Legislazione mangimistica

A.A. 2018/2019
Insegnamento per
3
Crediti massimi
32
Ore totali
SSD
VET/08
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Le materie dell'insegnamento di LEGISLAZIONE MANGIMISTICA sono indirizzate alla conoscenza dei principi e delle finalità della legislazione in materia, alla regolamentazione di tutta la filiera di preparazione, commercio, distribuzione di mangimi, alle normative sui controlli ufficiali specifici per il campionamento.
Con l'insegnamento della LEGISLAZIONE MANGIMISTICA, si approfondisce nello specifico il panorama legislativo relativo all'alimentazione degli animali.

Struttura insegnamento e programma

Edizione attiva
Responsabile
VET/08 - CLINICA MEDICA VETERINARIA - CFU: 3
Esercitazioni: 16 ore
Lezioni: 16 ore
Docente: Ruffo Giancarlo
STUDENTI FREQUENTANTI
Programma
Didattica frontale
-L'ALIMENTAZIONE DEGLI ANIMALI NELLA NORMATIVA NAZIONALE
Disciplina della produzione e commercializzazione dei mangimi
Definizioni di mangime
Immissione in commercio e identificazione dei mangimi
Disposizioni relative ai tenori
Disposizioni relative agli agenti leganti e denaturanti
Autorizzazioni per la produzione e la lavorazione di mangimi
Disposizioni relative all'importazione di mangimi
Deroghe alle norme di confezionamento
Etichettatura
Indicazioni obbligatorie per i mangimi semplici
Indicazioni obbligatorie per i mangimi composti
Gli animali e il concetto di "Razione giornaliera"
-LA LEGISLAZIONE MANGIMISTICA NELL'UNIONE EUROPEA
La Legislazione Alimentare dell'Unione Europea e il ruolo della Legislazione Mangimistica
I Principi generali della Legislazione Alimentare
Ambito di applicazione
La rintracciabilità e gli obblighi degli operatori
L'analisi del rischio per i mangimi
I Requisiti di sicurezza dei mangimi
Provvedimenti e misure da adottare
Compiti e attribuzioni degli Stati Membri
Obblighi e responsabilità degli operatori
Non conformità ai requisiti di sicurezza dei mangimi: la procedura da adottare
Modalità di ritiro dei mangimi
La procedura comunitaria in caso di rischio alla salute degli animali
Sistema di allarme rapido
Diritto di informazione dei cittadini
I Provvedimenti nelle situazioni d'emergenza
I 'Casi urgenti'
Gestione delle crisi
Disposizioni per il commercio di mangimi con i Paesi Terzi
I requisiti per l'igiene dei mangimi e la rintracciabilità
Casi di non applicabilità del Regolamento
L'introduzione del sistema di analisi di rischio e punti critici di controllo (HACCP) nel settore mangimistico
La Produzione primaria
Le ulteriori e diverse Operazioni di produzione di mangimi rispetto alla produzione primaria
Impianti e attrezzatura
Personale
Produzione
Controllo di qualità
Stoccaggio e trasporto
Tenuta dei Registri
Reclami e ritiro dei prodotti
Buone pratiche di alimentazione degli animali
Pascolo
Prescrizioni relative alle attrezzature da stalla e per la somministrazione dei mangimi
Somministrazione dei mangimi
Mangimi e acqua
Personale
I manuali di corretta prassi
Individuazione dell'Autorità competente e aspetti amministrativi: il riconoscimento e la registrazione
La registrazione degli stabilimenti
Il riconoscimento degli stabilimenti
Procedura di riconoscimento
Sospensione della registrazione o del riconoscimento
Revoca della registrazione o del riconoscimento
Obblighi dell'autorità competente ai sensi del Regolamento
Importazioni
Esportazioni
Sanzioni
Gli additivi destinati all'alimentazione animale
Campo di applicazione e definizioni
Immissione sul mercato, trasformazione e uso.
Autorizzazione.
Categorie di additivi per mangimi.
Parere dell'Autorità.
Autorizzazione della Comunità.
Vigilanza.
Etichettatura e confezionamento
Registro comunitario degli additivi per mangimi.
Laboratori di riferimento.
Allegato I Gruppi di additivi
Allegato III Requisiti specifici relativi all'etichettatura di alcuni additivi per mangimi e premiscele
Allegato IV Condizioni generali di utilizzazione
-L'ETICHETTATURA DEI MANGIMI
-I MANGIMI MEDICATI
-ORGANIZZAZIONE DEI CONTROLLI UFFICIALI NELL'ALIMENTAZIONE DEGLI ANIMALI
Finalità ed importanza del controlli ufficiali
Definizioni e ambito di applicazione
Compiti degli Stati membri e delle autorità competenti
Attività, metodi e tecniche di controllo dei mangimi
Campionamento ed analisi
Adempimenti delle autorità competenti e misure da adottarsi
Misure nazionali di attuazione
Controlli ufficiali per l'importazione di mangimi dai paesi terzi
-APPLICAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO 10 MAGGIO 2004, N. 149 IN MATERIA DI SOSTANZE INDESIDERABILI NEI MANGIMI
Oggetto e definizione di sostanza indesiderabile
Controlli e procedure dell'Autorità competente
Sanzioni
-UTILIZZO COME MATERIE PRIME PER MANGIMI DEI SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE
-LE FARINE DI CARNE UTILIZZATE COME MANGIMI: LE LIMITAZIONI IMPOSTE DALLA LEGGE
-I MANGIMI GENETICAMENTE MODIFICATI, IL PRINCIPIO DI PRECAUZIONE, E LA VALUTAZIONE SCIENTIFICA DEL RISCHIO ALLA SALUTE DEGLI ANIMALI E DELL'AMBIENTE
La Tracciabilità di un alimento o di un mangime OGM
L'Etichettatura di un alimento o di un mangime OGM
Misure di ispezione e controllo
Definizioni
Registro comunitario
Misure d'emergenza
Mangimi geneticamente modificati
Autorizzazione
Etichettatura

