Lingua latina lm

A.A. 2018/2019
Insegnamento per
9
Crediti massimi
60
Ore totali
SSD
L-FIL-LET/04
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Conoscenze: come prerequisito si richiede la solida conoscenza della letteratura latina nel suo sviluppo cronologico e della grammatica latina. Il corso mira all'acquisizione di un'approfondita conoscenza di lessico, morfologia e sintassi del latino, anche in funzione dello sviluppo di un'attitudine alla riflessione metalinguistica.
Capacita': nelle unità didattiche A-B si mira a sviluppare un'attitudine alla riflessione approfondita sui testi, che sappia anche avvalersi di strumenti quali edizioni critiche, commenti, studi. Nell'unità didattica B, in particolare, si richiederà agli studenti di collaborare, presentando a lezione contributi su singoli passi o problemi. Al lavoro diretto sui testi latini si aggiunge lo studio di monografie che introducano alla riflessione su singoli aspetti della lingua (Traina), o che descrivano le principali linee della storia del latino, dall'età arcaica a quella tarda (Poli-Poccetti-Santini; Palmer; Mazzini).

Struttura insegnamento e programma

Edizione attiva
Moduli o unità didattiche
Unita' didattica A
L-FIL-LET/04 - LINGUA E LETTERATURA LATINA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unita' didattica B
L-FIL-LET/04 - LINGUA E LETTERATURA LATINA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Unita' didattica C
L-FIL-LET/04 - LINGUA E LETTERATURA LATINA - CFU: 3
Lezioni: 20 ore

Informazioni sul programma
Argomento del corso: Il 'parlato-scritto': le attestazioni letterarie (60 ore; 9 cfu)

Unità didattica A (20 ore; 3 cfu): Il 'parlato-scritto': questioni metodologiche [mutuato da 'Lingua latina', u.d. B]
Unità didattica B (20 ore; 3 cfu): Il 'parlato-scritto': testimonianze letterarie [mutuato da 'Lingua latina', u.d. B]. L'u.d. è svolta in forma seminariale

Il corso e' obbligatorio per gli studenti della laurea magistrale di 'Filologia, letterature, storia dell'antichita'' (6 cfu). Il corso è rivolto inoltre agli studenti del Corso di laurea magistrale in 'Lettere moderne', qualora abbiano già sostenuto un esame di 'Lingua latina' al triennio; se non hanno sostenuto tale esame, gli studenti di 'Lettere moderne' dovranno attenersi al programma di 'Lingua latina'). Gli studenti che volessero sostenere un esame da 9 cfu devono concordare un programma apposito con la docente.
Si ricorda che l'esame di Lingua latina può essere affrontato solo dopo l'avvenuto superamento dello scritto laurea magistrale (versione con dizionario) di "Letteratura latina - laurea magistrale".
Presentazione del corso
Si affronteranno alcune questioni metodologiche (definizione di 'parlato-scritto'; tratti universali e tratti storici dell'oralità; fonti) e si indagherà la presenza in testi latini letterari di tratti della lingua parlata, in particolare nel libro IX delle Metamorfosi di Apuleio.
Sito del corso: https://pmorettill.ariel.ctu.unimi.it/v5/home/Default.aspx. Sul sito si trovano: programmi definitivi (dopo la fine del corso), materiali utilizzati a lezione, indicazioni e avvisi aggiornati dal docente.

Prerequisiti
Si richiedono: (1) solida conoscenza della letteratura latina nel suo sviluppo cronologico (si consiglia di aver sostenuto almeno l'esame orale di 'Letteratura latina' LT); (2) solida conoscenza di lessico, morfologia e sintassi del latino.

Risultati di apprendimento
Conoscenze: riflessione su categorie linguistiche generali, proprie del latino come pure di altre lingue moderne e antiche.
Competenze: si mira a sviluppare un'attitudine alla riflessione approfondita sui testi, che sappia anche avvalersi di strumenti quali edizioni critiche, commenti, studi. Il coinvolgimento attivo degli studenti (u.d. B) punta ad abilitarli a un lavoro autonomo su testi e su strumenti utili all'indagine linguistica.

Indicazioni bibliografiche

Unità didattica A:
Parte generale: 1) traduzione di: Plauto, Anfitrione, a cura di R. Oniga, Marsilio; 2) studio di: C. Santini, Lingue e generi letterari dalle origini agli Antonini, in P. Poccetti - D. Poli - C. Santini, Una storia della lingua latina: formazione, usi, comunicazione, Carocci, Roma 2003, pp. 235-376 (III capitolo); OPPURE: L.R. Palmer, La lingua latina, Einaudi, Torino 1977, parte I (Lineamenti di storia della lingua latina); OPPURE I. Mazzini, Storia della lingua latina e del suo contesto. Volume 1: linguistica e lingua letteraria, ed. Salerno 2007; OPPURE I. Mazzini, Storia della lingua latina e del suo contesto. Volume 2: le lingue socialmente marcate, ed. Salerno 2010; 3) per chi non lo abbia già affrontato in un precedente esame di Lingua latina, studio di: A. Traina - G. Bernardi Perini, Propedeutica al latino universitario, Bologna, Pa'tron, 1998, capitoli 1-6.
- Corso: I testi che saranno analizzati a lezione saranno pubblicati sul sito Ariel del corso.

Unità didattica B: vedi u.d. A.

Programma per STUDENTI NON FREQUENTANTI
Data la natura linguistica dell'insegnamento, si invitano gli studenti a sostenere l'esame da frequentanti. Gli studenti che, per giustificati motivi, volessero sostenere l'esame come non frequentanti, devono:
- per la parte generale: attenersi alle indicazioni fornite ai frequentati;
- per il corso: sostituirlo con lo studio dei seguenti testi:
- Unità didattica B: Studio di J.B. Hofmann, La lingua d'uso latina, Bologna, Pàtron 2003.
- Unità didattica C: Una selezione di capitoli tratti da Apuleio, Metamorfosi, libro IX (accompagnati dal commento di S. Mattiacci, Le novelle dell'adulterio (Metamorfosi IX), Firenze, Le lettere 1996. La lista dei capitoli sarà pubblicata al termine delle lezioni sul sito Ariel del corso.

Avvertenza
Gli studenti internazionali o Erasmus incoming sono invitati a prendere tempestivamente contatto col docente titolare del corso.
Le modalità d'esame per studenti con disabilità e/o con DSA dovranno essere concordate col docente, in accordo con l'Ufficio competente.

13/09/2018
Prerequisiti e modalità di esame
Orale. La prova consiste di un colloquio sugli argomenti a programma, volto ad accertare le conoscenze e competenze acquisite dallo studente. Il colloquio, nelle sue due parti (corso e parte istituzionale), verte su uno o più testi latini scelti tra quelli inclusi nel programma. Agli studenti sarà richiesto non solo di saper leggere e tradurre tali testi, ma soprattutto, prendendo spunto da essi, di riflettere su questioni linguistiche di ordine più generale, secondo il metodo appreso a lezione e sulla base dei testi studiati nella parte istituzionale.
Periodo
Primo semestre
Periodo
Primo semestre
Modalità di valutazione
Esame
Giudizio di valutazione
voto verbalizzato in trentesimi
Docente/i
Ricevimento:
Dopo l'inizio delle lezioni, il ricevimento di terrà il giovedì, ore 10.30-13.30. Giovedì 19/09, il ricevimento si interrompe alle ore 13.00.
Filologia classica - Cortile Legnaia - Primo piano