Istituzioni di diritto internazionale e istituzioni di diritto dell'unione europea

A.A. 2018/2019
Insegnamento per
12
Crediti massimi
84
Ore totali
SSD
IUS/13 IUS/14
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
-Conoscenza e capacità di comprensione delle tematiche oggetto del programma. Lo studente deve dimostrare di avere acquisito una adeguata conoscenza e comprensione del diritto internazionale e del processo di integrazione europea e delle norme e dei principi che regolano i rapporti tra diritto internazionale e diritto dell'UE, da un lato, e diritto interno, dall'altro.
-Capacità di rielaborazione dei principi e delle norme giuridiche. Lo studente deve dimostrare di sapere applicare le nozioni di diritto apprese a casi concreti, attraverso lo studio di documenti ufficiali delle principali organizzazioni internazionali e dell'UE e, in particolare, della giurisprudenza internazionale, della Corte di giustizia dell'Unione europea e nazionale.
-Autonomia di giudizio. Lo studente deve dimostrare di sapere assumere posizioni argomentate e giuridicamente sostenibili con riferimento alle tematiche oggetto del corso.
-Padronanza della terminologia giuridica. Lo studente deve dimostrare di saper esprimere le conoscenze del diritto internazionale e del diritto dell'Unione europea acquisite con coerenza argomentativa e proprietà di linguaggio.
-Capacità di apprendimento. Lo studente deve dimostrare di avere acquisito gli strumenti di base per l'aggiornamento delle proprie conoscenze del diritto internazionale e del diritto dell'Unione europea, applicando, anche nel contesto nazionale, il quadro normativo e giurisprudenziale di riferimento.

Struttura insegnamento e programma

Edizione attiva
Responsabile
Moduli o unità didattiche
Istituzioni di diritto dell'Unione Europea
IUS/14 - DIRITTO DELL'UNIONE EUROPEA - CFU: 6
Lezioni: 42 ore
Docente: Sanna Cecilia

Istituzioni di diritto internazionale
IUS/13 - DIRITTO INTERNAZIONALE - CFU: 6
Lezioni: 42 ore

