorio, www.lifemprisonment.eu
Materiale didattico e bibliografia
- Le slides e la documentazione preparata per ogni singola lezione del laboratorio
- le audio-video registrazioni delle lezioni
- per ulteriori approfondimenti, si vedano comuqnue D. Galliani, La più politica delle pene. La pena di morte, 2012 e P. Pinto, I diritti umani in una prospettiva europea, 2016.
STUDENTI NON FREQUENTANTI
Programma
La pena di morte e la dignità umana (D. Galliani, M. Pedrazzi, A. Marchesi); la situazione delle carceri e la dignità umana (D. Galliani, M. Palma, V. Alberta); la tortura, i trattamenti inumani e degradanti e la dignità umana (D. Galliani, E. Zamparutti, S. D'Elia); la Corte europea dei diritti dell'uomo e la dignità umana (D. Galliani, P. Pinto de Albuquerque); la Costituzione e la dignità umana (D. Galliani, A. Pugiotto); la dignità umana e le primavere arabe (D. Galliani, M. G. Losano); la dignità umana nella giurisprudenza italiana ed europea (D. Galliani, S. Pelicci).
Prerequisiti e modalità di esame
-
Materiale didattico e bibliografia
-
Periodo
Terzo trimestre
Periodo
Terzo trimestre
Docente/i
Ricevimento:
Giovedì dalle 10.30 alle 13.00 e su appuntamento concordato per e-mail
stanza 108, I piano, Via Conservatorio, 7 Milano (edificio via Passione)