Diritto delle banche e della borsa

A.A. 2018/2019
Insegnamento per
6
Crediti massimi
42
Ore totali
SSD
IUS/04
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Il corso si propone di approfondire diversi aspetti dell'ordinamento bancario italiano ed europeo. Dopo un'introduzione sullo sviluppo dell'ordinamento bancario, saranno approfonditi: (i) i poteri e le funzioni delle Autorità Creditizie e il funzionamento del meccanismo di vigilanza unico europeo; (ii) l'unificazione della politica monetaria europea e i poteri della Banca Centrale Europea, con particolare riferimento alle operazioni di acquisto del debito sovrano dei paesi membri; (iii) le nozioni giuridiche di attività bancaria, raccolta del risparmio tra il pubblico e attività creditizia, nonché le principali caratteristiche della moneta elettronica e dei servizi di pagamento; (iv) i requisiti per l'autorizzazione all'esercizio dell'attività bancaria e l'acquisto delle partecipazioni qualificate nelle banche; (v) la struttura della vigilanza sulle banche e la regolamentazione europea dei fondi propri delle Banche; (vi) i gruppi bancari, i conglomerati e gli intermediari finanziari; (vii) la crisi dell'attività bancaria; e (viii) alcuni aspetti afferenti al diritto dei contratti bancari. Durante il corso sarà promossa l'analisi di casi pratici, la discussione in aula e eventuali presentazioni degli studenti.
1) Conoscenza e capacità di comprensione. Lo studente deve dimostrare di avere acquisito una conoscenza approfondita degli istituti fondamentali dell'ordinamento bancario italiano, anche con riferimento al coordinamento e all'integrazione delle fonti interne e dell'Unione Europea; 2) Capacità applicative. Lo studente deve dimostrare di aver acquisito capacità di analisi idonea a selezionare, interpretare e applicare gli istituti oggetto del corso a fattispecie concrete ispirate a vicende e casi pratici; 3) Autonomia di giudizio. Lo studente deve dimostrare di aver compreso la portata e la funzione degli istituti oggetto del corso e di aver acquisito la capacità di trarre conclusioni in merito alle questioni sollevate in base ad analisi argomentate e giuridicamente sostenibili; 4) Abilità nella comunicazione. Lo studente deve dimostrare di saper esprimere le conoscenze acquisite con coerenza argomentativa, rigore sistematico e proprietà di linguaggio; 5) Capacità di apprendere. Lo studente deve dimostrare di aver sviluppato capacità di apprendimento idonee a proseguire gli studi con un elevato grado di autonomia.

Struttura insegnamento e programma

Edizione attiva
Responsabile
IUS/04 - DIRITTO COMMERCIALE - CFU: 6
Lezioni: 42 ore
Programma
1) le origini e lo sviluppo dell'ordinamento bancario italiano ed europeo;
2) le Autorità Creditizie: il Comitato Interministeriale per il Credito e il Risparmio, il Ministero dell'Economia e delle Finanze e la Banca d'Italia;
3) il meccanismo di vigilanza unico e i rapporti tra Banca d'Italia e Banca Centrale Europea;
4) l'unificazione delle politiche monetarie: la Banca Centrale Europea e il Sistema Europeo delle Banche Centrali;
5) l'attività bancaria: la raccolta del risparmio tra il pubblico e l'attività creditizia;
6) l'emissione di moneta elettronica e i servizi di pagamento;
7) l'autorizzazione all'esercizio dell'attività bancaria: requisiti e profili procedimentali;
8) le partecipazioni qualificate nelle Banche;
9) la vigilanza sull'esercizio dell'attività bancaria (informativa, ispettiva e regolamentare);
10) il recepimento comunitario della regolamentazione del Comitato di Basilea: (fondi propri e requisiti di adeguatezza patrimoniale, coefficienti di liquidità e di leva finanziaria, il procedimento di controllo prudenziale, l'informazione al pubblico e la governance delle società bancarie);
11) il gruppo bancario, la vigilanza consolidata e i conglomerati finanziari;
12) gli intermediari finanziari e gli altri soggetti operanti nel settore finanziario;
13) la crisi dell'impresa bancaria;
14) la trasparenza e le condizioni generali di contratto tra la banca e i propri clienti;
15) I contratti bancari in generale: il conto corrente di corrispondenza; il deposito bancario; l'apertura di credito; l'anticipazione bancaria e lo sconto bancario.
Propedeuticità
Come da regolamento didattico del corso di laurea; in particolare sono propedeutici Istituzioni di diritto privato, Diritto costituzionale. Il corso è indirizzato agli studenti che abbiano superato l'esame di Diritto
Commerciale
Prerequisiti e modalità di esame
La prova finale del profitto relativa all'insegnamento si svolge in forma orale e la valutazione è espressa con un voto in trentesimi, con eventuale lode. I criteri per la valutazione della prova orale tengono conto della correttezza dei contenuti, della chiarezza argomentativa e delle capacità di analisi critica e di rielaborazione
Materiale didattico e bibliografia
Per le materie di cui ai punti (1)-(13), R. Costi, L'ordinamento bancario, ultima edizione disponibile, Bologna, Il Mulino.
Per le materie di cui al punto (14): G. Cavalli - M. Callegari, Lezioni sui contratti bancari, ultima edizione disponibile, Bologna, Zanichelli.
All'inizio del corso potranno essere indicati testi alternativi in base all'eventuale pubblicazione di edizioni aggiornate
Periodo
Primo semestre
Periodo
Primo semestre
Modalità di valutazione
Esame
Giudizio di valutazione
voto verbalizzato in trentesimi
Docente/i
Ricevimento:
Giovedì 13:15. Eventuali variazioni di orario verranno pubblicate sul sito del Dipartimento alla pagina http://www.dpsd.unimi.it/ecm/home/didattica/didattica-nelle-sezioni/diritto-commerciale-e-industriale-e-analisi-di-politica-economica.
sezione di diritto commerciale