Farmacognosia 1

A.A. 2019/2020
Insegnamento per
6
Crediti massimi
56
Ore totali
SSD
BIO/15
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Il corso permette di acquisire le conoscenze di base per l'uso corretto e sicuro delle piante medicinali e dei loro derivati.
Il corso fornisce le basi per la comprensione delle caratteristiche e dell'attività delle piante medicinali. Vengono anche fornite nozioni relative alla raccolta, preparazione, conservazione e controllo di qualità delle droghe vegetali e dei loro derivati
In particolare vengono anche discusse le più recenti applicazioni delle biotecnologie alle piante medicinali.

Struttura insegnamento e programma

Edizione attiva
Responsabile
BIO/15 - BIOLOGIA FARMACEUTICA - CFU: 6
Esercitazioni di laboratorio a posto singolo: 16 ore
Lezioni: 40 ore
Docente: Caffino Lucia
Turni:
Docente: Caffino Lucia
Turno 1
Docente: Caffino Lucia
Turno 2
Docente: Caffino Lucia
STUDENTI FREQUENTANTI
Programma
Lezioni frontali:
La farmacognosia: introduzione, definizione e cenni storici di Farmacognosia e Fitoterapia. Concetti di pianta medicinale, droga, principio attivo, droghe organizzate e non; le Farmacopee.
· Il fitocomplesso: caratteristiche chimiche e farmacologiche (interazioni fra i componenti)
· Fattori di variabilità del contenuto in principi attivi: fattori endogeni e ontogenetici, fattori esogeni, fattori artificiali o tecnici.
· Identificazione di una droga: caratteristiche macroscopiche e microscopiche, alcuni esempi.
· Sistemi di estrazione e purificazione delle droghe e loro caratteristiche
· Controlli di qualità sulle droghe: botanico, microscopico, chimico, e standardizzazione secondo le norme di Farmacopea. Esempi monografici per il controllo di qualità.
· Sofisticazione, adulterazione, falsificazione, alterazione, contraffazione: definizioni ed esempi
· Conservazione di una droga: liofilizzazione, essicamento, stabilizzazione, fenomeni di contaminazione
· Metabolismo secondario e sue funzioni nella fisiologia dei vegetali principali cicli biosintetici dei composti del metabolismo secondario.
· Nozioni di base sulle principali classi di principi attivi di origine vegetaleand eof
· Accenni alle biotecnologie applicate alle piante medicinali: selezione, ibridazione, mutazione genetica, colture in vitro di cellule vegetali e manipolazioni genetiche.
· Formulazioni galeniche ed erboristiche.
· Accenni alle medicine non convenzionali.

Sono previsti seminari di esperti nel settore delle piante medicinali.

Esercitazioni: Durante le esercitazioni lo studente procederà al riconoscimento e all'identificazione di diverse classi di composti di interesse farmacologico presenti in varie droghe vegetali, attraverso i seguenti saggi:
· riconoscimento della presenza di tannini in diverse droghe vegetali attraverso tre differenti saggi: formazione di un flocculato con la reazione "sale-gelatina", reazione del cloruro di ferro e reazione con il butanolo;
· valutazione della differenza nel contenuto in mucillagini di due diversi tipi di semi, di lino e psillio, utilizzando l'indice di rigonfiamento;
· individuazione della presenza di antrachinoni su corteccia di cascara, frangola e foglie di senna-cassia attraverso estrazione diretta con idrossido di potassio e utilizzando la reazione di Borntrager;
· riconoscimento della chinina su cortecce di Chincona calisaya attraverso acidificazione con acido solforico e valutazione alla luce UV della fluorescenza emessa dalla chinina solfato;
· riconoscimento della presenza di saponine in semi di ippocastano e nei frutti di Castanea sativa attraverso la formazione di schiuma. Valutazione dell'indice di schiuma nei semi di ippocastano;
· preparazione di due estratti idroalcolici a partire dai capolini di Matricaria chamomilla L. e Anthemis nobilis L. Valutazione della differente composizione in flavonoidi e acidi fenolici dei due tipi di camomilla attraverso TLC.
Informazioni sul programma
Obiettivi: Il corso permette di acquisire le conoscenze di base per l'uso corretto e sicuro delle piante medicinali e dei loro derivati.
Il corso fornisce le basi per la comprensione delle caratteristiche e dell'attività delle piante medicinali. Vengono fornite nozioni relative alla raccolta, preparazione, conservazione e controllo di qualità delle droghe vegetali e dei loro derivati
In particolare vengono anche discusse le più recenti applicazioni delle biotecnologie alle piante medicinali.
Il corso di Farmacognosia I prevede anche delle esercitazioni a posto singolo (16 ore, a frequenza obbligatoria), che consentiranno allo studente di accostarsi per la prima volta ad un laboratorio di Farmacognosia, mettendo in pratica alcune delle nozioni apprese durante il corso.
Prerequisiti e modalità di esame
Modalità d'esame: L'esame è costituito da una prova scritta di un'ora e 30 minuti concernente gli argomenti trattati nel corso che consterà di 4 domande aperte e 10 domande a risposta multipla. Per ogni quesito posto, la valutazione avverrà in base alla correttezza della risposta e alla comprensione dimostrata dei principi appresi.
Metodi didattici
lezioni frontali e laboratori obbligatori a posto singolo
Materiale didattico e bibliografia
- MANUALE DELL'ERBORISTA: Biosintesi, estrazione e identificazione delle sostanze di origine vegetale. I. Morelli, G. Flamini, L. Pistelli. Casa editrice: tecniche nuove , 2005
- FARMACOGNOSIA: Botanica, chimica e farmacologia delle piante medicinali F. Capasso, R. De Pasquale, G. Grandolini. Casa editrice: Springer, 2011, Milano.
- MANUALE DELLE PREPARAZIONI ERBORISTICHE: Fitoterapici, fitocosmetici, prodotti erboristici, integratori alimentari a base di piante. Casa editrice: tecniche nuove 2009
- FARMACOGNOSIA Trease & Evans. Casa editrice: Piccin, 1995, Milano