Informazioni sul programma
L'insegnamento fornisce il quadro d'insieme delle norme espresse dalla vita giuridica internazionale, comprensive sia di quelle che disciplinano i rapporti di vertice tra Stati e i rapporti tra privati di carattere internazionale (diritto internazionale), sia di quelle riguardanti la struttura istituzionale dell'Unione europea (diritto dell'Unione europea).
Il corso si articola in due moduli (ciascuno da n. 6 crediti).
Il modulo di diritto internazionale, che si svolge nel primo semestre, comprende lo studio delle fonti e dei soggetti dell'ordinamento internazionale, dell'illecito e della responsabilità, dell'autotutela individuale e collettiva, dei mezzi di soluzione delle controversie, delle norme e degli strumenti destinati a incidere sugli ordinamenti interni degli Stati, delle varie forme di adattamento di questi ultimi al diritto internazionale, del diritto internazionale privato (con particolare riferimento alla giurisdizione e al riconoscimento delle sentenze straniere).
Il modulo di diritto dell'Unione europea, che si svolge nel secondo semestre, comprende lo studio dell'evoluzione dell'ordinamento dell'Unione, dei principi di attribuzione, di sussidiarietà e proporzionalità, delle competenze dell'Unione, delle istituzioni, organi e organismi (in particolare, Parlamento europeo, Consiglio europeo, Consiglio, Commissione europea e Banca centrale europea), della Corte di giustizia dell'Unione europea e del sistema di tutela giurisdizionale, degli atti dell'Unione, del rapporto tra il diritto dell'Unione europea e il diritto interno.
Propedeuticità
Diritto costituzionale, Istituzioni di diritto privato
Prerequisiti e modalità di esame
Per ciascun modulo l'esame si svolge in forma orale. Il voto complessivo è dato dalla media dei voti conseguiti nei due moduli.
Metodi didattici
Durante il corso, che si compone di lezioni frontali, verrà comunque dato spazio a brevi relazioni di approfondimento con la partecipazione degli studenti su temi specifici, attraverso l'esame di casi giurisprudenziali. Le indicazioni verranno fornite a lezione e sul sito ARIEL.
Istituzioni di diritto internazionale
Programma
A) Caratteri e struttura della società internazionale e del suo diritto
B) Soggetti
- Soggettività giuridica internazionale degli Stati
- Organizzazioni internazionali
- Organizzazione delle Nazioni Unite
- Personalità giuridica internazionale dell'individuo
C) Divieto di uso della forza e sistema di sicurezza collettivo delle Nazioni Unite
D) Fonti del diritto internazionale
a) Diritto internazionale generale. Consuetudine. Codificazione del diritto internazionale generale. Principi generali
b) Diritto internazionale particolare: trattati. Convenzione di Vienna del 1969. Formazione dei trattati. Riserve. Interpretazione dei trattati. Cause di invalidità e di estinzione dei trattati
E) Jurisdiction e regole sulla immunità
- Immunità degli Stati
- Immunità degli organi dello Stato: immunità funzionale; immunità personale
- Immunità e crimini internazionali
F) Adattamento al diritto internazionale
- Procedimento ordinario e procedimento speciale
- Adattamento al diritto internazionale generale
- Adattamento ai trattati
G) Illecito internazionale e responsabilità
- elemento soggettivo e elemento oggettivo
- contenuto della responsabilità internazionale: cessazione dell'illecito e riparazione
- contromisure
H) Controversie internazionali e mezzi di risoluzione
- nozione di controversia internazionale
- mezzi diplomatici e non diplomatici di risoluzione
- arbitrato e giurisdizione internazionale
- Corte internazionale di giustizia
I) Diritto internazionale privato: introduzione e fonti
J) Giurisdizione ai sensi del regolamento n. 1215/2012
- Regolamento n. 1215/2012: ambito di applicazione; fori alternativi; fori imperativi; fori esclusivi; proroga di giurisdizione.
- Verifica della competenza da parte del giudice; coordinamento della giurisdizione tra giudici di Stati membri diversi: litispendenza e connessione.
K) Riconoscimento ed esecuzione delle sentenze straniere ai sensi del regolamento n. 1215/2012.
L) Giurisdizione e riconoscimento delle sentenze ai sensi della legge n. 218/1995
- Carattere residuale
- Disposizioni della legge n. 218/1995 in tema di giurisdizione
- Disposizioni della legge n. 218/1995 in tema di riconoscimento delle sentenze
Materiale didattico e bibliografia
1.1. Materiali didattici per il modulo di diritto internazionale
1. Per il diritto internazionale pubblico: Carbone - Luzzatto - Santa Maria (et al.), Istituzioni di diritto internazionale, 5a ed., Torino, Giappichelli, 2016, ad eccezione delle seguenti parti: Capitolo I, parr. 5.2-6.2, 10.1-10.4; Capitolo III, parr. 5.3, 10.1, 10.2; Capitolo V, parr. 5.1-6.1; Capitolo VI, parr. 5.7-6.3; Capitolo VIII, parr. 3.3, 3.9-3.11, 4.2, 8.2, 10.1; Capitolo IX, parr. 4.4-7.1; Capitoli X-XIII, da escludere integralmente.
2. Mosconi - Campiglio, Diritto internazionale privato e processuale. Vol. I. Parte generale e obbligazioni, 7ª ed., Torino, Utet, 2015, ad eccezione delle seguenti parti: Capitolo I, parr. 14-17; Capitolo II, parr. 10, 20-22; Capitolo V, parr. 13, 15, 16; Capitoli III-IV e VI-VII da escludere integralmente.
3. Per i dati normativi si raccomanda di consultare le seguenti raccolte:
- per il diritto internazionale pubblico, Luzzatto - Pocar, Codice di diritto internazionale pubblico, 7a ed., Torino, Giappichelli, 2016; o, in alternativa, i materiali pubblicati sul sito Ariel nella sezione Contenuti / Materiali didattici / Diritto internazionale pubblico;
- per il diritto internazionale privato, i materiali pubblicati sul sito Ariel nella sezione Contenuti / Materiali didattici / Diritto internazionale privato.

