Corso integrativo: "elementi di logica"

A.A. 2018/2019
Insegnamento per
3
Crediti massimi
21
Ore totali
SSD
IUS/20
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
A - Capacità di rispondere correttamente a test di logica del tipo somministrato dall'Università degli Studi di Milano a fini di autovalutazione relativamente all'iscrizione al corso di laurea in Giurisprudenza.

B - Capacità di riconoscere "distrattori", "scorciatoie", ecc. per risolvere test di questo tipo ed eventualmente anche test non logici (p.e., TOEFL) quando tali capacità possano rivelarsi utili.

C - Capacità di valutare criticamente tali test anche attraverso l'acquisizione di capacità di ingegneria inversa (si veda il programma)

D - Capacità di parlare di questi test adottando una terminologia appropriata (p.e.,"distrattore")

E - Capacità di apprendere a risolvere anche test diversi da quelli somministrati dall'Università degli Studi di Milano (GRE, GMAT, test somministrati a fini di assunzione pubblica o private)
- una comprensione adeguata delle competenze logiche di base e la conoscenza delle nozioni e degli elementi fondamentali delle logiche standard (quali connettivi logici, contraddizione, implicazione logica, probabilità, etc.);
- la capacità di applicare le nozioni delle logiche standard a situazioni e tematiche giuridiche;
- la capacità di analizzare logicamente i discorsi e i ragionamenti giuridici e di identificare eventuali fallacie o errori di ragionamento;
- la capacità di comunicare e spiegare problemi logici, nonché le relative soluzioni, a interlocutori specialisti e non specialisti;
- lo sviluppo di competenze e abilità adeguate e indispensabili per comprendere e valutare la correttezza logica e la forza argomentativa dei ragionamenti giuridici.

Struttura insegnamento e programma

1
Edizione attiva
Responsabile
IUS/20 - FILOSOFIA DEL DIRITTO - CFU: 3
Lezioni: 21 ore
STUDENTI FREQUENTANTI
Programma
1. Impostare correttamente equazioni di primo grado (o sistemi di equazioni, sempre di primo grado) al fine di rispondere ai quesiti formulati; nonché illustrare scorcia-toie - se disponibili - che evitino tutto ciò.
2. Impostare correttamente problemi che comportino il calcolo delle probabilità; nonché - se disponibili - illustrare possibili scorciatoie.
3. Impostare correttamente problemi che comportino percentuali, nonché aumenti o diminuzioni percentuali.
4. Elementi di insiemistica strettamente necessari alla risoluzione di quesiti logici.
5. Lettura di istogrammi e altri dati presentati graficamente.
6. Medie, mode e mediane.
7. Serie aritmetiche e geometriche (nonché serie miste).
8. Serie "alfanumeriche".
9. Ripasso dei principali tipi di numeri (naturali, frazionari, primi, irrazionali, ecc.).
10. Elementi di logica proposizionale strettamente necessari alla risoluzione di quesiti logici.
11. Risoluzione di problemi tramite modelli.
12. Estrazione di regole, regolarità e "patterns" da dati.
Informazioni sul programma
Oggetto del corso è insegnare una serie di tecniche finalizzate a rispondere correttamente ai quesiti di logica che sono stati somministrati, a fini di autovalutazione, agli studenti che aspirano a iscriversi a Giurisprudenza. Fra l'altro, agli studenti verrà insegnato a ri-conoscere "distrattori" (cioè, informazioni inutili contenute nel quesito finalizzate a diso-rientare l'esaminando), a utilizzare il limitato numero di risposte possibili (trattandosi di quesiti a risposte multiple) al fine di riformulare il quesito loro sottoposto, ridurre il nu-mero di risposte plausibili (eventualmente anche ad una) e, quando necessario, ridurre al minimo i calcoli aritmetici o logici da svolgersi, a effettuare ingegneria inversa ("reverse engineering") dei quesiti somministrati in modo da divenire essi stessi capaci di produrre test analoghi, nonché a prestare attenzione a dettagli (quale la punteggiatura) cruciali al fini della individuazione delle risposte esatta. Queste competenze si riveleranno utili per quegli studenti che in futuro si troveranno a dover affrontare simili test, sia a livello in-ternazionale (GMAT, GRE, ma anche test linguistici come il TOEFL), sia a livello na-zionale nelle selezioni per assunzioni pubbliche e private. Infine, una parte del corso sarà dedicata all'illustrazione di come alcune delle tecniche insegnate possano rivelarsi utili anche nell'attività del giurista positivo.
Propedeuticità
Il corso si rivolge esclusivamente a coloro che non abbiano superato la parte di logica del test di autovalutazione per l'iscrizione al corso di laurea in Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Milano.
Prerequisiti e modalità di esame
Esame orale.
N.B. Il mancato superamento dell'esame comporta l'impossibilità di sostenere gli esami finali di Diritto privato e di Diritto costituzionale. Il superamento dell'esame di Elementi di logica, per contro, comporta l'immediato sblocco della possibilità di iscriversi alle prove finali di tali corsi.
Sono dispensati da Elementi di logica coloro che, pur essendo risultati insufficienti nel test di logica, abbiano superato le prove intermedie di Diritto privato e di Diritto costitu-zionale.
Materiale didattico e bibliografia
Studenti frequentanti: Materiali forniti dai docenti durante le lezioni
STUDENTI NON FREQUENTANTI
Materiale didattico e bibliografia
Studenti non-frequentanti: Armando Massarenti e Paolo Legrenzi, La buona logica. Mi-lano: Cortina
Periodo
Secondo semestre
2
Edizione attiva
Responsabile
IUS/20 - FILOSOFIA DEL DIRITTO - CFU: 3
Lezioni: 21 ore
Docente: Zorzetto Silvia
STUDENTI FREQUENTANTI
Programma
1. Impostare correttamente equazioni di primo grado (o sistemi di equazioni, sempre di primo grado) al fine di rispondere ai quesiti formulati; nonché illustrare scorcia-toie - se disponibili - che evitino tutto ciò.
2. Impostare correttamente problemi che comportino il calcolo delle probabilità; nonché - se disponibili - illustrare possibili scorciatoie.
3. Impostare correttamente problemi che comportino percentuali, nonché aumenti o diminuzioni percentuali.
4. Elementi di insiemistica strettamente necessari alla risoluzione di quesiti logici.
5. Lettura di istogrammi e altri dati presentati graficamente.
6. Medie, mode e mediane.
7. Serie aritmetiche e geometriche (nonché serie miste).
8. Serie "alfanumeriche".
9. Ripasso dei principali tipi di numeri (naturali, frazionari, primi, irrazionali, ecc.).
10. Elementi di logica proposizionale strettamente necessari alla risoluzione di quesiti logici.
11. Risoluzione di problemi tramite modelli.
12. Estrazione di regole, regolarità e "patterns" da dati.
Informazioni sul programma
Oggetto del corso è insegnare una serie di tecniche finalizzate a rispondere correttamente ai quesiti di logica che sono stati somministrati, a fini di autovalutazione, agli studenti che aspirano a iscriversi a Giurisprudenza. Fra l'altro, agli studenti verrà insegnato a ri-conoscere "distrattori" (cioè, informazioni inutili contenute nel quesito finalizzate a diso-rientare l'esaminando), a utilizzare il limitato numero di risposte possibili (trattandosi di quesiti a risposte multiple) al fine di riformulare il quesito loro sottoposto, ridurre il nu-mero di risposte plausibili (eventualmente anche ad una) e, quando necessario, ridurre al minimo i calcoli aritmetici o logici da svolgersi, a effettuare ingegneria inversa ("reverse engineering") dei quesiti somministrati in modo da divenire essi stessi capaci di produrre test analoghi, nonché a prestare attenzione a dettagli (quale la punteggiatura) cruciali al fini della individuazione delle risposte esatta. Queste competenze si riveleranno utili per quegli studenti che in futuro si troveranno a dover affrontare simili test, sia a livello in-ternazionale (GMAT, GRE, ma anche test linguistici come il TOEFL), sia a livello na-zionale nelle selezioni per assunzioni pubbliche e private. Infine, una parte del corso sarà dedicata all'illustrazione di come alcune delle tecniche insegnate possano rivelarsi utili anche nell'attività del giurista positivo.

