Diritto greco

A.A. 2018/2019
Insegnamento per
6
Crediti massimi
42
Ore totali
SSD
IUS/18
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Obiettivo fondamentale del corso di diritto greco è consentire allo studente di riflettere sugli elementi di continuità e discontinuità nelle strutture giuridiche del passato e del presente. A questo scopo, alcune lezioni saranno dedicate all'esame specifico di leggi, istituti e casi che permettano un confronto di questo tipo. Uno dei temi affrontati (anche con la collaborazione di esperti della materia), per esempio, sarà quello del rapporto tra vendetta e giustizia: un tema che assillava gli antichi e che è ancora oggi attualissimo; o, ancora, quello del rapporto conflittuale tra due ordini di "leggi", riflesso per esempio nell'Antigone di Sofocle. Ancora, si prenderanno in considerazioni posizioni antiche e moderne a proposito della funzione della pena.
1. La conoscenza dei fondamentali istituti del diritto greco, e in particolare del diritto attico, e la comprensione dei principali meccanismi storici, politici ed economici che ne determinarono l'evoluzione
2. La capacità di comprendere l'importanza storica e la persistenza attuale di alcuni fondamentali principi elaborati nella Grecia antica
3. La capacità di interpretare in modo autonomo le fonti e di sostenere tale interpretazione con argomentazioni probanti
4. La capacità di comunicare le conoscenze acquisite con linguaggio tecnico appropriato, utilizzando le fonti in modo rigoroso a sostegno delle proprie argomentazioni
5. La capacità di confronto tra specifici istituti antichi e moderni

Struttura insegnamento e programma

Edizione attiva
Responsabile
IUS/18 - DIRITTO ROMANO E DIRITTI DELL'ANTICHITA - CFU: 6
Lezioni: 42 ore
Docente: Pepe Laura
STUDENTI FREQUENTANTI
Programma
Il corso è dedicato all'esame dei tratti fondamentali e dei principali istituti del diritto greco, e in particolare del diritto ateniese; questi verranno costantemente confrontati con quelli di altri diritti antichi, primo tra tutti il diritto romano, e, laddove possibile, con gli istituti attuali.
Dopo un'introduzione sulle fonti di cognizione del diritto greco e sui problemi di interpretazione da esse posti, e dopo una necessaria puntualizzazione circa le significative implicazioni dell'assenza, in Grecia, di una classe di esperti del diritto (con un accenno al dibattito attuale circa la possibilità che in Grecia, e in particolare ad Atene, il processo garantisse effettivamente giustizia alle parti coinvolte), il corso si focalizzerà su alcuni argomenti specifici. In particolare, si studieranno dapprima le caratteristiche principali relative ai primordi dell'esperienza giuridica greca, e in particolare il cd. "diritto omerico".
Si tratterà quindi della nascita della legge, dei rapporti - nel IV secolo - tra leggi (nomoi) e decreti (psephismata), del concetto di "costituzione" e delle proposte di modifica alla costituzione posta; una parte del corso sarà anche dedicata al particolare ruolo della legge all'interno del processo attico, in un'indagine che riguarderà, più in generale, il sistema delle "prove" processuali.
Si analizzerà quindi il tema dei diritti delle persone, con particolare riferimento alla condizione dei cittadini e ai problemi connessi alla concessione della cittadinanza sulla base di un ius sanguinis molto rigoroso.
Si passerà infine all'analisi dei più significativi illeciti del diritto ateniese: particolare attenzione sarà dedicata a omicidio, seduzione (moicheia), violenza, crimini pubblici (tra questi in particolare l'empietà, con riferimento specifico al processo a Socrate).
Il corso, oltre che constare di lezioni frontali, incoraggia gli studenti a partecipare attivamente, con prove di oratoria giudiziaria e/o deliberativa che verranno preparate insieme al docente.
Il materiale per lo studio e il dossier di fonti - fonti che rappresenteranno il punto di partenza per l'analisi dei singoli argomenti - saranno di volta in volta messi a disposizione online; i passi in greco verranno forniti sempre in traduzione, in modo tale da rendere agevole la frequenza anche agli studenti che non conoscono il greco.
Propedeuticità
Come da regolamento didattico del corso di laurea; in particolare sono propedeutici Istituzioni di diritto privato, Diritto costituzionale.
Prerequisiti e modalità di esame
È prevista alla fine del corso, per i soli studenti frequentanti, una prova scritta, sui cui contenuti verranno date più ampie informazioni durante le lezioni frontali. Gli studenti non frequentanti sosterranno invece una prova orale.
Materiale didattico e bibliografia
Gli studenti frequentanti prepareranno l'esame sul materiale fornito dal docente.
STUDENTI NON FREQUENTANTI
Materiale didattico e bibliografia
Gli studenti non frequentanti prepareranno l'esame su: L. Pepe, Il diritto nell'antica Grecia. Dispense del corso di Diritto Greco per studenti non frequentanti, Milano, Cusl, 2016
M. Bonazzi, Processo a Socrate, Bari, Laterza, 2018
Periodo
Secondo semestre
Periodo
Secondo semestre
Modalità di valutazione
Esame
Giudizio di valutazione
voto verbalizzato in trentesimi
Siti didattici
Docente/i
Ricevimento:
Giovedì 9.30-10.30 previo appuntamento via mail.
Sezione di diritto romano