Modelli di studio e impiego di fitoterapici

A.A. 2019/2020
Insegnamento per
11
Crediti massimi
88
Ore totali
SSD
BIO/14 BIO/15
Lingua
Italiano

Struttura insegnamento e programma

Edizione attiva
Responsabile
Moduli o unità didattiche
Fitoterapia
BIO/15 - BIOLOGIA FARMACEUTICA - CFU: 5
Lezioni: 40 ore
Docente: Dell'Agli Mario

Modelli di studio dell'attività biologica di sostanze naturali
BIO/14 - FARMACOLOGIA - CFU: 6
Lezioni: 48 ore
Docente: Camera Marina

STUDENTI FREQUENTANTI
Informazioni sul programma
General aim of the teaching.
The teaching will allow the comprehension of the principal methodologies that are currently used to test the effects of drugs and plant material. Some of the methods described are classical experimental pharmacology. The goal of this course is to give ground for testing the potential pharmacological activity of plant-derived materials.
The course aims to provide information on the study of Phytotherapy, focusing on medicinal plants or botanicals with pharmacological activity, and their therapeutic and clinical use. The course will be focused on adverse therapeutic use of plants and adverse effects which may occur.
Propedeuticità
Chimica generale e inorganica
Chimica organica
Farmacologia e tossicologia
Patologia generale e fisiopatologia
Biochimica e nutrizione umana
Biologia vegetale e botanica farmaceutica
Biologia
Fisiologia con elementi di anatomia umana
Prerequisiti e modalità di esame
Esame orale (voto espresso in trentesimi) della durata di circa 25-30 minuti. Al candidato saranno poste tre domande, la prima su concetti generali relativi ai prodotti fitoterapici, le altre due relative agli usi dei prodotti fitoterapici trattati durante il corso. Per il superamento dell'esame, il candidato dovrà rispondere in modo esaustivo ad almeno due delle tre domande.
Trattandosi di un modulo di un corso integrato, il voto finale sarà calcolato utilizzando la media ponderata (in base ai CFU: 5 per la fitoterapia) delle due votazioni ottenute.
Metodi didattici
Lezioni frontali e visite guidate
Fitoterapia
Programma
La fitoterapia: definizione e cenni storici, dall'Antichità alla fitoterapia moderna. La droga e il fitocomplesso. La natura del fitocomplesso e le interazioni fra le molecole che lo compongono. Efficacia e sicurezza d'uso dei prodotti fitoterapici.
Fitoterapici ad attività immunostimolante: Panax ginseng C.A. Meyer (Ginseng), Echinacea spp. (E. purpurea, E. Pallida), Astragalus membranaceus (Astragalo), Rhodiola rosea (Rodiola), Eleutherococcus senticosus (Eleuterococco), Schisandra chinensis (Schisandra). Droghe che agiscono nelle infezioni delle vie urinarie: Mirtillo nero (Vaccinium myrtillus) e mirtillo rosso europeo (Vaccinium vitis idaea). Mirtillo rosso americano (cranberry, Vaccinium macrocarpon) nelle infiammazioni urinarie, principi attivi e meccanismo d'azione. Uva ursina (Arctostaphylos uva-ursi) e arbutina. Droghe che agiscono sulla neurotrasmissione gabaergica e droghe che inducono il sonno: valeriana (Valeriana officinalis), luppolo (Humulus lupulus), passiflora (Passiflora incarnata), melissa (Melissa officinalis). Droghe utili nelle disfunzioni cerebrali: bacopa (Bacopa monnieri), curcuma (Curcuma longa), ginkgo (Ginkgo biloba), rhodiola (Rhodiola rosea). Droghe a xantine: caffè (Coffea arabica), thè (Camellia sinensis syn. Thea sinensis), guaranà (Paullinia cupana), matè (Ilex paraguariensis), Cola (Cola spp.), cacao (Theobroma cacao).