Programma dell'integrazione in caso di successiva iscrizione al corso di laurea magistrale in Giurisprudenza nell'Università degli Studi di Milano
- Per ottenere il riconoscimento dell'esame come Diritto internazionale - corso base della laurea magistrale (LMG/01 Giurisprudenza: 9 CFU), lo studente dovrà sostenere una prova integrativa con il docente della cattedra determinata secondo le lettere del proprio cognome (A-D, E-N, O-Z), avente ad oggetto le parti del programma di quel docente relative al diritto internazionale privato e processuale.
L'integrazione non è necessaria nel caso in cui lo studente abbia sostenuto, in aggiunta al corso di Istituzioni di diritto internazionale e istituzioni di diritto dell'Unione europea, anche il corso di Diritto internazionale dei contratti e dell'impresa. In quest'ultimo caso lo studente potrà sostenere una prova integrativa da 3 CFU o 6 CFU per ottenere il riconoscimento come Diritto internazionale privato e processuale (rispettivamente 6 CFU o 9 CFU). La prova integrativa da 3 crediti avrà ad oggetto le parti del programma del corso di diritto internazionale privato e processuale dedicate a famiglia e successioni. L'integrazione da 6 CFU avrà ad oggetto, oltre a quanto precede, anche una parte dedicata all'arbitrato commerciale internazionale, su testi da concordare con i docenti.
Istituzioni di diritto dell'Unione Europea
Programma
A) Origini dell'Unione europea e processo d'integrazione
- Origini e tappe del processo d'integrazione, metodo utilizzato per l'integrazione, allargamento
- Revisione, adesione, recesso
- L'integrazione differenziata
- Cooperazione rafforzata
- Tutela dei diritti fondamentali nell'UE
- I valori fondanti dell'UE e il loro rispetto
B) Competenze
- Principio di attribuzione
- Classificazione delle competenze
- Clausola abilitante (art. 352)
- I principi di sussidiarietà e proporzionalità
- Il principio di leale collaborazione
C) Istituzioni
- Istituzioni, organi, organismi
- Parlamento europeo
- Consiglio europeo
- Consiglio
- Commissione
D) Procedimenti interistituzionali
- Procedura di bilancio
- Procedure legislative (ordinaria e speciale)
- Procedure non legislative (consultazione e approvazione)
- Atti delegati, atti di esecuzione
- Conclusione di accordi internazionali e la competenza dell'UE: accordi internazionali conclusi dall'UE, conclusi tra SM, conclusi tra SM e Stati terzi, poteri impliciti
- Accordi misti, accordi di associazione
- Art. 218 TFUE
E) Fonti
- Diritto primario
- Trattati, caratteristiche, effetto diretto
- Principi generali del diritto UE
- Accordi internazionali dell'UE
- Diritto internazionale consuetudinario
- Diritto derivato (atti legislativi, atti non legislativi, obbligo di motivazione, base giuridica)
- Regolamenti
- Direttive
- Diretta applicabilità/effetto diretto
- Pareri, raccomandazioni, atti atipici
- Interpretazione conforme

F) Rapporto fra ordinamento UE e ordinamenti nazionali, in particolare quello italiano
- Primato, controlimiti
- Legge n. 234/2012, legge europea, legge di delegazione europea, ruolo delle regioni nell'attuazione del diritto UE
G) Sistema giurisdizionale
- Corte di giustizia dell'UE (Corte di giustizia, Tribunale e Tribunali specializzati, rapporto tra le formazioni giudicanti e riparto di competenze)
- Rinvio pregiudiziale
- Procedura d'infrazione
- Ricorso per annullamento
- Eccezione d'invalidità
- Azione in carenza
- Responsabilità extracontrattuale dell'UE
Materiale didattico e bibliografia
U. Villani, Istituzioni di Diritto dell'Unione europea, 4ª ed., Bari, Cacucci, 2017;
oppure, in alternativa,
L. Daniele, Diritto dell'Unione europea, 6ª ed., Milano, Giuffrè, 2018

Inoltre, quale che sia il testo scelto, B. Nascimbene, Unione europea - Trattati, 3 ª ed., Torino, Giappichelli, 2016.

Per ogni riferimento alla giurisprudenza comunitaria e nazionale, si rinvia a B. Nascimbene, M. Condinanzi (a cura di), Giurisprudenza di diritto comunitario. Casi scelti, Milano, 2017, www.eurojus.it.


Programma dell'integrazione in caso di successiva iscrizione al corso di laurea magistrale in Giurisprudenza nell'Università degli Studi di Milano
- Per ottenere il riconoscimento dell'esame come Diritto dell'Unione europea - corso base della laurea magistrale (LMG/01 Giurisprudenza: 9 CFU), lo studente dovrà sostenere una prova integrativa con il docente della cattedra determinata secondo le lettere A-D, E-N, O-Z avente ad oggetto le parti del programma relative al diritto dell'Unione europea parte speciale, come descritto nella guida dello studente.
Periodo
Secondo semestre
Periodo
Secondo semestre
Modalità di valutazione
Esame
Giudizio di valutazione
voto verbalizzato in trentesimi
Docente/i
Ricevimento:
Martedì ore 12.00
Sezione di Diritto Internazionale e dell'Unione europea (ex Istituto di Diritto Internazionale), piano terra
Ricevimento:
contattare il docente all'indirizzo di posta elettronica
Sezione di diritto internazionale e dell'Unione europea