Letterature scandinave 2

A.A. 2018/2019
Insegnamento per
9
Crediti massimi
60
Ore totali
SSD
L-LIN/15
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Lo studente dovrà dimostrare di saper inquadrare le opere studiate all'interno del contesto storico-letterario. Dovrà dare prova di un'adeguata capacità di analisi tematica e strutturale dei testi letterari oggetto d'esame, anche con l'aiuto della bibliografia critica utilizzata a lezione e indicata nel programma.

Struttura insegnamento e programma

Edizione attiva
Moduli o unità didattiche
Unita' didattica A
L-LIN/15 - LINGUE E LETTERATURE NORDICHE - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unita' didattica B
L-LIN/15 - LINGUE E LETTERATURE NORDICHE - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unita' didattica C
L-LIN/15 - LINGUE E LETTERATURE NORDICHE - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Informazioni sul programma
Argomento del corso : Le letterature scandinave in città e in provincia (60 ore / 9 cfu)

Unità didattica A (20 ore, 3 cfu): Città
Unità didattica B (20 ore, 3 cfu): Provincia
Unità didattica C (20 ore, 3 cfu): Istituzioni di storia delle letterature scandinave del Novecento

Il corso è rivolto agli studenti del II anno del corso di laurea triennale in Lingue e Letterature Straniere con Lingue Scandinave come lingua di specializzazione (unità A+B+C; 9 cfu). Gli studenti del vecchio ordinamento che sostengono l'esame di Letterature Scandinave II per 6 cfu sono pregati di mettersi in contatto con la docente per concordare la scelta delle unità.
Il programma del corso 2018/19 è valido fino agli appelli di settembre/ottobre 2020 compresi.

Lingua in cui è impartito l'insegnamento
Italiano

Presentazione del corso
"[D]et er det forbandede ved de smaa Forholde, at de gjør Sjælene smaa", scrisse Ibsen nel 1867 in una lettera da Sorrento, riferendosi all'atmosfera soffocante respirata nella provincia norvegese. Tuttavia, l'immagine della provincia come sinonimo di arretratezza e bigotteria e, dall'altra parte, l'idea della città come culla di cultura, modernità e mondanità sono solo una faccia della dualità città/campagna che la letteratura ci trasmette. Il contrasto si esprime anche come un conflitto tra lo scenario urbano corrotto, degradato, artificiale, fonte di alienazione e superficialità, e una provincia che pare rappresentare una forma di vita più vera, salubre, naturale e autentica. Attraverso la lettura e l'analisi di alcuni esempi di stadsskildringar / byromaner, ambientati nelle capitali scandinave, e racconti dedicati alle piccole realtà periferiche di una provincia nordica immaginata dagli scrittori, si rifletterà, nelle unità A e B, sulla rappresentazione letteraria dello spazio urbano, sui punti d'incontro - ma anche sul conflitto costante e stereotipato - tra città e provincia. L'unità C presenterà la storia delle letterature scandinave del Novecento, anche attraverso l'analisi e l'approfondimento critico di poesie, novelle e romanzi.

Prerequisiti
Per sostenere l'esame è necessario aver superato l'esame di Letterature scandinave 1 e di Lingue scandinave 1.

Risultati di apprendimento
Conoscenze e competenze: Il corso vuole fornire agli studenti una conoscenza delle capitali scandinave nella storia e nella letteratura. Mira altresì a esplorare il ruolo della grande città e l'ambiente provinciale nelle letterature scandinave e a sviluppare una riflessione critica sull'impronta - tematica e formale - che questi spazi hanno lasciato nei testi di fine Ottocento e del primo Novecento. Qual è il ruolo svolto dallo scenario urbano, grande e piccolo, all'interno della narrazione? Come si articola l'impatto della città moderna sulla sensibilità artistica degli scrittori?

Indicazioni bibliografiche
Il programma dettagliato con la bibliografia critica del corso sarà indicato dalla docente durante le prime lezioni e messo a disposizione sul sito Ariel. Qui sotto si indica la letteratura primaria. Gli studenti del II anno potranno scegliere se leggere la letteratura primaria in lingua scandinava oppure in traduzione italiana. Qualunque edizione, purché integrale, va bene. L'apparato critico-didattico (introduzioni, prefazioni, postfazioni, note ecc.), se presente, è da considerare parte integrante della lettura del testo.

Programma d'esame per studenti frequentanti

Unità didattica A: Sult (1890; Fame) di K. Hamsun, Ludvigsbakke (1896; Ludvigsbakke) di H. Bang, Ensam (1903; Solo) di A. Strindberg
Unità didattica B: Irene Holm (1890; Irene Holm) di H. Bang, Markurells i Wadköping (1919; I Markurell) di Hj. Bergman, Kranes konditori (1945; Caffè Krane) di C. Sandel
Unità didattica C: In ARIEL gli studenti troveranno un'antologia di poesie e testi in prosa, che sarà utilizzata a lezione già a partire dal primo incontro e una dispensa a cura del Prof. Massimo Ciaravolo sulla storia letteraria scandinava del Novecento. Inoltre, lo studente dovrà dimostrare di saper analizzare criticamente due delle seguenti tre opere, che verranno discusse a lezione: Pär Lagerkvist, Il nano, Milano, Iperborea, 1991 [1944]; Karen Blixen, Il pranzo di Babette, preferibilmente ed. trilingue Einaudi, 1997 [1950]; Tarjei Vesaas, Gli uccelli, Milano, Iperborea, 1990 [1957].

Programma d'esame per studenti non frequentanti
Le letture integrative richieste agli studenti non frequentanti saranno indicate nel programma definitivo pubblicato sul sito Ariel.

Avvertenza
La versione definitiva del programma sarà reperibile alla pagina web del corso, sul portale on line per la didattica Ariel (http://ariel.unimi.it). Tutti gli studenti sono tenuti a consultarla prima di presentarsi all'esame.
Gli studenti internazionali o Erasmus incoming sono invitati a prendere tempestivamente contatto col docente titolare del corso.
Le modalità d'esame per studenti con disabilità e/o con DSA dovranno essere concordate col docente, in accordo con l'Ufficio competente.

26/07/2018
Prerequisiti e modalità di esame
Gli studenti dovranno dimostrare di conoscere approfonditamente i contenuti delle lezioni, di saper inquadrare le opere studiate all'interno del contesto storico-letterario e di saperne analizzare le componenti strutturali anche con l'aiuto della bibliografia critica indicata. Lo studente del II anno potrà scegliere liberamente se sostenere il colloquio d'esame in italiano o nella lingua scandinava studiata.
Periodo
Primo semestre
Periodo
Primo semestre
Modalità di valutazione
Esame
Giudizio di valutazione
voto verbalizzato in trentesimi
Docente/i
Ricevimento:
In congedo per motivi scientifici nel 2019. Per informazioni: camilla.storskog@unimi.it
Piazza Sant'Alessandro 1, Germanistica