Fitoterapici nell'iperplasia prostatica benigna: Serenoa repens, Pygeum africanum, Urtica dioica, semi di zucca. Fitoestrogeni e Piante medicinali utili nelle sindromi menopausali e premestruali: fitoestrogeni, soja e Cimicifuga racemosa, Trifoglio rosso, Agnocasto e borsa del pastore.
Fitoterapici utili nei disturbi gastrointestinali; le droghe attive sullo stomaco-eupeptici e amari: genziana (Gentiana lutea), centaurea minore (Centaurium erythraea), arancio amaro (Citrus aurantium), assenzio (Artemisia absinthium), china (Cinchona spp.), lichene islandico (Cetraria islandica). Le infiammazioni gastriche: gastrite e ulcera. Liquirizia (Glycyrrhiza glabra) ed effetto anti-Helicobacter pylori. Le infiammazioni intestinali: IBD, colite ulcerosa e morbo di Crohn. Lassativi antrachinonici, fonti e meccanismo d'azione. La senna (Cassia angustifolia). Droghe utili nelle infiammazioni intestinali: Aloe, artemisia, andrographis e boswellia (Boswellia serrata), droga della boswellia e principi attivi. Lassativi di massa, gomme (sterculia, adragante, tamarindo) e mucillagini (Plantago ovata, Linum usitatissimum). Il glucomannano (Amorphophallus konjak), manna (Fraxinus spp.). Antielmintici, alcuni esempi. Antidiarroici (tannini). Droghe contro la nausea: zenzero (Gingiber officinale). Piante contro le emorroidi: ippocastano (Aesculus ippocastanum), pungitopo (Ruscus aculeatus), vite rossa (Vitis vinifera cv. Tenturiers). Fitoterapici attivi sul sistema cardiovascolare e nel controllo delle dislipidemie: Berberina, fitosteroli, riso rosso fermentato, aglio, fibre solubili, piantaggine, glucomannano, commiphora, policosanoli, licopene.
Fitoterapici che agiscono sulla cute (Melaleuca, basilico orientale, Aloe, Curcuma, Centella, Amamelide e piante minori). Fitoterapici nelle patologie epatiche: Cardo mariano, fillanto, Sophora, liquirizia, soja. Curcuma, chelidonio, carciofo e boldo nelle patologie delle vie biliari.
Visita all'orto Botanico di Brera.
Metodi didattici
Lezioni frontali e visita all'Orto Botanico di brera
Materiale didattico e bibliografia
Capasso F., Grandolini G. Izzo A. Fitoterapia. Springer, Milano.
STUDENTI NON FREQUENTANTI
Prerequisiti e modalità di esame
Esame orale (voto espresso in trentesimi) della durata di circa 25-30 minuti. Al candidato saranno poste tre domande, la prima su concetti generali relativi ai prodotti fitoterapici, le altre due relative agli usi dei prodotti fitoterapici trattati durante il corso. Per il superamento dell'esame, il candidato dovrà rispondere in modo esaustivo ad almeno due delle tre domande.
Trattandosi di un modulo di un corso integrato, il voto finale sarà calcolato utilizzando la media ponderata (in base ai CFU: 5 per la fitoterapia) delle due votazioni ottenute.
Fitoterapia
Programma
La fitoterapia: definizione e cenni storici, dall'Antichità alla fitoterapia moderna. La droga e il fitocomplesso. La natura del fitocomplesso e le interazioni fra le molecole che lo compongono. Efficacia e sicurezza d'uso dei prodotti fitoterapici.
