Laboratorio di fisica della materia 2

A.A. 2019/2020
Insegnamento per
6
Crediti massimi
62
Ore totali
SSD
FIS/03
Lingua
Italiano
Obiettivi formativi
Il corso si propone di aiutare gli studenti a sviluppare le capacità per:

1. Riconoscere il principio di funzionamento di un apparato di misura e distinguere la funzione ed il ruolo dei singoli componenti di un apparato sperimentale complesso.

2. Sapere determinare attraverso l'analisi di dati sperimentali la caratteristica di un sistema fisico; riconoscere le relazioni esistenti tra valori misurati e risposta del sistema.

3. Saper progettare esperimenti rivolti alla determinazione della caratteristica di un sistema fisico.

4. Sapere scegliere ed interpretare la letteratura scientifica rilevante per un confronto con le proprie attività sperimentali.

Struttura insegnamento e programma

Edizione attiva
FIS/03 - FISICA DELLA MATERIA - CFU: 6
Laboratori: 48 ore
Lezioni: 14 ore
Programma
Attraverso un percorso che conduce alla realizzazione di celle fotovoltaiche elettrochimiche di tipo DSSC (Dye Sensitized Solar Cell), gli studenti incontrano diverse tecniche sperimentali rilevanti per la fisica della materia, scegliendo tra quelle disponibili, che comprendono:

Sintesi sol-gel
Spin-coating
Physical Vapour Deposition
Spettroscopia FTIR
Spettroscopia UV-Vis
Fluorimetria
Ellissometria ottica
Microscopia elettronica
Microscopia AFM
Profilometria a stilo
Cromatografia
Spettroscopia di Impedenza Elettrochimica

Le diverse tecniche vengono utilizzate dagli studenti per preparare e caratterizzare gli elettrodi di TiO2 nanostrutturato da utilizzare nella cella dopo averne funzionalizzato la superficie con coloranti sintetici o pigmenti naturali da loro estratti.
Prerequisiti e modalità di esame
L'esame consiste in una discussione orale che verte sugli argomenti trattati nel corso.
Metodi didattici
Modalità di frequenza:
Fortemente consigliata
Modalità di erogazione:
Tradizionale
Periodo
Secondo semestre
Periodo
Secondo semestre
Modalità di valutazione
Esame
Giudizio di valutazione
voto verbalizzato in trentesimi