Esercitazioni
Predisposizione di un parere o di una perizia relativi alla materia specifica e valutazione delle possibili conseguenze.
Informazioni sul programma
Le materie dell'insegnamento di LEGISLAZIONE MANGIMISTICA sono indirizzate alla conoscenza dei principi e delle finalità della legislazione in materia, alla regolamentazione di tutta la filiera di preparazione, commercio, distribuzione di mangimi, alle normative sui controlli ufficiali specifici per il campionamento.
Propedeuticità
aver superato l'esame di Legislazione o affini (corso ABA)
Prerequisiti e modalità di esame
Nessun prerequisito.
Esame in forma orale
Metodi didattici
Didattica frontale ed esercitazioni.
risoluzione di Case studies con gli studenti
Materiale didattico e bibliografia
-DIRITTO E LEGISLAZIONE VETERINARIA, F. Pezza, G. Ruffo, P. Fossati, Trattato in volume unico, 412 pagine, Le Point Veterinaire Italie, Milano. Testo qualificato edito da Casa editrice specializzata in materia medico-scientifica. ISBN 978-88-95995-46-5
-APPUNTI DI LEGISLAZIONE MANGIMISTICA, Aggiornamento delle disposizioni legislative e relativo commento.
STUDENTI NON FREQUENTANTI
Programma
Didattica frontale
-L'ALIMENTAZIONE DEGLI ANIMALI NELLA NORMATIVA NAZIONALE
Disciplina della produzione e commercializzazione dei mangimi
Definizioni di mangime
Immissione in commercio e identificazione dei mangimi
Disposizioni relative ai tenori
Disposizioni relative agli agenti leganti e denaturanti
Autorizzazioni per la produzione e la lavorazione di mangimi
Disposizioni relative all'importazione di mangimi
Deroghe alle norme di confezionamento
Etichettatura
Indicazioni obbligatorie per i mangimi semplici
Indicazioni obbligatorie per i mangimi composti
Gli animali e il concetto di "Razione giornaliera"
-LA LEGISLAZIONE MANGIMISTICA NELL'UNIONE EUROPEA
La Legislazione Alimentare dell'Unione Europea e il ruolo della Legislazione Mangimistica
I Principi generali della Legislazione Alimentare
Ambito di applicazione
La rintracciabilità e gli obblighi degli operatori
L'analisi del rischio per i mangimi
I Requisiti di sicurezza dei mangimi
Provvedimenti e misure da adottare
Compiti e attribuzioni degli Stati Membri
Obblighi e responsabilità degli operatori
Non conformità ai requisiti di sicurezza dei mangimi: la procedura da adottare
Modalità di ritiro dei mangimi
La procedura comunitaria in caso di rischio alla salute degli animali
Sistema di allarme rapido
Diritto di informazione dei cittadini
I Provvedimenti nelle situazioni d'emergenza
I 'Casi urgenti'
Gestione delle crisi
Disposizioni per il commercio di mangimi con i Paesi Terzi
I requisiti per l'igiene dei mangimi e la rintracciabilità
Casi di non applicabilità del Regolamento
L'introduzione del sistema di analisi di rischio e punti critici di controllo (HACCP) nel settore mangimistico
La Produzione primaria
Le ulteriori e diverse Operazioni di produzione di mangimi rispetto alla produzione primaria
Impianti e attrezzatura
Personale
Produzione
Controllo di qualità
Stoccaggio e trasporto
Tenuta dei Registri
Reclami e ritiro dei prodotti
Buone pratiche di alimentazione degli animali
Pascolo
Prescrizioni relative alle attrezzature da stalla e per la somministrazione dei mangimi