Cambi di corso: Dal momento che la frequentazione del corso è fortemente raccoman-data, i tre docenti individueranno orari differenziati al fine di aumentare la probabilità che ciascuno studente possa seguire almeno uno dei tre corsi offerti. Gli studenti verran-no assegnati a un docente entro il 1° marzo con email inviata all'indirizzo di posta elet-tronica loro attribuito dall'Università degli Studi di Milano. Per cambiare docente lo stu-dente dovrà contattare immediatamente il docente cui è stato assegnato entro la prima le-zione del corso.
Propedeuticità
Il corso si rivolge esclusivamente a coloro che non abbiano superato la parte di logica del test di autovalutazione per l'iscrizione al corso di laurea in Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Milano.
Prerequisiti e modalità di esame
Esame orale.
N.B. Il mancato superamento dell'esame comporta l'impossibilità di sostenere gli esami finali di Diritto privato e di Diritto costituzionale. Il superamento dell'esame di Elementi di logica, per contro, comporta l'immediato sblocco della possibilità di iscriversi alle prove finali di tali corsi.
Sono dispensati da Elementi di logica coloro che, pur essendo risultati insufficienti nel test di logica, abbiano superato le prove intermedie di Diritto privato e di Diritto costitu-zionale.
Materiale didattico e bibliografia
Studenti frequentanti: Materiali forniti dai docenti durante le lezioni
STUDENTI NON FREQUENTANTI
Materiale didattico e bibliografia
Studenti non-frequentanti: Armando Massarenti e Paolo Legrenzi, La buona logica. Mi-lano: Cortina
Periodo
Secondo semestre
3
Edizione attiva
Responsabile
IUS/20 - FILOSOFIA DEL DIRITTO - CFU: 3
Lezioni: 21 ore
Docente: Feis Guglielmo
Periodo
Secondo semestre
Periodo
Secondo semestre
Modalità di valutazione
Attestato frequenza
Giudizio di valutazione
con verifica abilita
Docente/i
Ricevimento:
riceve il mercoledì alle ore 15.00, previa conferma con email inviata a edoardo.fittipaldi@gmail.com
Dipartimento Cesare Beccaria, Sezione di Filosofia e Sociologia del diritto
Ricevimento:
giovedì e venerdì dalle ore 15 alla ore 18 previo appuntamento
Sezione Filosofia e Sociologia del diritto