Materiale didattico disponibile sul sito ariel https://lcaffinof1.ariel.ctu.unimi.it.
STUDENTI NON FREQUENTANTI
Programma
Lezioni frontali:
La farmacognosia: introduzione, definizione e cenni storici di Farmacognosia e Fitoterapia. Concetti di pianta medicinale, droga, principio attivo, droghe organizzate e non; le Farmacopee.
· Il fitocomplesso: caratteristiche chimiche e farmacologiche (interazioni fra i componenti)
· Fattori di variabilità del contenuto in principi attivi: fattori endogeni e ontogenetici, fattori esogeni, fattori artificiali o tecnici.
· Identificazione di una droga: caratteristiche macroscopiche e microscopiche, alcuni esempi.
· Sistemi di estrazione e purificazione delle droghe e loro caratteristiche
· Controlli di qualità sulle droghe: botanico, microscopico, chimico, e standardizzazione secondo le norme di Farmacopea. Esempi monografici per il controllo di qualità.
· Sofisticazione, adulterazione, falsificazione, alterazione, contraffazione: definizioni ed esempi
· Conservazione di una droga: liofilizzazione, essicamento, stabilizzazione, fenomeni di contaminazione
· Metabolismo secondario e sue funzioni nella fisiologia dei vegetali principali cicli biosintetici dei composti del metabolismo secondario.
· Nozioni di base sulle principali classi di principi attivi di origine vegetaleand eof
· Accenni alle biotecnologie applicate alle piante medicinali: selezione, ibridazione, mutazione genetica, colture in vitro di cellule vegetali e manipolazioni genetiche.
· Formulazioni galeniche ed erboristiche.
· Accenni alle medicine non convenzionali.

Sono previsti seminari di esperti nel settore delle piante medicinali.

Esercitazioni: Durante le esercitazioni lo studente procederà al riconoscimento e all'identificazione di diverse classi di composti di interesse farmacologico presenti in varie droghe vegetali, attraverso i seguenti saggi:
· riconoscimento della presenza di tannini in diverse droghe vegetali attraverso tre differenti saggi: formazione di un flocculato con la reazione "sale-gelatina", reazione del cloruro di ferro e reazione con il butanolo;
· valutazione della differenza nel contenuto in mucillagini di due diversi tipi di semi, di lino e psillio, utilizzando l'indice di rigonfiamento;
· individuazione della presenza di antrachinoni su corteccia di cascara, frangola e foglie di senna-cassia attraverso estrazione diretta con idrossido di potassio e utilizzando la reazione di Borntrager;
· riconoscimento della chinina su cortecce di Chincona calisaya attraverso acidificazione con acido solforico e valutazione alla luce UV della fluorescenza emessa dalla chinina solfato;
· riconoscimento della presenza di saponine in semi di ippocastano e nei frutti di Castanea sativa attraverso la formazione di schiuma. Valutazione dell'indice di schiuma nei semi di ippocastano;
· preparazione di due estratti idroalcolici a partire dai capolini di Matricaria chamomilla L. e Anthemis nobilis L. Valutazione della differente composizione in flavonoidi e acidi fenolici dei due tipi di camomilla attraverso TLC.
Prerequisiti e modalità di esame
Modalità d'esame: L'esame è costituito da una prova scritta di un'ora e 30 minuti concernente gli argomenti trattati nel corso che consterà di 4 domande aperte e 10 domande a risposta multipla. Per ogni quesito posto, la valutazione avverrà in base alla correttezza della risposta e alla comprensione dimostrata dei principi appresi.
Materiale didattico e bibliografia
- MANUALE DELL'ERBORISTA: Biosintesi, estrazione e identificazione delle sostanze di origine vegetale. I. Morelli, G. Flamini, L. Pistelli. Casa editrice: tecniche nuove , 2005
- FARMACOGNOSIA: Botanica, chimica e farmacologia delle piante medicinali F. Capasso, R. De Pasquale, G. Grandolini. Casa editrice: Springer, 2011, Milano.
- MANUALE DELLE PREPARAZIONI ERBORISTICHE: Fitoterapici, fitocosmetici, prodotti erboristici, integratori alimentari a base di piante. Casa editrice: tecniche nuove 2009
- FARMACOGNOSIA Trease & Evans. Casa editrice: Piccin, 1995, Milano

Materiale didattico disponibile sul sito ariel https://lcaffinof1.ariel.ctu.unimi.it.
Periodo
Secondo semestre
Periodo
Secondo semestre
Modalità di valutazione
Esame
Giudizio di valutazione
voto verbalizzato in trentesimi
Docente/i
Ricevimento:
lunedì-venerdì 9:00-18:00, previo appuntamento via mail
Dipartimento di Scienze Farmacologiche e Biomolecolari, via Balzaretti 9