Diritto internazionale dell'economia

A.A. 2018/2019
Insegnamento per
6
Crediti massimi
42
Ore totali
SSD
IUS/13
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
-Conoscenza e capacità di comprensione. Lo studente deve dimostrare di avere acquisito una conoscenza di base del fenomeno del diritto internazionale dell'economia e delle principali organizzazioni economiche internazionali.
-Capacità applicative. Lo studente deve dimostrare di sapere applicare le nozioni apprese a contesti concreti e casi specifici concernenti il diritto internazionale dell'economia
-Autonomia di giudizio. Lo studente deve dimostrare di sapere assumere posizioni argomentate e giuridicamente sostenibili con riferimento alle tematiche oggetto del corso.
-Abilità nella comunicazione. Lo studente deve dimostrare di saper esprimere le nozioni acquisite con coerenza argomentativa, rigore sistematico e proprietà di linguaggio.
-Capacità di apprendere. Lo studente deve dimostrare di sapere ricostruire i profili storici ed evolutivi del diritto internazionale dell'economia, applicando, ove necessario, il quadro normativo di riferimento.

Struttura insegnamento e programma

Edizione attiva
Responsabile
IUS/13 - DIRITTO INTERNAZIONALE - CFU: 6
Lezioni: 42 ore
Docente: Peroni Giulio
STUDENTI FREQUENTANTI
Programma
Più specificamente, il corso prevederà lo svolgimento e l'approfondimento a lezione dei seguenti argomenti:

1. I soggetti del diritto internazionale dell'economia.
2. Le Agenzie di rating quali nuovi centri del potere economico e finanziario globale
3. Le fonti del diritto internazionale dell'economia ed evoluzione dell'ordine economico internazionale.
4. I vertici economici (G7-G8- G20). Loro struttura organizzativa e relativo processo decisionale.
5. Il Fondo monetario internazionale (FMI): obiettivi e struttura. Le risorse finanziarie del Fondo. La funzione di assistenza finanziaria e sua evoluzione rispetto alla crisi economica e finanziaria. Le prospettive di riforma del Fondo: la revisione del sistema di calcolo e di allocazione delle quote. La risposta del FMI alla crisi in atto: limiti e rimedi.
6. Il Gruppo della Banca Mondiale (BM): origini e obiettivi. Struttura. Analisi dell'attività di prestito. Le risorse finanziarie. Il panel d'ispezione della Banca mondiale. La risposta della Banca Mondiale alla crisi in atto: limiti e rimedi della relativa azione.
7. L'Ocse e la Banca dei regolamenti internazionali.
8. Problemi di coordinamento e sovrapposizione tra le diverse Organizzazioni internazionali economiche e i rapporti con il sistema commerciale multilaterale GATT/WTO.
9 L'Unione economica e monetaria (UEM) e la crisi dell'Euro. Il Semestre europeo, il Patto Europlus, il cd. Six pack, il Meccanismo europeo di stabilità (Mes), l'Accordo sul Fiscal compact, il cd. Two Pack.
10. La Banca centrale europea (BCE) e il programma di intervento a salvaguardia del mercato finanziario europeo e l'azione della cosiddetta "troika"economica.
11. Verso l'Unione bancaria europea.
12. Verso una nuova definizione di sovranità economica e monetaria..
13. La tutela dei diritti umani a carattere economico e sociale alla prova dell'attuale crisi economica e del neo liberalismo finanziario.
Informazioni sul programma
Il corso intende offrire allo studente un quadro esaustivo dei principi e delle norme che sono alla base del diritto internazionale dell'economia, sistema di regole quest'ultimo, deputato a disciplinare la politica economica internazionale. Si intende, dunque, comprendere, sotto il profilo giuridico, l'evoluzione delle relazioni internazionali tra Stati ed enti sovranazionali alla luce dei più recenti fenomeni di turbolenza economico e finanziaria, tali da destabilizzare il corrente ordine economico internazionale, fondato sulla globalizzazione dei mercati. L'insegnamento affiancherà all'analisi dei testi normativi e degli atti giuridici di maggiore rilievo assunti dalle organizzazioni internazionali più coinvolte nel tema in esame (v. Fondo Monetario Internazionale, Banca Mondiale, OCSE, UE) l'analisi delle decisioni giurisprudenziali e delle prassi più significative intervenute, in particolare, a partire dal 2008, anno di inizio dell'attuale Crisi economico e finanziaria.
Propedeuticità
Come da Regolamento didattico del corso di laurea
Prerequisiti e modalità di esame
L'esame si svolgerà per gli studenti frequentati in forma orale oppure mediante la discussione -presentazione di un lavoro di ricerca su uno specifico tema discusso e approfondito a lezione.
Materiale didattico e bibliografia
Per la preparazione dell'esame, si suggerisce lo studio dei testi di seguito indicati. Si precisa, che ulteriori e diverse soluzioni bibliografiche, che consentano l'utilizzo della piattaforma Ariel, a supporto della preparazione dell'esame finale saranno indicate a lezione con particolare riguardo per gli studenti frequentanti.

a) ELENA SCISO, Appunti di diritto internazionale dell'economia, Giappichelli, Torino, 2017;
b) GIULIO PERONI, La Crisi dell'Euro: limiti e rimedi dell'Unione economica e monetaria, Milano, Giuffrè editore, 2012, pp. VIII-210.
STUDENTI NON FREQUENTANTI
Prerequisiti e modalità di esame
L'esame si svolgerà per gli studenti non frequentati in forma orale sull'intero contenuto del programma.
Periodo
Primo semestre
Periodo
Primo semestre
Modalità di valutazione
Esame
Giudizio di valutazione
voto verbalizzato in trentesimi
Docente/i
Ricevimento:
Martedi 10-09 ore 12.30-13.30; Mercoledi 18/09 ore 11.30-12.30; Giovedi 26-09 ore 15.30-16.30
Dipartimento di Diritto Pubblico Italiano e Sovranazionale - Sezione di diritto internazionale