Fitoterapici ad attività immunostimolante: Panax ginseng C.A. Meyer (Ginseng), Echinacea spp. (E. purpurea, E. Pallida), Astragalus membranaceus (Astragalo), Rhodiola rosea (Rodiola), Eleutherococcus senticosus (Eleuterococco), Schisandra chinensis (Schisandra). Droghe che agiscono nelle infezioni delle vie urinarie: Mirtillo nero (Vaccinium myrtillus) e mirtillo rosso europeo (Vaccinium vitis idaea). Mirtillo rosso americano (cranberry, Vaccinium macrocarpon) nelle infiammazioni urinarie, principi attivi e meccanismo d'azione. Uva ursina (Arctostaphylos uva-ursi) e arbutina. Droghe che agiscono sulla neurotrasmissione gabaergica e droghe che inducono il sonno: valeriana (Valeriana officinalis), luppolo (Humulus lupulus), passiflora (Passiflora incarnata), melissa (Melissa officinalis). Droghe utili nelle disfunzioni cerebrali: bacopa (Bacopa monnieri), curcuma (Curcuma longa), ginkgo (Ginkgo biloba), rhodiola (Rhodiola rosea). Droghe a xantine: caffè (Coffea arabica), thè (Camellia sinensis syn. Thea sinensis), guaranà (Paullinia cupana), matè (Ilex paraguariensis), Cola (Cola spp.), cacao (Theobroma cacao).
Fitoterapici nell'iperplasia prostatica benigna: Serenoa repens, Pygeum africanum, Urtica dioica, semi di zucca. Fitoestrogeni e Piante medicinali utili nelle sindromi menopausali e premestruali: fitoestrogeni, soja e Cimicifuga racemosa, Trifoglio rosso, Agnocasto e borsa del pastore.
Fitoterapici utili nei disturbi gastrointestinali; le droghe attive sullo stomaco-eupeptici e amari: genziana (Gentiana lutea), centaurea minore (Centaurium erythraea), arancio amaro (Citrus aurantium), assenzio (Artemisia absinthium), china (Cinchona spp.), lichene islandico (Cetraria islandica). Le infiammazioni gastriche: gastrite e ulcera. Liquirizia (Glycyrrhiza glabra) ed effetto anti-Helicobacter pylori. Le infiammazioni intestinali: IBD, colite ulcerosa e morbo di Crohn. Lassativi antrachinonici, fonti e meccanismo d'azione. La senna (Cassia angustifolia). Droghe utili nelle infiammazioni intestinali: Aloe, artemisia, andrographis e boswellia (Boswellia serrata), droga della boswellia e principi attivi. Lassativi di massa, gomme (sterculia, adragante, tamarindo) e mucillagini (Plantago ovata, Linum usitatissimum). Il glucomannano (Amorphophallus konjak), manna (Fraxinus spp.). Antielmintici, alcuni esempi. Antidiarroici (tannini). Droghe contro la nausea: zenzero (Gingiber officinale). Piante contro le emorroidi: ippocastano (Aesculus ippocastanum), pungitopo (Ruscus aculeatus), vite rossa (Vitis vinifera cv. Tenturiers). Fitoterapici attivi sul sistema cardiovascolare e nel controllo delle dislipidemie: Berberina, fitosteroli, riso rosso fermentato, aglio, fibre solubili, piantaggine, glucomannano, commiphora, policosanoli, licopene.
Fitoterapici che agiscono sulla cute (Melaleuca, basilico orientale, Aloe, Curcuma, Centella, Amamelide e piante minori). Fitoterapici nelle patologie epatiche: Cardo mariano, fillanto, Sophora, liquirizia, soja. Curcuma, chelidonio, carciofo e boldo nelle patologie delle vie biliari.
Visita all'orto Botanico di Brera.
Materiale didattico e bibliografia
Capasso F., Grandolini G. Izzo A. Fitoterapia. Springer, Milano.
Periodo
annuale
Periodo
annuale
Modalità di valutazione
Esame
Giudizio di valutazione
voto verbalizzato in trentesimi
Docente/i
Ricevimento:
previo appuntamento telefonico o email
Dip. Scienze Farmacologiche, Via Balzaretti, 9
Ricevimento:
previo appuntamento telefonico o per email
Dipartimento di Scienze Farmacologiche