Somministrazione dei mangimi
Mangimi e acqua
Personale
I manuali di corretta prassi
Individuazione dell'Autorità competente e aspetti amministrativi: il riconoscimento e la registrazione
La registrazione degli stabilimenti
Il riconoscimento degli stabilimenti
Procedura di riconoscimento
Sospensione della registrazione o del riconoscimento
Revoca della registrazione o del riconoscimento
Obblighi dell'autorità competente ai sensi del Regolamento
Importazioni
Esportazioni
Sanzioni
Gli additivi destinati all'alimentazione animale
Campo di applicazione e definizioni
Immissione sul mercato, trasformazione e uso.
Autorizzazione.
Categorie di additivi per mangimi.
Parere dell'Autorità.
Autorizzazione della Comunità.
Vigilanza.
Etichettatura e confezionamento
Registro comunitario degli additivi per mangimi.
Laboratori di riferimento.
Allegato I Gruppi di additivi
Allegato III Requisiti specifici relativi all'etichettatura di alcuni additivi per mangimi e premiscele
Allegato IV Condizioni generali di utilizzazione
-L'ETICHETTATURA DEI MANGIMI
-I MANGIMI MEDICATI
-ORGANIZZAZIONE DEI CONTROLLI UFFICIALI NELL'ALIMENTAZIONE DEGLI ANIMALI
Finalità ed importanza del controlli ufficiali
Definizioni e ambito di applicazione
Compiti degli Stati membri e delle autorità competenti
Attività, metodi e tecniche di controllo dei mangimi
Campionamento ed analisi
Adempimenti delle autorità competenti e misure da adottarsi
Misure nazionali di attuazione
Controlli ufficiali per l'importazione di mangimi dai paesi terzi
-APPLICAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO 10 MAGGIO 2004, N. 149 IN MATERIA DI SOSTANZE INDESIDERABILI NEI MANGIMI
Oggetto e definizione di sostanza indesiderabile
Controlli e procedure dell'Autorità competente
Sanzioni
-UTILIZZO COME MATERIE PRIME PER MANGIMI DEI SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE
-LE FARINE DI CARNE UTILIZZATE COME MANGIMI: LE LIMITAZIONI IMPOSTE DALLA LEGGE
-I MANGIMI GENETICAMENTE MODIFICATI, IL PRINCIPIO DI PRECAUZIONE, E LA VALUTAZIONE SCIENTIFICA DEL RISCHIO ALLA SALUTE DEGLI ANIMALI E DELL'AMBIENTE
La Tracciabilità di un alimento o di un mangime OGM
L'Etichettatura di un alimento o di un mangime OGM
Misure di ispezione e controllo
Definizioni
Registro comunitario
Misure d'emergenza
Mangimi geneticamente modificati
Autorizzazione
Etichettatura

Esercitazioni
Predisposizione di un parere o di una perizia relativi alla materia specifica e valutazione delle possibili conseguenze.
Prerequisiti e modalità di esame
Nessun prerequisito.
Esame in forma orale
Materiale didattico e bibliografia
-DIRITTO E LEGISLAZIONE VETERINARIA, F. Pezza, G. Ruffo, P. Fossati, Trattato in volume unico, 412 pagine, Le Point Veterinaire Italie, Milano. Testo qualificato edito da Casa editrice specializzata in materia medico-scientifica. ISBN 978-88-95995-46-5
-APPUNTI DI LEGISLAZIONE MANGIMISTICA, Aggiornamento delle disposizioni legislative e relativo commento.
Periodo
Primo semestre
Periodo
Primo semestre
Modalità di valutazione
Esame
Giudizio di valutazione
voto verbalizzato in trentesimi
Docente/i
Ricevimento:
giovedì dalle ore 10'00 alle ore 16'00
Ufficio via celoria 10 Milano