Istituzioni di diritto romano

A.A. 2018/2019
Insegnamento per
9
Crediti massimi
63
Ore totali
SSD
IUS/18
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Il corso si propone di formare i futuri operatori del diritto, dotandoli degli strumenti necessari per muoversi in autonomia e sicurezza nel ragionamento giuridico, quando si troveranno ad operare in concreto con norme giuridiche e regolamenti interni, oppure con ordinamenti stranieri e norme comunitarie, sempre diverse e variabili; ad apprendere il metodo per procedere all'esegesi delle norme da applicare in base alla loro ratio, spesso rintracciabile nelle radici storiche delle antiche regole, in particolar modo di quelle riconducibili allo sforzo interpretativo della giurisprudenza romana repubblicana e classica.
- Conoscenza e capacità di comprensione. Adeguata conoscenza di base della periodizzazione del diritto romano e dei relativi istituti privatistici nel loro divenire storico.
- Capacità applicative. Capacità di riconoscere i principi posti alla base dei diversi istituti romanistici e di applicarli, ove possibile, anche a contesti di diritto positivo.
- Autonomia di giudizio. Capacità di analizzare fattispecie concrete e di ipotizzare soluzioni.
- Abilità nella comunicazione. Padronanza degli strumenti logici e del linguaggio tecnico per imparare ad articolare autonomamente un ragionamento giuridico.
- Capacità di apprendere. Capacità di compiere collegamenti tra i diversi argomenti oggetto del corso.

Struttura insegnamento e programma

Edizione attiva
No
IUS/18 - DIRITTO ROMANO E DIRITTI DELL'ANTICHITA - CFU: 9
Lezioni: 63 ore
Periodo
Primo semestre
Modalità di valutazione
Esame
Giudizio di valutazione
voto verbalizzato in trentesimi